2
aprile

La Casa di Carta riparte dal ferimento di Nairobi e dalla falsa morte di Raquel

Rio, Stoccolma e Denver - La Casa di Carta

Rio, Stoccolma e Denver - La Casa di Carta

La banda del Professore (Alvaro Morte) è pronta a cominciare la guerra. Domani, venerdì 3 aprile 2020, Netflix rilascerà la quarta e attesissima parte de La Casa di Carta, la serie tv iberica diventata un fenomeno internazionale. Negli otto episodi inediti, la narrazione riprenderà dal punto nel quale si era interrotta la scorsa stagione: dopo essere entrati nella Banca di Spagna con l’intento di rubare tutto l’oro, i criminali dovranno infatti lottare con le autorità, non escludendo di ricorrere alla violenza, per salvarsi.

La Casa di Carta: dov’eravamo rimasti

Nell’ultimo episodio del terzo ciclo, l’ispettrice Alicia Sierra (Najwa Nimri) ha deciso di spingersi oltre il limite pur di costringere gli adepti del Professore a rinunciare al colpo. Consapevole del legame tra Nairobi (Alba Flores) e il figlio Axel, la poliziotta ha dunque chiesto ai suoi uomini di portare il bambino nei pressi della Banca, attirando l’attenzione della criminale. Approfittando della situazione, la Sierra ha così fatto in modo che Nairobi, dopo essersi affacciata alla finestra, venisse colpita da un cecchino in pieno petto. Nel frattempo Raquel (Itziar Ituño) – unitasi alla banda col nome di Lisbona - è stata arrestata, anche se la Sierra – utilizzando sempre l’astuzia – ha fatto credere al Professore che la sua amata fosse stata uccisa.

La Casa di Carta 4: trama e anticipazioni

Partendo da questi tragici eventi si svilupperanno tutte le storyline della quarta parte de La Casa de Papel: visto che il Professore non sarà abbastanza lucido sul da farsi, sarà Tokyo (Ursula Corberò) a spronare il capo a riflettere, sottolineando che non ha la certezza della morte di Raquel perché ha sentito soltanto alcuni spari da un collegamento via radio. L’uomo si deciderà quindi a reagire e guiderà i suoi uomini nel disperato tentativo di salvare la vita di Nairobi.

Come se non bastasse, il Professore dovrà anche avere a che fare con gli umori della sua banda: i membri della stessa inizieranno a temere di aver sbagliato a prendere parte al nuovo colpo organizzato da Tokyo per liberare Rio (Miguel Herran). Dopo il ferimento di Nairobi, i criminali sapranno infatti di non godere nemmeno dell’appoggio dell’opinione pubblica, avendo fatto saltare un carro armato per non consentire alla polizia di entrare sul posto. L’atmosfera incandescente non frenerà però la sete di vittoria della Sierra che, a differenza del Tenente Tamajo (Fernando Cayo), vorrà imporsi ad ogni costo sui ladri.

Oltre ai personaggi già citati nella trama, i telespettatori ritroveranno Helsinki (Darko Peric), Denver (Jaime Lorente), Stoccolma (Esther Acebo), Palermo (Rodrigo de la Serna), Bogotá (Hovik Keuchkerian) e Marsiglia (Luka Peros). Continuerà ad avere spazio anche Arturito (Enrique Arce), mentre Berlino (Pedro Alonso) apparirà – tramite flashback – nei ricordi del Professore. La Casa di Carta è stata infine già rinnovata per una quinta stagione, motivo per cui le storie dei personaggi non giungeranno a conclusione con questo ciclo di episodi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Miguel Angel Silvestre
La Casa di Carta: la quinta stagione sarà l’ultima


White Lines - Netflix
White Lines: droga e omicidi nella nuova serie dell’autore de La Casa di Carta


toy boy
Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna


Sana - Skam 4
Skam 4 esce il 15 maggio. Protagonista la musulmana Sana

1 Commento dei lettori »

1. Patrick ha scritto:

3 aprile 2020 alle 03:16

Complimenti per lo spoiler enorme scritto già nel titolo, davvero. E sì che qualcosa di televisione serie dovreste averla capita…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.