9
settembre

Inizio di una nuova era per La Vita in Diretta?

La Vita in Diretta - Lino Banfi, Alberto Matano e Lorella Cuccarini

La Vita in Diretta - Lino Banfi, Alberto Matano e Lorella Cuccarini

Lorella Cuccarini e Alberto Matano hanno lanciato la loro prima edizione de La Vita in Diretta cantando e ballando insieme Nuova Era di Jovanotti, augurandosi dunque che con il loro avvento lo storico programma di Rai 1 trovi un nuovo corso, e un nuovo appeal. Ebbene, di nuovo nella puntata d’esordio si è visto poco, ma bisognava aspettarselo, perchè il formato quello è e quello resta. 

La Vita in Diretta: sempre un mix di cronaca nera e leggerezza

La Vita in Diretta 2019/2020 si presenta suddivisa in blocchi, come le precedenti, alternando momenti più leggeri in salotto – con i soliti opinionisti del passato – con ampie pagine di approfondimento sulla cronaca nera, che ormai è (forse giustamente) nel dna del programma. Il compito di affrontare le tematiche più dure spetta a Matano che conferma la propria professionalità, ma anche colei che era la “più amata degli italiani” si occupa dell’attualità, pur avendo palesemente un’altra missione.

La Vita in Diretta: a Lorella Cuccarini il compito di alleggerire

La Cuccarini è una donna di spettacolo, viene dal varietà, dal teatro, e questa consapevolezza si rinnova nel suo sorriso, che non abbandona mai, anche nei momenti più seri. Il suo compito è quello di alleggerire, così tanto che all’inizio della puntata ha simbolicamente tolto la giacca al collega giornalista, lasciandolo in maniche di camicia, per permettergli di sentirsi più libero e dare al tutto un tono più informale.

Quello a cui si ambisce, forse, è ricalcare i fasti che La Vita in Diretta ha vissuto con Mara Venier, intervenuta con un videomessaggio per dare il suo in bocca al lupo ai colleghi e augurare loro una bellissima stagione televisiva. La strada è lunga e il clima ostile nel quale la Cuccarini si è mossa negli ultimi tempi non aiuta, ma a scacciare via ogni nuvola ci ha provato l’ospite Lino Banfi che, nel ricordare ciò che gli chiese tempo fa Mike Bongiorno, ha chiesto a sua volta alla conduttrice:

“Tu non hai mai fatto provini? Perchè una che è protagonista nasce protagonista nel dna… Li hai fatti da ragazza ma, una volta che hai fatto Lorella Cuccarini, sei andata da sola, ti hanno chiamato…”.

E, in un clima di festa, tra le rose e i fiori che Matano ha voluto regalare alla sua compagna d’avventura, c’è stata anche la torta a sorpresa per il compleanno del giornalista. Più familiare di così, non si poteva.



Articoli che potrebbero interessarti


La Vita in Diretta 2019/2020
Rai 1, senza Il Paradiso si allungano Vieni da Me e La Vita in Diretta


Lorella Cuccarini, Alberto Matano
Lorella Cuccarini al vetriolo: «Sono stata raccontata come l’ultima starlettina raccomandata. Chiedo onestà intellettuale»


Alberto Matano e Lorella Cuccarini
Alberto Matano: «Mi dispiace che Lorella Cuccarini debba subire certe critiche. A La Vita in Diretta racconteremo l’Italia reale»


Alberto Matano e Lorella Cuccarini
La Vita in Diretta, promo con «caffeuccio»

2 Commenti dei lettori »

1. Alex ha scritto:

9 settembre 2019 alle 23:27

La Cuccarini sprecata in un programma che le sta visibilmente stretto (come un leone in gabbia), costretta a fare la pseudogiornalista come se stesse pagando un palese compromesso, in cambio di che cosa? Di un futuro posto televisivo a lei più consono che forse per lei non c’è e che potrebbe non avere mai nonostante gli anni di carriera che ha. Sembra una Cuccarini che ricomincia da zero come se, nel suo campo artistico, non avesse mai esercitato, tendando una nuova strada per la visibilità come una nuova pincopallina qualunque, bypassando tutto quello che ha fatto fin’ora.



2. Maurizio ha scritto:

10 settembre 2019 alle 17:51

E’ veramente molto triste vedere Lorella occuparsi di cronaca nera.
Ma perchè Lorella? Perchè pagare questo prezzo pur di ritornare in televisione?
I tuoi fans, come me, non riescono a capirlo ed anche se non te lo dicono, sappi che non lo approvano.
Non è nella tua natura artistica. Non è bello vederti parlare di omicidi, violenze.
Non ce lo saremmo mai aspettati da te. Che delusione! Mi dispiace.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.