16
dicembre

Ognuno è Perfetto: Rai 1 racconta la disabilità col sorriso

Ognuno è Perfetto - Gabriele Di Bello e Edoardo Leo

Ognuno è Perfetto - Gabriele Di Bello e Edoardo Leo

Giacomo Campiotti, regista di grande sensibilità che ha diretto tra le altre cose le tre stagioni di Braccialetti Rossi, torna a lavorare con i ragazzi, questa volta “speciali”.  I protagonisti di Ognuno è Perfetto, nuova fiction in tre puntate realizzata da Rai Fiction-Viola Film in collaborazione con il CPTV RAI di Torino, sono dei ragazzi affetti dalla sindrome di Down. Attorno a loro ruoterà un viaggio fatto di buoni sentimenti e temi sociali, e ad interpretarli saranno dei giovani esordienti.

Ognuno è Perfetto: il cast

Ad affiancare i ragazzi alcuni attori ben noti al pubblico televisivo come Edoardo Leo, Nicole Grimaudo, Cristiana Capotondi, Piera Degli Esposti e Lele Vannoli. L’autore Fabio Bonifacci ha modificato la storia – ispirata a quella di una serie belga – per rendere centrale il problema della ricerca del lavoro, pur lasciando sullo sfondo una tenera storia d’amore.

Ognuno è Perfetto: la trama

Il protagonista principale di Ognuno è Perfetto è Rick (Gabriele Di Bello), un ragazzo di 24 anni con la Sindrome di Down e gli stessi desideri di tutti i suoi coetanei: è stufo dei “finti tirocini” e vuole un lavoro vero. Suo padre Ivan (Edoardo Leo) ha da poco ceduto l’attività per dedicarsi interamente a lui e consentire alla moglie Alessia (Nicole Grimaudo) di riprendere la sua carriera. Un giorno, grazie ad un amico, Rick trova lavoro nel reparto packaging dell’Antica Cioccolateria Abrate, una piccola azienda diretta da Miriam (Cristiana Capotondi) e fondata dalla famiglia di sua madre Emma (Piera degli Esposti).

Creato da Miriam, il reparto packaging è affidato a uno straordinario gruppo di ragazzi disabili con i quali Rick fa subito amicizia: Cristian (Lele Vannoli), il gigante buono, un ragazzo problematico facilmente irritabile ma dal cuore grande; Cedrini (Aldo Arturo Pavesi) il caporeparto, pignolo e serioso, a volte intransigente ma che sa pentirsi e tornare sui suoi passi; Django (Matteo Dall’Armi), lavoratore pigro e svogliato, un “tombeur de femmes” un po’ spaccone che nasconde una profonda sensibilità e Giulia (Valentina Venturin), una romantica sognatrice amante della poesia, che cerca il suo principe azzurro e adora i matrimoni.

Nell’Antica Cioccolateria Abrate Rick ritrova finalmente il suo buon umore. Si lega a Emma che diventa la sua più fidata confidente, ottiene la stima e l’apprezzamento di Miriam e dell’intero reparto packaging, conquista la fiducia di suo padre Ivan sempre troppo premuroso. Ma sul lavoro Rick scopre soprattutto l’amore.

Tra una confezione di cioccolatini e l’altra, Rick rimane ammaliato dal dolce sorriso di Tina, una giovane collega di origine albanese che ricambia da subito lo stesso sentimento. Ma come ogni storia d’amore che si rispetti, il percorso dei due ragazzi sarà ricco di ostacoli e imprevisti. L’incontro con Tina sarà per Rick solo l’inizio di una grande avventura. Per proteggere il loro amore, infatti, Rick dovrà sfidare pregiudizi, oltrepassare frontiere, attraversare paesi, in un viaggio unico e indimenticabile in cui lui e tutti i protagonisti di questa storia scopriranno per la prima volta il sapore della libertà e qualcosa di sé che non conoscevano prima.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ryan Eggold - New Amsterdam 2
New Amsterdam: il dottor Goodwin torna su Canale 5 con la seconda stagione


La Guerra è Finita
La Guerra è Finita: Rai 1 racconta i dolori del dopoguerra e la voglia di ricominciare


The New Pope - John Malkovich e Jude Law
The New Pope: da questa sera anche su Sky Atlantic i Papi diventano due


Don Matteo 12 - Terence Hill e Fabio Rovazzi
Don Matteo 12: Terence Hill riparte con Fabio Rovazzi e i Comandamenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.