13
gennaio

La Dottoressa Giò: questa sera Barbara d’Urso indossa il camice… e rischia la vita

La Dottoressa Giò 3 - Barbara d'Urso

La Dottoressa Giò 3 - Barbara d'Urso

Dopo vent’anni di attesa da parte del pubblico e dopo mesi di rumors e curiosità, la terza stagione de La Dottoressa Giò è pronta a vedere la luce: stasera andrà in onda in prime time su Canale 5 la prima delle nuove quattro puntate dirette da Antonello Grimaldi per RTI e Picomedia, che segneranno ufficialmente il ritorno di Barbara d’Urso alla fiction italiana.

La Dottoressa Giò 3: la prima puntata questa sera su Canale 5

La conduttrice, che della domenica di Canale 5 è già protagonista da anni, imperverserà anche nel prime time del dì di festa, in attesa di occupare la stessa fascia oraria nei prossimi mesi con nuovi progetti. Il suo desiderio di ridare vita alla Dottoressa Giò è stato finalmente esaudito ed il suo personaggio più famoso è pronto a raccontare al pubblico nuove storie, di nascite e soprattutto di donne, che difenderà come e più di prima. Iniziò a farlo in un film tv andato in onda su Canale 5 nel 1995 e poi nelle prime due stagioni seriali, in onda nel 1997 e nel 1998 su Retequattro; e fu proprio per difendere una paziente che questa ginecologa dal cuore d’oro perse un bambino, non riuscendo poi mai più a diventare madre.

Accanto alla d’Urso nella vecchia ma nuova avventura ci saranno Marco Bonini, il nuovo primario dell’ospedale in cui lavora Giò; Alessia Giuliani, la sua migliore amica giornalista; Christopher Lambert, il suo nemico giurato, ed ancora Camilla Ferranti, Desirée Noferini, Filippo Gattuso, Simone Corbisiero, Eleonora Belcamino, Susy Laude, Rocco Tanica, Paola Tiziana Cruciani ed Eleonora d’Urso, sorella della protagonista.

La prima puntata si aprirà con un terribile incidente, che vedrà la dottoressa Giò investita da un’auto pirata; da lì si tornerà indietro di quattro mesi, per capire nel lungo flashback cosa è accaduto alla donna e chi può aver attentato alla sua vita.

La Dottoressa Giò 3: la trama

La Dottoressa Giorgia Basile è oggi il primario di un reparto di ginecologia e ostetricia di Roma. Ha avuto soddisfazioni dalla sua vita professionale e meno da quella privata, ma all’inizio della storia non sta esercitando la sua professione: è stata allontanata dall’ospedale per essere entrata il conflitto con il potente ed ambiguo Prof. Monti (Christopher Lambert) ed ha subito un processo. Giò, però, viene scagionata dalle accuse e può così riprendere il lavoro, felicissima di farlo, soprattutto per proteggere tutte le donne, per le quali vuole aprire un centro anti violenza. Ritrova sulla sua strada tutti, amici e nemici, dal nuovo primario Marco Zampelli (Marco Bonini) alla Dottoressa Torre (Camilla Ferranti), direttrice sanitaria dell’ospedale.

Le sue giornate di lavoro si susseguono incalzanti e lei affronta ogni situazione con inesauribile sensibilità e professionalità, aiutata sia da colleghi di vecchia data sia da nuovi giovani specializzandi, ognuno con la propria storia e personalità. Nei ritagli di tempo invece si rilassa e si confida con la sua cara amica Sandra (Alessia Giuliani), indomita giornalista che cercherà di supportare Giò nelle sue battaglie, anche contro quel potere oscuro rappresentato da Monti: Giò sa quanto Monti sia pericoloso, ma non ha ancora chiaro cosa sarà disposto a fare pur di coprire le sue azioni, presenti e passate.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


The Son - Il Figlio - Pierce Brosnan
The Son – Il Figlio: su Sky la nuova serie western con Pierce Brosnan


Digitare il Codice Segreto - Gabriele Cirilli e Valeria Bilello
Digitare il Codice Segreto: Neri Marcorè cura l’avarizia con l’aiuto di Gabriele Cirilli e Valeria Bilello


L'Ispettore Coliandro - Il Ritorno 4
L’Ispettore Coliandro is back


Fino all'Ultimo Battito - Marco Bocci
Fino all’Ultimo Battito: Marco Bocci è il nuovo «doc» di Rai 1

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.