22
novembre

Simona Ventura parla di Mara Venier: «Non so chi sia e non voglio sapere». Poi fa marcia indietro: «Le voglio bene»

Simona Ventura

Simona Ventura

Il rapporto tormentato tra Mara Venier e Simona Ventura torna a far parlare. Ospite di CR4-La Repubblica delle donneSimona Ventura racconta della rottura consensuale con l’ex compagno Gerò Carraro, figlio del marito di Mara. La conduttrice, come è noto, condivide con la Venier un legame passato piuttosto burrascoso. Grandi amiche per anni, poi “nemiche”, di nuovo complici e, infine, da poco meno di due anni ancora una volta ai ferri corti. 

Ma arriviamo a ieri sera. Proprio in riferimento all’allontanamento tra la Ventura e Carraro, Signorini decide di stuzzicare la conduttrice chiedendole:

“Quanto ha goduto Mara di questa separazione?”.

La Ventura getta subito il sasso:

“Non so chi sia, non voglio sapere”.

Ma poi nasconde la mano e precisa (o meglio ritratta), forse pentitasi dall’esclamazione fatta qualche secondo prima, aggiungendo:

”No, non voglio sapere perché io le voglio bene”.

Più tardi si torna a parlare dell’argomento quando, sfogliando le copertine di cui la Ventura è stata in questi anni protagonista, in primo piano appare una foto che ritrae le due donne insieme. A questo punto Signorini prende la parola e confessa:

Questo è un dolore personale mio, perché io voglio molto bene a Simona e a Mara, e devo dire che io molto spesso mi trovo tra loro con un piede in due scarpe, sono sempre molto imbarazzato. Ho un sogno nel cassetto – e magari rimarrà un sogno, perchè ho cercato in tanti modi ma non ci sono mai riuscito – che loro due potessero far la pace. Sono due donne che tra l’altro si assomigliamo molto, pur nella loro diversità, ma sono due sanguigne, due donne appassionate e passionali, e quindi vederle separate a me fa male”.

Signorini aggiunge poi che la Ventura è più accomodante rispetto a Mara; Simona annuisce e conferma, spiegando che, dopo il grave episodio accaduto al figlio Niccolò Bettarini, non prova più rancore verso nessuno:

“Ho avuto in regalo il miracolo più grande che una madre potesse avere che è quello di mio figlio che si è salvato da una cosa impensabile come undici coltellate, per cui sinceramente non ho più voglia, non avrei nessun problema”.

La discussione si chiude con una simpatica telefonata di una “finta” Mara Venier. Quello che è certo è che la tensione della Ventura nei confronti della collega era decisamente palpabile; la resa dei conti tra le due donne, dunque, non sembra così vicina.



Articoli che potrebbero interessarti


Signorini
Signorini risponde a Striscia: «Mi faccio una risata. Monte non è neanche il mio tipo, ha le gambe a X»


Massimo Giletti, Mara Venier
L’Arena chiude: Giletti «non sapeva nulla». La solidarietà al conduttore dai colleghi vip


Costanzo e Simona Ventura
L’INTERVISTA, SIMONA VENTURA PARLA DI BETTARINI: “NEL MATRIMONIO HO TRADITO UNA SOLA VOLTA”. E’ DI NUOVO ROTTURA CON MARA VENIER


Alfonso Signorini
ISOLA 2016: SE SI ANNOIANO ANCHE SIGNORINI E LA VENIER…

1 Commento dei lettori »

1. IlGrandeCacciucco ha scritto:

22 novembre 2018 alle 12:17

Come ho scritto nel post sugli ascolti un’intervista inutile, inzeppata solo di frasi fatte, buonismo, e banalità. Non c’era una sola frase che Simona non avesse ripetuto tale e quale in mille interviste precedenti, come il fatto che l’episodio del figlio le ha cambiato la visione del mondo. Con tutto il rispetto per lei e per il figlio, ci vogliono undici coltellate per farti capire che un figlio è la cosa più importante della tua vita? Per non parlare del fatto di giustificare la rottura con il compagno dicendo che adesso si vuole dedicare ai figli, come dire che fino ad ora non l’aveva fatto? Da Chiambretti mi aspetterei molto di più, per non parlare di Signorini, assolutamente non pervenuto. Si vede che reggere lo strascico alle Provvedi esaurisce tutte le sue energie.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.