15
ottobre

I Bastardi di Pizzofalcone 2: anticipazioni terza puntata del 22 ottobre 2018

Carolina Crescentini e Alessandro Gassmann

Carolina Crescentini e Alessandro Gassmann

In quel di Napoli il commissariato di Pizzofalcone è tornato ad essere operativo. Nonostante le molte difficoltà e i giudizi prevenuti dei superiori, i “Bastardi” hanno dimostrato sul campo di essere un’ottima squadra. Una squadra che come tutte quelle che funzionano non può che essere riconfermata. Nuove indagini e difficili casi da risolvere tra i vicoli della città partenopea attendono ogni giorno Lojacono (Alessandro Gassmann) ed il suo gruppo. Ma il malaffare non è l’unico problema de I Bastardi di Pizzofalcone che, terminata la giornata lavorativa, devono fare i conti con il proprio privato, per nessuno di loro particolarmente semplice e appagante. Anche questi sei nuovi episodi sono tratti dai fortunati romanzi di Maurizio De Giovanni. Dietro la macchina da presa Alessandro D’Alatri.

I Bastardi di Pizzofalcone 2 – Anticipazioni terza puntata del 22 ottobre 2018

All’interno di una gioielleria, ai piedi della cassaforte, aperta e svuotata, giace privo di vita il corpo di Carlo Ficucello, il proprietario del negozio. Gli hanno sparato da distanza ravvicinata. Poco distante dal cadavere c’è una pistola. Ma non è quella che ha sparato. È scarica e apparteneva al gioielliere. Da qui prende il via un’indagine che dall’ipotesi di una rapina finita male, porterà i Bastardi a scandagliare un universo sociale e famigliare dove il confine fra il bene e il male si fa sottile e le responsabilità confuse.

I Bastardi di Pizzofalcone 2 – Anticipazioni seconda puntata del 15 ottobre 2018

Pane (dall’omonimo romanzo di Maurizio De Giovanni): Pasquale Granato, proprietario di una storica panetteria di Napoli, dove ancora si il pane fa col lievito madre, è stato ucciso a colpi di pistola. Sulla scena del delitto arrivano per primi i Bastardi. Immediatamente dopo, irrompono gli uomini dell’Antimafia,compreso il famoso e potente procuratore: Diego Buffardi. L’antimafia vuole avocare il caso a sé: la vittima rientra in una indagine della DIA. Granato era stato testimone di un fatto legato al clan dei Sorbo, una famiglia criminale. È vero che in seguito aveva ritrattato la sua testimonianza ma, nell’ottica dei criminali, restava un pericolo da eliminare. Per Buffardi il movente è chiaro. Non altrettanto per l’ispettore Lojacono che,sulla base di alcuni rilievi, del suo intuito e di più approfondite indagini ritiene che il delitto non sia legato alla criminalità organizzata ma abbia origine altrove. Lo scontro Lojacono -Buffardi (per il tramite della Piras) è molto duro. Chi dei due ha ragione?

I Bastardi di Pizzofalcone 2 – Anticipazioni prima puntata dell’8 ottobre 2018

Cuccioli (dall’omonimo romanzo di Maurizio De Giovanni): L’assistente capo Francesco Romano,andando al lavoro, trova una neonata abbandonata accanto a un cassonetto della spazzatura. È sospesa fra la vita e la morte.Chi è stato ad abbandonarla? Partono le indagini. La bimba lentamente si riprende.Nel frattempo, in un appartamento signorile,viene scoperto il cadavere di una ragazza dell’Est. Sola. È chiaramente stata uccisa e l’autopsia stabilisce che la vittima aveva partorito da poco. C’è un nesso fra i due tragici eventi? I Bastardi conducono le indagini con lo zelo consueto e una forte compassione, costretti a combattere un male più disumano del solito.


Articoli che potrebbero interessarti


Marco Bocci in Solo - Seconda Stagione
Solo – Seconda Stagione: anticipazioni terza puntata del 19 ottobre 2018


Temptation Island 208 - Francesco
Temptation Island 2018: nella terza puntata il falò di Ida e Riccardo (e non solo)


Questo Nostro Amore 80 - Anna Valle
Questo Nostro Amore 80: anticipazioni terza puntata di martedì 10 aprile 2018


Massimiliano Morra
Furore 2: anticipazioni terza puntata di domenica 4 marzo 2018

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.