30
ottobre

Matteo Salvini: «In Rai mi sarei tenuto ben stretto Giletti. Ne riparleremo tra qualche mese»

Matteo Salvini, Non è L'Arena

Sulle nuove nomine Rai, Matteo Salvini ha fatto il distaccato. Ci stanno lavorando il Presidente e l’AD di Viale Mazzini, ha dichiarato il vicepremier nella più recente puntata di . Indiscrezioni giornalistiche, tuttavia, riferiscono che il leader leghista ed il collega di governo pentastellato, Luigi Di Maio, sarebbero stati informati personalmente riguardo ai candidati alla guida dei tg e delle reti Rai, ormai prossimi alla nomina.

A stuzzicare il vicepremier sulla Rai era stato lo stesso .

Con Di Maio parlate di Rai o no? Non che a me interessi più…

aveva domandato il conduttore, che in realtà non perde occasione per ribadire la propria nostalgia per il servizio pubblico e per ricordare la propria cacciata dall’azienda di Viale Mazzini.

Ci sono un Amministratore Delegato e un Presidente che stanno facendo il loro lavoro, lo faranno in fretta, lo concluderanno nelle prossime ore e quindi sono sicuro che il servizio pubblico, visto che è pagato dagli italiani, tornerà ad essere servizio pubblico obiettivo

gli ha risposto Salvini. Dopo l’ennesimo rinvio del CdA che dovrà vagliare le nomine (maggiori info qui), le prossime ore dovrebbero essere decisive per la chiusura di una partita giocatasi anche sugli equilibri tra Lega ed M5S.

In chiusura del suo intervento, l’esponente leghista ha anche riservato una chiosa allo stesso Giletti, proprio sull’argomento a lui più caro (al di là delle apparenze).

Il servizio pubblico che ho in testa io non si sarebbe mai fatto sfuggire un Massimo Giletti. Me lo sarei tenuto ben stretto in Rai. Però ne riparleremo tra qualche mese“.

Parole che alcuni hanno interpretato come una possibile apertura ad un ritorno del conduttore in Rai. Il diretto interessato, però, ha accolto le parole del vicepremier senza scomporsi, solo con una leggera smorfia, mostrandosi invece dubbioso sul fatto che Salvini non si fosse occupato delle nomine in arrivo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Lilli Gruber, Otto e Mezzo
Otto e Mezzo, Gruber apre con l’addio social tra Isoardi e Salvini. Padellaro: «Claretta Petacci non l’avrebbe fatto»


Asia Argento, Non è L'Arena
Asia Argento: «Voglio tornare a X Factor. Non sono una pedofila, Bennett mi saltò addosso»


Asia Argento
Asia Argento ospite di Non è L’Arena


Massimo Giletti
Massimo Giletti, confermato a La7, languisce solo per la Rai: «E’ la mia casa, ci penso sempre»

21 Commenti dei lettori »

1. IlGrandeCacciucco ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 12:17

Bel servizio pubblico che ha in mente, programmi interi sui vitalizi, sui furbetti del cartellino, su Asia Argento … e i problemi veri dell’Italia te li saluto.
Il PD meriterebbe le fiamme dell’inferno per l’eternità solo per averci spinto tra le braccia di questa gente.



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 12:37

e Giletti ricambia questo affetto, viste le dichiarazioni che fa e visto che la sua trasmissione pende da quella parte. Giletti è un Santoro di destra, è parcheggiato a la7 ma pensa alla rai. E’ alla rete di cairo ma vorrebbe essere da tutt’altra parte. E’ comunque il più brutto talk in giro, superando di gran lunga quelli di Paragone



3. RoXy ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 13:09

Bene così, è tempo che i ra(tt)i di fogna formato PD facciano la fine che meritano, affogati nella loro barchetta di cartone e falsi valori: negli anni ci hanno riempito i palinsesti di invertiti, immigrant lovers e idioti assortiti, da Corrotto Augias a Fazio Fazioso, da Andrea Camomilleri a Liliana Mezzesegre: ora finalmente la faranno finita e torneranno sul paese Reale dove non si perdono ore e ore a discettare di una t-shirt goliardica o del benessere dell’ultimo sbarcato.



4. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 13:43

Roxy, ribadisco che tu sei la vera libera pensatrice, ma risalti ancor di più a confronto con gli schiavi inside.



5. RoXy ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:08

@Nina: ti avviso che il commento n° 3 non è mio ma di uno scemo che sta usando il mio nick per scrivere commenti cretiini ed omofobi che non riflettono minimamente il mio pensiero. Ho già segnalato al blog la cosa, spero intervengano presto per bannare questa persona o almeno invitarla ad usare un altro nick in modo da non generare confusione.



6. Socrate ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:19

RoXy risalta moltissimo anche a confronto di chi non esprime un parere negativo su un personaggio o un programma mediaset nemmeno se lo torturano, e interviene solo per leccare qua e là i rappresentanti del mainstream del blog, e insultare chi non ne fa parte.



