11
aprile

Mentre Ero Via: la Puccini alle prese con un già visto «romanzo familiare»

Vittoria Puccini

Vittoria Puccini

Serialità fatta in serie, tanto per giocare con le parole. Così potremmo definire l’offerta di Rai Fiction, che da sempre propone al proprio pubblico prodotti molti simili; i casi storici sono quelli con protagonisti gli investigatori impiccioni ed improvvisati, come Don Matteo o Provaci Ancora Prof, ma ultimamente si somigliano tra loro anche fiction più complesse, che dovrebbero essere in qualche modo uniche. Emblematico è il caso di Mentre Ero Via, un prodotto intricato e coinvolgente che, però, sembra già visto.

Mentre Ero Via: un racconto coinvolgente ma poco originale

La storia di Monica, che si risveglia dal coma e non ricorda alcune cose fondamentali della propria vita, è fatta di sentimenti ma soprattutto di indagini, atte a svelare il mistero che circonda il suo passato. Lei è accusata di aver moralmente causato la morte del marito, precipitato durante un violento alterco con quello che dovrebbe essere stato il suo amante e, pur non ricordando nulla di quanto le raccontano, all’inizio se ne convince, salvo poi cercare un’altra verità.

Un meccanismo che ricorda molto quello de La Strada di Casa, la fiction con Alessio Boni trasmessa da Rai 1 a novembre del 2017: anche lì il protagonista si risvegliava dal coma e, mentre in tanti lo ritenevano colpevole di un omicidio, lui tentava di ristabilirsi e, nel frattempo, faceva i conti con un senso di colpa che in realtà non avrebbe dovuto provare, essendo innocente.

L’altro elemento fuorviante, che toglie originalità a Mentre Ero Via, sta nella scelta della protagonista, Vittoria Puccini. E’ credibile nei panni di Monica ma il suo personaggio, così anticonformista e in perenne lotta con la ricca e fredda società a cui appartiene, richiama fin troppo alla mente la sua Emma di Romanzo Famigliare; un’altra madre sui generis, mentre il suocero di Monica e il padre di Emma rappresentano quell’arcaica autorità alla quale sottrarsi, nel tentativo di emanciparsi e trovare la propria strada.

Aldilà di queste assonanze, la fiction resta ben interpretata e gradevole, con quel suo alternarsi di passato e presente, sogno e realtà, verità e menzogna.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mentre ero Via - Francesca Cavallin e Flavio Parenti
Mentre ero Via: il cerchio si è chiuso


Rai Pipol, Geppi Cucciari
Rai Pipol: se ne poteva fare a meno


Mentre ero via - Vittoria Puccini e Giuseppe Zeno
Mentre ero via: anticipazioni sesta ed ultima puntata di giovedì 9 maggio 2019


L'Aquila - Grandi Speranze
L’Aquila – Grandi Speranze: quando la location da sola basterebbe

2 Commenti dei lettori »

1. Socrate ha scritto:

11 aprile 2019 alle 17:03

E’ vero, ci sono molti deja vu. Però resta un prodotto gradevole che non tradisce (per ora) le aspettative create con i promo. La suspence c’è tutta, vediamo da qui alla fine.



2. Paolo ha scritto:

12 aprile 2019 alle 08:54

A me piace molto. E il personaggio della Puccini non mi sembra per niente simile a quello di Romanzo famigliare



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.