28
novembre

L’Amica Geniale: un prodotto per niente televisivo che potrebbe cambiare la TV

L'Amica Geniale - Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio

L'Amica Geniale - Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio

Considerato il grande successo ottenuto ieri sera dalla prima puntata de L’Amica Geniale, ci troviamo dinanzi a due possibilità. La prima è che il pubblico della TV generalista stia cambiando, che stia allargando i propri confini, apprezzando prodotti di nicchia, andando oltre il suo solito modo di stare davanti al piccolo schermo. La seconda è che la totale e martellante promozione fatta dalla Rai abbia colpito e affondato.

L’Amica Geniale: un racconto lento e difficile per la TV

Per capire se sia vera la prima o la seconda ipotesi, occorrerà aspettare martedì prossimo, giorno in cui andrà in onda il secondo appuntamento. Lì ci sarà la vera prova Auditel e, qualora gli oltre sette milioni di telespettatori confermeranno la loro presenza, vorrà dire che ieri non erano solo spinti dalla curiosità, o dal pensiero di non potersi perdere un capolavoro annunciato, facendo la figura degli incolti.

L’Amica Geniale non è un tipico prodotto televisivo e sceneggiare i romanzi di Elena Ferrante, faticosi e complessi, è stato un grosso azzardo: quel rione claustrofobico, il vociare continuo e contemporaneo di tanti personaggi, la messa in scena di una comunità costretta a condividere ogni momento della propria giornata, rendevano la storia perfetta per il teatro; la necessità di non staccare gli occhi dallo schermo a causa dei sottotitoli e di osservare attentamente sguardi ed espressioni degli interpreti, i cui silenzi nascondevano pagine e pagine di descrizione nel romanzo, la rendevano perfetta per essere vissuta nella quiete di una sala cinematografica.

L’Amica Geniale: un prodotto curato con ottime interpreti

E invece no, è sbarcata in tv con tutti quei silenzi, con la sua lentezza, con il turpiloquio continuo, ma necessario a raccontare una realtà. E soprattutto con le tante scene di violenza, utili a mostrare fino in fondo la miseria nella quale vivono le due protagoniste, interpretate in questa prima fase da due bambine davvero geniali, Ludovica Nasti ed Elisa Del Genio, capaci di tenere la scena da sole con la loro espressività straordinaria.

E’ un prodotto molto difficile, ma di cui si percepisce senza difficoltà la cura con la quale è stato realizzato. Un successo televisivo che, qualora proseguisse, confermando quello letterario ed internazionale, segnerebbe un punto di svolta nella storia della fiction italiana: quello in cui si va avanti, evolvendo in aspettative e grado di attenzione nella fruizione, recuperando parte del passato, ovvero la struttura degli storici sceneggiati Rai.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


L'Amica Geniale - Censura 5
L’Amica Geniale: la Rai censura la scena di violenza subita da Lenù


L'Amica Geniale - Gaia Girace e Margherita Mazzucco
L’Amica Geniale: anticipazioni ultima puntata di martedì 18 dicembre 2018


Baby - Benedetta Porcaroli e Alice Pagani
Baby: un buon «teen drama» che non rispecchia le aspettative


L'Amica Geniale - Margherita Mazzucco
L’Amica Geniale: tutto sulle attrici

2 Commenti dei lettori »

1. Francy ha scritto:

30 novembre 2018 alle 01:16

Diciamo che “L’Amica Geniale” non è un prodotto per il vasto pubblico e non mi aspettavo questi ascolti.
La serie è prodotta da Dio, molto fedele al libro, riuscendo a ricreare il clima che si respira nel libro e ,sopratutto, tutti gli attori rispecchiano come me lì son immaginati. Le due giovani protagoniste sono di una bravura imbarazzante.
Spero che anche le versioni di Lila e Lenu’ adolescenti e adulte siano perfette come quelle da bambine.
Comunque sia, moltissima gente ha abbandonato dopo pochi minuti, quindi prevedo un calo di ascolti.



2. Nino ha scritto:

30 novembre 2018 alle 11:13

Francy forse non hai visto le curve.

Il primo blocco è in crescita fino alle 22.

Alle 23.40 c’erano ancora 7 milioni di persone a guardarla.

E la settimana prossima non ha contro la champions.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.