22
ottobre

Mediterraneo, il secondo restauro di Infinity di un grande cult italiano

Mediterraneo

Mediterraneo

Dopo il restauro di un altro grande classico del cinema italiano, Borotalco di Carlo Verdone, Infinity continua a valorizzare il grande cinema restaurando il capolavoro di Gabriele Salvatores, Mediterraneo, pellicola del 1991 premiata come miglior film straniero agli Oscar.

1941. Un manipolo di 8 uomini parte per un’isola greca apparentemente deserta con il compito di presidiarla. L’unico di loro ad aver avuto un’esperienza pregressa nell’esercito è il Sergente Lo Russo, che partecipò alla campagna d’Africa. Il plotone, sfruttando l’isolamento geografico e la mancanza di comunicazioni, inizia a dedicarsi a varie attività, nessuna delle quali ha a che fare con la guerra. Così gli abitanti dell’isola, nascosti per evitare guai coi soldati, capiscono che non devono preoccuparsi della loro presenza ed escono allo scoperto. Tra di loro c’è anche la bella Vassilissa, una prostituta al servizio dei soldati che stringe un legame particolare con l’attendente Antonio Farina.

Premiato con l’Oscar nel 1992, il quinto film della carriera di Salvatores è una pietra miliare della cinematografia italiana, il film chiude il cerchio di opere che l’autore ha dedicato alla fuga, iniziato con Marrakesh Express e Turnè. Nel cast Diego Abatantuono, Claudio Bigagli, Ugo Conti, Antonio Catania, Giuseppe Cederna e Gigio Alberti.
Un’opera davvero imperdibile, da godersi appieno anche nella versione restaurata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Animali Fantastici e Dove Trovarli
Animali ancora più fantastici con il 4K di Infinity


The Boss
The Boss, una donna al potere


Non si ruba a casa dei ladri
Non si ruba a casa dei ladri, lo sa anche Infinity


Life Sentence
Life Sentence, quando salvarsi è una condanna

1 Commento dei lettori »

1. Nimo ha scritto:

22 ottobre 2018 alle 11:20

Un grande cult? Ma per carità… un filmetto sopravvalutato.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.