22
novembre

Perla Maria esiste e non le manda a dire. La figlia dodicenne di Maria Monsè tiene banco a Pomeriggio Cinque

Perla Maria Monse'

Perla Maria in collegamento con Pomeriggio Cinque

Se n’era parlato tanto al Grande Fratello Vip. Per Ivan Cattaneo non esisteva, per Cecchi Paone era una “nana travestita da bambina e ora, dopo le polemiche, eccola palesarsi in diretta, davanti alle telecamere di Barbara D’Urso. Pomeriggio Cinque ha ospitato ieri, in collegamento, Perla Maria, la “bambina prodigio” di Maria Monsè. E la realtà sembra superare i racconti, per qualcuno fantasiosi, dell’ex gieffina. Perla Maria risponde a tono e ne ha per tutti, come una qualsiasi opinionista “agguerrita” di Pomeriggio Cinque.

La bambina inizia subito con il regolare i conti con la Marchesa, assente in studio, a proposito dell’ormai noto “carrozza gate”.

“Grazie mille per avermi ospitato, perché oggi è la mia occasione per dire tante verità perché, come si suol dire, i bambini sono la voce della verità. E poi volevo dire una cosa, che io quel giorno delle carrozze non avevo la febbre. Noi eravamo invitate. Poi vorrei lasciare un video alla Marchesa: se mi stai guardando, carissima Daniela, io ho studiato i 10 comandamenti che dicono che non bisogna dire le bugie. Io spero che tu, dopo tutte le bugie che hai detto su di me – che non eravamo state invitate - spero che tu dopo ti vai a confessare, se sei cristiana”.

A seguito di questo intervento, in studio si è parlato del rapporto tra la Monsè e Perla Maria. Gli opinionisti del programma, incalzati dalle domande della D’Urso, hanno infatti esposto la loro opinione sulla faccenda e hanno avuto come il sentore che l’ex concorrente del GFVIP esponesse mediaticamente la parente per avere, in futuro, un “prolungamento di se stessa” e della sua carriera. La dodicenne, in ogni caso, non si è lasciata intimorire dalle critiche:

Sono una bambina che vuole partecipare alla vita della mamma (…) A 2 anni, quando l’ho vista in teatro, mi sono messa a piangere come una pazza: io volevo essere sempre come lei”.

Da una parte Morena Funari ha asserito che la Monsè portasse in televisione Perla Maria per fare marketing, dall’altra Barbara Bouchet ha inviato la donna a far vivere alla bambina la sua tenera età e a spingerla, caso mai, a considerare l’idea di fare televisione una volta raggiunta la maggiore età. La dodicenne ha però perso le staffe:

Io non sono l’unica bambina al mondo che sono in tv. Sapete quanti bambini ci vanno? C’è una legge che dice che i bambini non ci possono andare?”.

I toni si sono accesi e, tra una battuta e l’altra, la D’Urso ha chiesto ai suoi ospiti più accortezza (“Sembra che stiate criticando una bambina”). Perla Maria, inoltre, ha detto il suo punto di vista pure su Alessandro Cecchi Paone:

Allora secondo me il professore Cecchi Pavone, come io lo chiamo, mi sa che a leggere e a studiare troppi libri piuttosto che aprire la mente gliel’ha proprio chiusa totalmente. (…) A scuola mia quando un bambino fa il bullo gli diciamo: ‘Non fare come il professore Cecchi Pavone’”.

Discorso che non ha trovato il benestare degli opinionisti che, subito dopo, hanno sottolineato che la Monsè avrebbe dovuto rimproverare Perla per le offese ad Alessandro, un uomo decisamente più grande di lei. La prezzemolina non si è però fatta scalfire da quel pensiero e ha precisato che anche Cecchi Paone, in quanto adulto, avrebbe dovuto insegnare al pubblico da casa il rispetto verso gli altri.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Aida Nizar Pomeriggio 5
Pomeriggio Cinque, Aida Nizar non accetta discussioni sulla sua età: «Io ho il pelo virgine, invece tu lo hai bruciato»


Matteo Salvini, Pomeriggio Cinque
Salvini-Isoardi, il vicepremier scherza a Pomeriggio Cinque: «Non sono sul mercato»


Maria Monsè - Ottava puntata GF Vip 2018
Grande Fratello Vip 2018: Maria Monsè eliminata


Maria Monse'
Grande Fratello Vip 2018, Cecchi Paone sulla figlia di Maria Monsè: «E’ un’attrice nana truccata da bambina»

6 Commenti dei lettori »

1. Osservatore Critico ha scritto:

22 novembre 2018 alle 15:14

Se fino a poco tempo fa, questa trasmissione era la succursale del Circo Barum, con questa ‘ospitata’ ha raggiunto un livello infimo e inqualificabile. Adulti che replicano ad una bambina replicante una madre assetata di fama e visibilità a tutti i costi, tutti abilmente gestiti da una direttrice d’orchestra che, per lo share, non conosce più il significato della parola limite.



2. Vattelalbicocca ha scritto:

22 novembre 2018 alle 15:15

Mamma mia, assistenti sociali, e alla svelta.



3. Luca ha scritto:

22 novembre 2018 alle 15:33

Manca Lerch e la Famiglia Addams è al completo



4. CuginoSfigato ha scritto:

22 novembre 2018 alle 16:14

Hanno già detto tutto i commenti che mi hanno preceduto. Ma giustamente 1 in pagella diamolo a Pechino.



5. controcorrente ha scritto:

22 novembre 2018 alle 18:01

ieri ho assistito ad uno spettacolo scioccante… un mostro plasmato dalle mani di una madre che sembra sputare veleno da ogni poro al pari della bramosia che possiede di essere una star…ma star de che.. di ridicolaggine !! una bambina di 12 anni che esprimeva concetti ma anche modi di dire visibilmente imparati a memoria e studiati… ma il padre di questa bambina dove sta ?



6. Maria Cristina Giongo ha scritto:

24 novembre 2018 alle 10:37

Non ho parole…una bimba “opinionista” di Barbara D’Urso in un siparietto trash…invece che a Ti lascio una canzone o …lo Zecchino d’oro! In fascia protetta, con un golfino come quello della conduttrice che lascia le spalle scoperte! Per fortuna non se lo tirava sempre giù come la stessa D’Urso fa quando crede di non essere inquadrata, per ….scoprirsi il più possibile! Hanno ragione coloro che mi hanno preceduta nei commenti: assistenti sociali! E soprattutto non invitate i bambini a questi programmi per dira la loro a uomini adulti come Cecchi Pavone ( che ha sbagliato pure lui a coinvolgerla attaccandola) o la Marchesa di non so che cosa… I bimbi vanno protetti, soprattutto dall’illusorio e spesso crudele mondo dello spettacolo. Mi chiedo come mai la redazione giornalistica e gli autori abbiano accettato di invitarla. Non immaginano le conseguenze che avrà? Soprattutto fra i compagni di scuola? E poi si parla di bullismo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.