3
novembre

I Ragazzi dello Zecchino d’Oro: su Rai1 la fiction sulla nascita della baby manifestazione

I Ragazzi dello Zecchino d'Oro

I Ragazzi dello Zecchino d'Oro

A poco più di un mese dalla sessantaduesima edizione de Lo Zecchino d’Oro, in programma dal 4 al 7 dicembre prossimi con la conduzione di Antonella Clerici, la celebre manifestazione canora dedicata ai bambini approda su Rai1 protagonista del film tv I Ragazzi dello Zecchino d’Oro. Il tv movie, in programma questa sera alle 21,30, è prodotto da Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica, casa di produzione di Francesco e Federico Scardamaglia, già artefici di fiction di successo come Una pallottola nel cuore e In Arte Nino.

Dietro la macchina da presa Ambrogio Lo Giudice, che conosce bene lo Zecchino d’Oro e tutto il mondo dell’Antoniano di Bologna, avendo frequentato a lungo da bambino il Piccolo Coro. In sede di presentazione della fiction il regista ha dichiarato:

“Per anni ho tenuto nascosto il fatto che ero stato un bambino dello Zecchino d’Oro, poi però mi sono reso conto che lo Zecchino d’Oro era un ricordo di tutti, e non solo un ricordo, perché i bambini di oggi continuano a cantare le canzoni che cantavo io. Così ho capito che il mio passato era un passato generazionale e non solo personale, ho seguito questa strada e mi è venuta la voglia di raccontarlo. Ho cercato di ricreare, il più fedelmente possibile, i miei anni ’60 a Bologna. Le location, le strade, l’Antoniano, i personaggi, prima tra tutte Mariele Ventre, la mia maestra di canto di allora. Con quel tono un po’ da favola che ognuno di noi ha, ripensando a quando era bambino”.

I Ragazzi dello Zecchino d’Oro – Trama

I Ragazzi dello Zecchino d’Oro racconta la storia del piccolo Mimmo, un bambino di 9 anni dal carattere difficile, interpretato da Ruben Santiago Vecchi. Siamo nella Bologna degli anni ‘60 e Mimmo, figlio di immigrati dalla Sicilia, alla scuola e allo studio preferisce la vita di strada con il fratello maggiore, Sebastiano (Saul Nanni). Mimmo però ama cantare e ha un orecchio musicale straordinario, così un giorno la madre, Ernestina – interpretata da Maya Sansa - disperata, lo porta a un provino per un concorso canoro. Un consiglio del suo insegnante: forse la musica potrà salvarlo. Quello che ancora nessuno sa è che quel provino è l’inizio di uno spettacolo destinato a entrare nella storia della televisione italiana: Lo Zecchino d’Oro. Mimmo viene scelto insieme ad altri bambini di ogni provenienza e classe sociale, tra questi Gaetano (Gregorio Mondello), figlio di un carabiniere e di una madre ambiziosissima, e Caterina (Olga Rui Marchiò), figlia di importanti imprenditori, per partecipare alla prima edizione dello Zecchino. I tre bambini diventeranno presto inseparabili, impareranno a conoscere la musica e a cantare brani che resteranno per sempre nella memoria collettiva.

Nel cast de I Ragazzi dello Zecchino d’Oro anche Matilda De Angelis nei panni di Mariele Ventre, l’indimenticata maestra di musica che darà vita ad una formazione stabile, una vera scuola di canto e di vita, il Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna che oggi porta il suo nome. Immancabile il personaggio di Cino Tortorella, ideatore e storico conduttore della manifestazione canora, per tanti anni nel ruolo di Mago Zurlì, il cui volto sarà quello di Simone Gandolfo.

I Ragazzi dello Zecchino d’Oro – Foto



Articoli che potrebbero interessarti


Cino Tortorella e Mariele Ventre
La vera storia di Mariele Ventre


Simone Gandolfo
Lo Zecchino d’Oro diventa un film per la tv. Simone Gandolfo è Cino Tortorella


Antonella Clerici e Carlo Conti
Carlo Conti con Antonella Clerici per lo Zecchino d’Oro 2019


Antonella Clerici
Antonella Clerici: «Ho deciso di credere all’amore che dura da 33 anni con la Rai. Ho detto no a Miss Italia, farò Lo Zecchino d’Oro e Telethon»

2 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

3 novembre 2019 alle 20:01

La fiction sullo Zecchino stasera su Rai 1 racconterà una grande inesatezza storica, come è nato lo Zecchino d’oro, che invece è nato nel 1959 a Milano (e non c’era Mariele Ventre), e si trasferì a Bologna nel 1961 (e Mariele Ventre c’era…)



2. Salvatore Cau ha scritto:

5 novembre 2019 alle 17:17

@aleimpe

No, hanno precisato che Lo Zecchino d’Oro già esisteva da due anni a Milano e si era deciso di trasferirlo a Bologna.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.