2
dicembre

UNITED STATES OF TARA: I QUATTRO VOLTI DI UNA DONNA, DA STASERA SU MYA

United_states_of_tara(mya-prima stagione)

Buck è un rozzo camionista, bevitore di birra e maschilista; Alice è una casalinga perfetta, sin troppo; T. è un’ adolescente disinibita e consumatrice di marijuana. Tre personalità che definire all’antitesi è un eufenismo ma che, nonostante questo, hanno qualcosa, anzi qualcuno, in comune. Buck, Alice e T. sono, infatti, gli Stati Uniti di Tara.

United States of Tara è la  nuova situation comedy, da stasera ore 21 su Mya, che ruota attorno a Tara Gregson (interpretata da Toni Collette, vincitrice di un Emmy per questo ruolo) affetta da un disturbo di personalità multipla. Quello di cui soffre la donna è una patologia che, in particolari momenti di tensione, genera in lei la comparsa di vere e proprie personalità che si impossessano momentaneamente del suo corpo. La cosa singolare, per giunta, è che quando Tara torna in sè non ha idea di cosa sia successo, al contrario dei suoi alter ego, i quali sono al corrente di tutto ciò che riguarda la vita privata della donna.

Una tale malattia non può, ovviamente, non avere ripercussioni, caotiche, sul lavoro e la famiglia di Tara. Quest’ultima, infatti, è un’arredatrice d’interni, sposata con Max (John Corbett, Il mio grosso grasso matrimonio greco) e madre di due figli adolescenti: Marshall (Keir Gilchrist) 14enne bravo ragazzo, gay dichiarato in preda alla prima cotta per un compagno di classe; Kate (Brie Larson) adolescente ribelle che lavora in una catena di ristoranti e che intraprende una relazione con il suo datore di lavoro. Nella vita di Tara, c’è spazio anche per sua sorella Charmaine (Rosemarie DeWitt) che, però, poco solidalmente l’accusa di essere sempre al centro dell’attenzione per il suo disturbo. La serie, negli Stati Uniti in onda sulla cable Showtime, è nata dal genio di Steven Spielberg, ed è stata sviluppata dalla sceneggiatrice Diablo Cody, ex blogger spogliarellista, salita alla ribalta per il pluripremiato Juno.

Per chi volesse conoscere meglio gli stati uniti di Tara, ecco di seguito una breve descrizione delle tre personalità:

T.: provocatrice e ribelle, è un’adolescente che presto lega con Kate; le due “ragazze” vanno insieme a fare shopping usando le carte di credito di Tara. T. tenta di sedurre Max, marito di Tara.

Alice: perfetta casalinga di sani principi, è cristiana e vorrebbe avere un figlio tutto per sè in quanto non sente Kate e Marshall come figli suoi.

Buck: unica personalità maschile, aggressiva, ama la birra, le motociclette e le risse, ha combattuto nella Guerra del Vietnam (spesso i veterani del Vietnam soffrono del Disturbo di personalità multipla), possiede una pistola e va al poligono di tiro con Max e Marshall.

United States of Tara è una serie tv di Steven Spielberg con Toni Collette, John Corbett, Keir Gilchrist, Brie Larson, Rosemarie DeWitt, Nathan Corddry, Ashley Bell, Hayley McFarland, Sara Fletcher, Portia Doubleday. Prodotta in USA. La serie viene trasmessa dal 18.01.2009 e per ora è composta da 2 stagioni.



Articoli che potrebbero interessarti


Material Girl (ALI REDCLIFFE) - Mya
MATERIAL GIRL E SOPHIE PAQUIN: IL GLAMOUR E’ SU MYA.


Privileged
PRIVILEGED: COME FAR “RAVVEDERE” DUE GEMELLE PRIVILEGIATE. DA STASERA SU MYA


Orange is the new Black
ORANGE IS THE NEW BLACK: L’UNIVERSO FEMMINILE DI NETFLIX ARRIVA SU MYA. MEDIASET SFIDA HOUSE OF CARDS SU SKY


The Originals 8
THE ORIGINALS: LO SPIN-OFF VIOLENTO DI THE VAMPIRE DIARIES DA STASERA SU MYA

2 Commenti dei lettori »

1. Elisa ha scritto:

2 dicembre 2009 alle 13:56

Mi ricorda alla lontana un manga che ho letto qualche annetto fa di nome “Othello” … comunque Diablo Cody ormai per me è una granzia, molto interessante, aspetto che arrivi in chiaro! ;)



2. Markos ha scritto:

2 dicembre 2009 alle 15:20

Molto divertente…lo vedrò durante le prossime giornate beccando le repliche… :P



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.