23
dicembre

Il Gran Varietà: Maurizio Costanzo e Lisa Marzoli ricordano gli show di Antonello Falqui

Antonello Falqui

Antonello Falqui

Un viaggio tra i ricordi dei programmi di un vero “maestro” raccontato da Maurizio Costanzo e Lisa Marzoli. Stasera, in seconda serata su Rai 1 dalle 23.30, parte infatti Il Gran Varietà, un nuovo show che, avvalendosi del materiale delle Teche Rai, darà modo ai telespettatori di godere nuovamente della atmosfere create da Antonello Falqui, il padre di numerosi varietà scomparso lo scorso 15 novembre.

Il programma sarà strutturato in quattro puntate; nel corso del primo appuntamento, il pubblico potrà rivedere spezzoni tratti da Bambole non c’è una lira, firmato da Costanzo e diretto da Falqui, da Partitissima, ossia una gara canora abbinata alla Lotteria Italia, da Stasera niente di nuovo con gli indimenticabili Sandra Mondaini e Raimondo Vianello e, per finire, da Al Paradise, diretto ancora da Falqui.

Durante la sua lunga attività, Antonello Falqui ha diretto, tra l’altro, Il Musichiere, quattro edizioni di Canzonissima e di Studio Uno, passando anche per i programmi Milleluci e Teatro 10. Nel 1992 ha curato il primo Pavarotti & Friends, evento andato poi in scena fino al 2003. Classe 1925, il regista e autore televisivo è morto all’età di 94 anni.

Ad impreziosire il racconto delle Teche Rai ci saranno Maurizio Costanzo e Lisa Marzoli, chiamati a portare alla luce curiosità e aneddoti legati agli show di Falqui e ai loro protagonisti.



Articoli che potrebbero interessarti


S'è Fatta Notte - Maurizio Costanzo e Lisa Marzoli
S’È FATTA NOTTE: MAURIZIO COSTANZO E LISA MARZOLI RIPARTONO DAL DRAMMA DEL TERREMOTO


Maurizio Costanzo e Pino Strabioli
Insonnia: Maurizio Costanzo e Pino Strabioli alla guida del nuovo programma di Rai3 dedicato a chi non riesce a dormire


Maurizio Costanzo
Rai, Storie di un’Italiana: Maurizio Costanzo e Umberto Broccoli raccontano il Paese dagli anni ‘50 ad oggi


Maurizio Costanzo
Maurizio Costanzo nel sabato pomeriggio di Rai 2

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.