13
dicembre

UN CASO DI COSCIENZA 4: LE VICENDE DELL’AVVOCATO TASCA DA STASERA SU RAIUNO

Un Caso di Coscienza 4 (Sebastiano Somma)

Forse per il discretto successo che stanno ottenendo le serie “legal” americane o semplicemente per mancanza di prodotti, comunque sia Mauro Mazza ha deciso di riportare su RaiUno, dopo il passaggio della terza stagione su RaiDue, Un caso di coscienza, in partenza questa sera alle 21.30 con sei episodi inediti.

La serie, girata a Trieste, Roma e in Bulgaria, è basata sulle vicende dell’avvocato penalista Rocco Tasca (interpretato da Sebastiano Somma) impegnato come sempre nei più curiosi casi che tengono banco sui giornali e telegiornali. Una serie  “di stretta attualità” quindi (tra gli autori figura infatti il giornalista Andrea Purgatori, noto soprattutto per le inchieste scottanti sul terrorismo italiano) che vedrà impegnato il cast storico (Stephan Danailov è il detective Virgilio, Loredana Cannata è la socia di studio Alice, Barbara Livi è la moglie di Tasca e la piccola Karen Ciaurro è Eva) e alcune interessanti new entry.

Malasanità, bullismo, morti bianche e grandi gruppi bancari sono solo alcuni dei temi che RaiFiction e Red Film hanno deciso di ricostruire in questa quarta stagione. Ma la vera novità è  rappresentata dall’introduzione di una storyline “orizzontale” che partirà con la morte sospetta del Conte Ranieri (Alfredo Piano), proprietario di una ricca azienda che fa gola a diversi personaggi dalla dubbia onestà.

Tra questi figurano Francesca e Luca Canevari (rispettivamente Imma Piro e Giorgio Lupano), madre e figlio a capo di un importante studio legale, disposti a tutto pur di mettere le mani sulla ricchezza nascosta nella Tenuta del Conte. Ma non sarà  affatto semplice: sul loro percorso incontreranno infatti l’avvocato Tasca, il PM Trapani (Bruno Torrisi) e la sindacalista Lea Graner (Vanessa Gravina), quest’ultima pronta a ricorrere a qualsiasi mezzo per salvare i dipendenti della Tenuta.

Da un’idea di Mario Rossini, le sceneggiature di Un caso di coscienza 4 sono firmate da Andrea Purgatori, Laura Ippoliti, Antonella Grassi, Jim Carrington e Andrea Leoni. La regia è di Luigi Perelli. Prodotto da Mario Rossini per Red Film. Una produzione Rai Fiction.



Articoli che potrebbero interessarti


Raidue Fiction Un caso di Coscienza 4 Nebbie e Delitti 3 @ Davide Maggio .it
MARTEDI’ DI FICTION ITALIANE PER RAIDUE: L’AUTUNNO SI TINGE DI GIALLO CON NEBBIE, DELITTI E CASI DI COSCIENZA


Last Cop Spot
LAST COP: QUESTA SERA PARTE LA QUARTA STAGIONE, ANNUNCIATA DA UNO SPOT AMMICCANTE


Un Caso di coscienza 5 - 2
UN CASO DI COSCIENZA 5: DOMENICA 8 SETTEMBRE TORNA SU RAI1 L’AVVOCATO TASCA


Dove la trovi una come me 7
DOVE LA TROVI UNA COME ME? PESSION E PECCI IN UNA “PRETTY WOMAN” MADE IN ITALY

6 Commenti dei lettori »

1. paolo ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 19:16

guarderò briget jones, film bellissimo!



2. iLollo ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 19:25

la guardavo sempre solamente per vedere la mia Trieste, ma stasera c’è Criminal Minds e non posso mancare!

era divertentissimo vedere la città completamente stravolta: zone pedonali che improvvisamente diventano frequantabili con automobili, luoghi inaccessibili e abbandonati che diventano abitati e trafficati, scene in auto/moto in direzioni completamente opposte al luogo di destinazione, edifici con uso diverso da quello reale, le scene di stessi luoghi utilizzate più volte quando invece l’azione si sta svolgendo in un altro posto… ahah, mi dispiace perdermelo!



3. mandovai ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 20:10

che palle…solita tv per gli over 50



4. elenoireurgot ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 20:41

@ davidemaggio
perchè non ci fai sapere in anteprima assoluta (come è tuo solito fare) se si farà o no una serie di puntate di italia’s got talent perchè sinceramente le parole di maria de filippi mi lasciano un pò titubante. lei dice che non conosce il futuro del programma, donelli dice che se avrà successo si farà..vorrei capirci qualcosa anche perchè non credo facciano fare i provini alla gente senza poi realizzare il programma no?? attendo tue delucidazioni…



5. Daniele Pasquini ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 22:05

@iLollo
Mi meraviglio di te però, guardi le più strambe serie tv e non mi hai commentato Glee. :’(
In riferimento ai negozi modificati: non è la prima volta che succede. Anche qui a Roma ho visto cose assurde. Per “Il capitano” avevano trasformato un negozio gestito da extra comunitari, che vendevano ciondoli e cose così, in un negozio di dischi. Oltretutto la scena si svolgeva in giornata e loro hanno girato di sera con i fari a giorno.
Se ci vai a pensare è uno spreco di risorse immane: primo perchè potevi utilizzare un negozio di dischi esistente senza dover ricreare un negozio da zero, secondo perchè potevi girare direttamente di giorno. Ma se alla Rai piace spendere soldi… Poi si lamentano di avere un debito di 720 milioni di euro. Valli a capire.

@elenoireurgot
Ci sono gli articoli appositi per richiedere determinate cose.



6. iLollo ha scritto:

13 dicembre 2009 alle 23:30

ahah me lo sono visto durante le pubblicità: fantastico il Liceo “Virgilio” e le auto in Piazza Unità, oltre a strani edifici che a Trieste non esistono, e soprattutto l’ospedale San Ferdinando ihih

una cosa però devo dire: ci sentiamo continuamente fiction recitate in romanesco eccetera… per una volta che la serie è a Trieste, si potrebbe almeno far recitare gente del posto? pure le comparse erano di altre zone d’Italia…

@Daniele
Glee non mi attira, non è il mio genere, dai poster della serie mi sembrano tutti felici, contenti e gay :D io ho bisogno di almeno un po’ di sangue!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.