8
gennaio

Sulla Via di Damasco: Freccero sostituisce (dopo 24 anni) Monsignor D’Ercole con Eva Crosetta

Carlo Freccero e Eva Crosetta

Carlo Freccero e Eva Crosetta

La “rivoluzione Freccero” non ha risparmiato neppure la storica rubrica religiosa Sulla Via di Damasco. L’istrionico direttore di Rai2 ha, infatti, deciso di rinnovare la trasmissione in onda dal 2002, affidandone la conduzione, a partire dal prossimo 13 gennaio, alla giornalista Eva Crosetta. A fare le spese di questo cambiamento Monsignor Giovanni D’Ercole, autore e conduttore di Sulla Via di Damasco sin dalla nascita. A motivare la scelta di Carlo Freccero, la voglia di dare una nuova immagine alla rete e ai suoi programmi, compresi quelli religiosi.

“Vogliamo dare una nuova immagine ai programmi religiosi. Questi programmi vanno vissuti come occasione per fare nuova televisione. Abbiamo scelto la conduttrice confrontandoci con il Card. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e Don Ivan Maffeis, a capo della comunicazione della Chiesa italiana.”

Per Monsignore D’Ercole si tratta di un addio dopo 24 anni ininterrotti di collaborazione con la seconda rete Rai. Una collaborazione iniziata nel 1994 con la rubrica Prossimo Tuo, in onda sino al 1999, e proseguita poi con le trasmissioni Millenium e Terzo Millennio (2000-2002). Nella sua ultima puntata il presule si è congedato dal pubblico senza nascondere una leggera amarezza nel dover lasciare alla soglia del 25° anno un appuntamento rivelatosi di grande crescita umana, sociale e spirituale per se stesso e per il pubblico, ed ha ringraziato tutti i collaboratori e i direttori di rete con cui ha lavorato, annunciando di voler proseguire, con l’esperienza maturata in tanti anni, a dare voce ai più bisognosi.

Avrei volentieri celebrato il 25°, ma sono ugualmente felice di poter concludere, dopo 24 anni, il mio impegno televisivo su Rai2, il segno del servizio reso, in tutti questi anni, nei confronti della Chiesa. Servizio che ho sempre voluto svolgere nello spirito che anima la mia vita di religioso della Congregazione di don Orione; essere a servizio degli ultimi. Con l’esperienza maturata in questi 24 anni proseguirò in questo campo come la Provvidenza vorrà per restare a servizio di chi non ha voce. A tutti coloro che hanno condiviso con me quest’avventura e a chi ne raccoglie il testimone vanno i miei auguri, convinto che tutto ciò che ha un inizio ha necessariamente una fine. L’importante è però che abbia avuto anche un fine.”

L’importante eredità di Sulla Via di Damasco, che dalla prossima settimana cambierà anche collocazione in palinsesto, passando dalla mattina del sabato a quella della domenica (ore 9.00 circa), spetterà dunque ad Eva Crosetta, già collaboratrice di UnoMattina su Rai1, conduttrice su La7 lo scorso anno de L’Ora della Salute, ed attualmente impegnata su Sky con il programma Donne a Cavallo. In conferenza stampa la conduttrice ha dichiarato:

“E’ un piacere tornare in Rai, dove tutto è iniziato. Per la prima volta approdo su Rai2 e per questo ringrazio sia il direttore Freccero che Don Maffeis in rappresentanza della CEI. Sono felice che la redazione del programma ‘Sulla via di Damasco’ avrà un filo diretto con l’Ufficio comunicazioni della Chiesa cattolica italiana”.

Il cambio di conduzione non ha lasciato indifferente il “fedele” pubblico della trasmissione, che sui profili social del programma non ha mancato di sottolineare come sia curioso sostituire una persona della levatura e cultura di Monsignor D’Ercole con una giornalista inesperta in materia come la Crosetta. Tra cancellazioni di storiche trasmissioni e sostituzione dei volti di rete, la Rai2 di Freccero sembra destinata a far parlare ancora a lungo.



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Freccero
Freccero, show in Vigilanza: «Soffro per l’audience, ma ho aumentato gli ascolti. Sfera a The Voice? Poteva partecipare» Poi lo scontro con Vespa


Michele Santoro
Michele Santoro contro la Lega: «Così costringe la Rai a bloccarmi. Iniziativa senza precedenti»


Carlo Freccero
Rai2, Freccero: «Popolo Sovrano costa 150 mila euro. Se non crescerà, bisogna cambiarlo». E su Sfera Ebbasta…


Giovani e influencer
Giovani e influencer: su Rai2 la docu-inchiesta sui fenomeni da social

2 Commenti dei lettori »

1. Socrate ha scritto:

8 gennaio 2019 alle 13:15

Senza parole.



2. Giovanni ha scritto:

8 gennaio 2019 alle 14:22

La Crosetta? Costui è pazzo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.