22
luglio

La Casa di Carta, Luka Peros, Jaime Lorente e Miguel Herran a DM: «Il Professore non fa politica ma difende i deboli dal governo tiranno» – Video

Luka Perso, Jaime Lorente, Miguel Herran

Noi siamo la Resistenza e non ci nasconderemo“. La Casa di Carta riparte con un nuovo e temerario piano del Professore che stavolta prevede anche l’utilizzo del consenso popolare. Quello da lui orchestrato, però, non sarà un gesto politico in senso stretto: ne è convinto l’attore Luka Peros, new entry nel cast della serie Netflix nel ruolo di Marsiglia, che abbiamo incontrato assieme a Jaime Lorente (Denver) e Miguel Herran (Rio). Quest’ultimo, in particolare, già nelle prime nuove puntate finirà nei guai ed il resto della banda si riunirà per salvarlo: la sua condizione di libertà e di diritti negati offrirà al pubblico spunti di riflessione legati anche all’attualità. Ne abbiamo parlato con i tre attori.

In questa terza parte il Professore parla di “Restistenza” e presenta i rapinatori come una forza contro il potere costituito. La Casa di Carta sta diventando una serie politica?

Luka Peros (Marsiglia): Assolutamente no. La serie è contro un sistema di governo tiranno, ma il senso e l’idea del Professore sono riguardo alla famiglia e ai deboli. Non ha nessun tipo di rivendicazione politica o economica.

La cattura di Rio, però, porterà all’attenzione un tema delicato: quello delle torture da parte degli stati democratici. Spesso se ne parla, sia in Spagna sia in Italia, in riferimento ai migranti. Cosa pensate di questo aspetto?

Luka: Noi siamo semplicemente degli attori. Io posso dire cosa penso dal mio punto di vista: ciò che fanno i cosiddetti paesi democratici in Iraq o in Afghanistan sono cose deplorevoli, sono delle tirannie e in qualche modo sono anche terrorismo. Però questa serie non parla di questo. Noi siamo solo una banda che si riunisce perché vuole salvare un suo componente.

Denver inizialmente fatica ad accettare il secondo piano del Professore. E’ maturato?

Jaime Lorente (Denver): Certo. Denver nella seconda stagione ha perso suo padre ed ha il terrore che questa cosa possa ripetersi, che possa perdere qualcuno da lui amato, come ad esempio suo figlio. In questo sì, è cambiato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ursula Corbero e Esther Acebo, La Casa di Carta
La Casa di Carta, Ursula Corberó ed Esther Acebo a DM: «Tokyo e Stoccolma dovranno lottare. Noi sex symbol? E’ questione di energia» – Video


Simona Ventura - La Casa di Carta
La Casa di Carta, speciale di Rai 2 con Simona Ventura: «Ma tornatevene in Spagna» – Video


La Casa di Carta 3 - 1
La Casa di Carta 3 dal 19 luglio – Video e Foto


Jaime Lorente e Ester Exposito
Elite, i protagonisti su DavideMaggio.it. Ester Expósito: «Ho vissuto le scene di sesso a tre normalmente. Credo nel poliamore». Jaime Lorente: «La nuova stagione de La Casa di Carta spaccherà»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.