7. Socrate ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:21

Nina che lecca la falsa RoXy, ahahahahah, sto morendo …. :D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D



8. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:28

Beh qui non c’era nulla di omofobo o razzista, quindi Roxy o no confermo. Per il resto se questo personaggio sta facendo questo mi dispiace per Roxy e spero si risolva tutto.



9. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:31

Socrate; ma la smetti di perseguitarmi? Sei tu forse che fai questo caos con i nick? Vergognati!



10. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:36

Comunque io vorrei sapere che problemi hanno questo cavolo di raisti ! E ti rompono le scatole, e ti dicono che non puoi fare quello, che non puoi fare quest’altro, ti seguono in ogni post del blog, ti fanno le pulci per quello che avresti detto 5 o 6 anni fa. Ma che problemi a v e t e? Farvi vedere da uno bravo no? Magari non sarebbe meglio commuoversi meno per Camilleri ed essere effettivamente delle brave persone anche dietro la tastiera?



11. Socrate ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:38

Nina l’unica che fa caos con i nick sei tu, e vergognati lo dici a tua sorella. Attacchi, offendi, disprezzi, e quando ti si risponde come meriti ti esibisci in questo vittimismo ridicolo che è la tua ben nota specialità.
Impara a esprimere un pensiero articolato, invece di farti notare solo per come attacchi alcuni e blandisci altri. Se ti sforzi ce la puoi fare.



12. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:44

Ribadisco, vergognati, sei sempre tu ad attaccarmi e ad accusarmi di presunte angherie. Fai un esempio, se ci riesci. Ma la tua è tutta fuffa. Vergognati falsa e cattiva come sempre.



13. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 14:46

Infatti basta vedere chi attacca chi, in questo caso. Ma fate le cose e non ve ne rendete conto?



14. IlGrandeCacciucco ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:16

Nina eccomi, sono l’esempio. Con il tuo commento sugli “schiavi inside” ti riferivi chiaramente a me, solo che per citare le tue parole “non ti spendi mai in prima persona”, ma agisci di sponda.
Essendo il mio il commento n. 1, chi è che insegue chi? Chi è che offende chi? Io mi sforzo di ignorarti, e credi mi sforzo tanto, ma sei peggio di una mosca tze tze, dovunque uno si giri si ritrova sempre te che gli ronzi intorno.
Io mi faccio, e ti faccio, solo una domanda: sono anni e anni che reciti sempre lo stesso copione, ma non ti sei ancora stancata/o? Provochi fino allo sfinimento, poi quando un poveraccio alla fine reagisce parte la sceneggiata stile Eleonora Duse, mancano solo i drappi a cui attaccarti al culmine del melodramma. Accusi gli uomini di essere donne, le donne di essere uomini, vedi nick redivivi, nemici sotto mentite spoglie …. adesso ci mancavano solo quelli che ti inseguono per i post per perseguitarti.
Io spero tanto che tu sia un troll Nina, lo spero per te intendo, e ne sono anche ragionevolmente convinto, anche se, chiunque tu sia, non capisco che divertimento ci provi. A me da piccolo dicevano semrpe che ogni bel gioco dura poco.



15. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:29

Cacciucco: prima di tutto la tua è solo una supposizione e come tutte le supposte sai dove va, no? D’altronde ho sempre dimostrato che se devo dire una cosa la dico e basta. Il poveretto che reagisce non lo vedo proprio, vedo solo uno/a, Socrate, che come al solito mi infastidisce, mi accusa, ecc. ecc. Che poi, io ti ronzi attorno, datti una calmata che non ti vedo proprio. Sei tu, che con pervicacia ti sei inserito in quella famosa discussione, di cui poco mi interessava, sulle oche. E ne hai fatto una storia lunga due giorni. Ok? Le tue sono accuse generiche e non ben specificate quindi, datti una regolata e se ne se capace cita una mia “provocazione”. Ma non puoi! ah ah ah!



16. IlGrandeCacciucco ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:37

E quindi se uno si inserisce in una discussione di cui fai parte e dice cose che non ti aggradano merita la persecuzione a vita da parte tua. Non fa una piega. Buon pomeriggio Nina.



17. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:50

Ma chi ti perseguita? ma cosa dici? Sei tu che mi hai perseguitato per due giorni, e da allora IO non ti ho più nominato nè calcolato. Ma datti una regolata.



18. Vattelalbicocca ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:51

fa ridere RoXy che scrive caxxate e poi si rifugia dietro al “non sono stato io!” tanto caro a Bart Simpson.



19. Nina ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:52

Ma guarda un po’ che strano, una che non è contenta che si ribadiscano insulti. Io ho delle idee davvero strane.



20. Vattelalbicocca ha scritto:

30 ottobre 2018 alle 15:56

ma poi parla di aver segnalato che non c’è neppure il tasto per segnalare, non è un utente registrato come me e molti altri.



21. Ivan ha scritto:

31 ottobre 2018 alle 02:56

Nel commento nº 3 si menziona una t-shirt goliardica… probabilmente in riferimento, in base ai più recenti fatti di cronaca, a quella tipa con la scritta vergognosa auschwitzland e qualcuno dopo dice che non c’era niente di razzista… trovo tutto questo veramente scoraggiante, penoso e vergognoso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.