22
ottobre

Iris celebra il 1978, l’anno dei tre Papi

Non Abbiate Paura

Non Abbiate Paura

Il 1978 non è solo l’anno dell’assassinio di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse o del boom nei cinema de La Febbre del Sabato Sera. Quarant’anni fa si avvicendarono, infatti, sul soglio di Pietro, nell’arco di meno di tre mesi, ben tre Papi: Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II. A questo evento storico Iris, canale cinematografico di Mediaset, dedica da oggi fino a venerdì la rassegna Annuntio Vobis, dieci film, divisi tra prima e seconda serata, introdotti e commentati dal giornalista Alessandro Banfi e dal professor Francesco Mores, docente di Storia della Chiesa all’Università di Milano.

Si parte stasera alle 21 con il film di Jeff Bleckner del 2005 Non Abbiate Paura – La Vita di Giovanni Paolo II, dedicato al primo Papa polacco della storia, eletto esattamente il 22 ottobre di 40 anni fa. La storia prende avvio con la storica visita a Gerusalemme nel 2002, che diventa l’occasione per il Pontefice, interpretato da Thomas Kretschmann, di ripercorrere gli eventi principali della sua vita, dai lutti vissuti in tenera età all’invasione della Polonia ad opera del Terzo Reich fino ai numerosissimi viaggi condotti fino alla morte nel 2005. La Terra Santa è protagonista anche della seconda serata con Sopralluoghi in Palestina per il Vangelo Secondo Matteo, documentario in bianco e nero di Pier Paolo Pasolini. Realizzato nel 1963 e distribuito nel 1965, vede presenti lo stesso regista ed il suo accompagnatore Don Andrea Carraro. Un viaggio, il loro, che precedette di un anno quello di Paolo VI, primo Papa a visitare i luoghi sacri del cristianesimo dopo quasi due millenni.

Domani, in prima serata, sarà la volta di Morte in Vaticano di Marcello Aliprandi, con Terence Stamp e Fabrizio Bentivoglio. Il mistero al centro della pellicola è ispirato alla prematura morte di Giovanni Paolo I, papa per soli 33 giorni tra settembre e ottobre del 1978. Mercoledì si farà un passo indietro, al pontificato di Giovanni XXIII, con E Venne un Uomo di Ermanno Olmi. Nel cast Rod Stiger, Adolfo Celi e attori dilettanti. Giovedì appuntamento con Amen, del premio Oscar Costa-Gavras, una pagina oscura della storia della Chiesa: i rapporti tra il Vaticano e il nazismo. Il film creò molte controversie, non solo per il tema trattato ma anche per il simbolo usato per la locandina realizzata da Oliviero Toscani. Nel cast spicca Mathieu Kassovitz.

Venerdì si chiude con La Papessa, pellicola diretta da Sönke Wortmann, basata sulla storia dell’enigmatica figura della Papessa Giovanna (Johanna Wokalek). Le altre pellicole in programma, in seconda serata, sono Quo Vadis, il kolossal di Mervyn LeRoy con Robert Taylor, Deborah Kerr e Peter Ustinov (martedì); Fratello Sole, Sorella Luna di Franco Zeffirelli, liberamente ispirato alla vita di San Francesco, interpretato da Graham Faulkner (mercoledì); Le Crociate-Kingdom of Heaven di Ridley Scott con Orlando Bloom e Jeremy Irons (giovedì); Flavia, La Monaca Musulmana di Gianfranco Mingozzi, con Florinda Bolkan nei panni dell’eroina che capeggiò la rivolta contro i cristiani nel Sacco di Otranto del 1480 (venerdì).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandro Preziosi, I viceré
Le «Cinque Giornate» di Iris: arriva una maratona di film sul Risorgimento. Ecco i titoli


Lino Banfi, Enrico Tamburini
C’era una volta in Puglia: su Iris le più celebri pellicole di Lino Banfi introdotte e commentate dall’attore pugliese


A Wong Foo - Grazie di tutto @ Davide Maggio .it
IRIS ARCOBALENO: SUL DTT MEDIASET UNA RASSEGNA DI OPERE DEDICATE AL MONDO GAY e LESBICO


Breaking Bad, Aaron Paul
Breaking Bad torna come film. In lavorazione un sequel su Jesse

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.