25
luglio

No, non è la BBC: Rai2 e Renzo Arbore ricordano Gianni Boncompagni

Gianni Boncompagni

Gianni Boncompagni

Ironico, sarcastico, originale, provocatorio, geniale. Sono tanti gli aggettivi che negli anni sono stati utilizzati per descrivere Gianni Boncompagni. Lo storico autore e regista, venuto a mancare nel 2017, sarà il protagonista il prossimo settembre su Rai2 dello speciale in prima serata No, non è la BBC. Un titolo non certo casuale, che ci riporta indietro di quasi 50 anni, quando nel 1970 Boncompagni in coppia con Renzo Arbore animava dai microfoni del Secondo programma di Radio Rai il pranzo degli italiani con il fortunatissimo Alto Gradimento. Tra i tanti tormentoni e jingle della trasmissione vi era per l’appunto “No, non è la BBC, questa è la Rai, la Rai Tv, noi non possiamo dir bubù, perché è la Rai, la Rai tv!”. Sarà proprio Arbore, amico di una vita, dagli storici studi di Radio Rai in Via Asiago a Roma, dove divisero anche la fortunata esperienza di Bandiera Gialla, a ripercorrere la lunga carriera e raccontare tanti episodi di vita e curiosità legate a Boncompagni.

Nel corso della serata non mancheranno le testimonianze delle tre figlie del regista e di tantissimi ospiti. Prima fra tutti Raffaella Carrà, amica ed ex fidanzata, che deve a Boncompagni parte dell’enorme popolarità internazionale ottenuta con canzoni come Tuca Tuca, Fatalità, Luca, Tanti Auguri e Pedro, tutte a firma dell’amico paroliere. I due hanno inoltre condiviso negli anni ‘80 il grandissimo successo televisivo di Pronto, Raffaella?.  Tra gli ospiti anche Giancarlo Magalli, amico e complice di scorribande di Boncompagni. Il padrone di casa de I Fatti Vostri prima di affermarsi come conduttore ha lavorato a lungo come paroliere, scrivendo a 4 mani con Boncompagni numerose canzoni, ma ha sopratutto firmato insieme al regista trasmissioni come Drim (Rete 2, 1980), Sotto le stelle (Rete 1, 1981), Che Patatrac (Rete 2, 1981), Galassia 2 (Rai2, 1983) e Pronto, Raffaella? (Rai1, 1983-1985).

Durante la serata interverranno anche Enrica Bonaccorti, che con Boncompagni lavorò in Rai in Pronto, chi gioca?, e sulle reti Fininvest con Non è la Rai. E proprio nel celebre programma Fininvest, appuntamento cult dei primi anni ‘90, venne lanciata Ambra Angiolini, ugualmente presente alla serata per raccontare curiosità e aneddoti del suo pigmalione. Tra gli ospiti anche Piero Chiambretti, che con il “Bonco” divise l’esperienza di Chiambretti C’è, Claudia Gerini, lolita di Non è la Rai e giovanissima fidanzata del regista per un lungo periodo, Fabio FazioMarco Travaglio e tanti altri personaggi. Nel corso della serata saranno mostrati numerosi filmati tratti dalle trasmissioni firmate sia come autore che come regista da Boncompagni. Tra le tante val la pena ricordare le storiche edizioni di Domenica In, dove con il suo stile inconfondibile, dal 1987 al 1991, rivoluzionò il pomeriggio domenicale degli italiani, e Macao, varietà condotto da Alba Parietti, trampolino per numerosi comici come Paola Cortellesi, Biagio Izzo, Sabrina Impacciatore, Enrico Brignano, Sergio Friscia e Lucia Ocone.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


gianni-boncompagni-e-renzo-arbore
No, Non è la Bbc: Renzo Arbore ricorda Gianni Boncompagni in una serata evento su Rai2. Tra gli ospiti Raffaella Carrà e Ambra Angiolini


Renzo Arbore_Maurizio Casagrande
Ll’arte d’ ‘o sole: Renzo Arbore si racconta con la canzone napoletana


Renzo Arbore
Guarda… Stupisci, Renzo Arbore: «Farò conoscere ai Millennials la cultura napoletana. L’intrattenimento tv è sofferente, c’è una dittatura dell’Auditel»


Renzo Arbore, Andrea Delogu, Nino Frassica
Guarda… Stupisci: Renzo Arbore su Rai2 per spiegare la Canzone Umoristica Napoletana

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.