10
settembre

Vieni da Me, anzi scappa

Caterina Balivo - Vieni da Me

Caterina Balivo - Vieni da Me

“Abbiamo provato poco, lo studio è arrivato solo sabato”, ha ammesso Caterina Balivo. Quindi, senza troppi giri di parole, possiamo affermare che l’unica cosa da salvare di Vieni da Me -almeno per il momento- è arrivata proprio all’ultimo. Per il resto, la “scatola delle sorprese” (così ha definito la conduttrice il suo nuovo programma) ha l’effetto di un bel ‘pacco’, tutt’altro che da regalo.

Dicevamo dello studio. Una sorta di loft, molto accogliente e bello da vedere, identico a quello che vede protagonista in America Ellen DeGeneres, nel suo pluripremiato talk show al quale si ispira Vieni da Me. La volontà di creare un clima familiare con il pubblico a casa è evidente, insieme alla poltrona e al divano di colore rosso che dominano la scena, nella quale la Balivo accoglie i suoi ospiti. La prima ad inaugurarlo è stata Claudia Gerini, spuntata -ahinoi (e ahilei)- da una siepe tanto oscena per quanto finta. Un dettaglio che andrebbe eliminato subito, se non fosse che dà il titolo allo spazio ‘Oltre la siepe’.

Lo studio è comunque l’emblema del grande sforzo (ci chiediamo ancora come mai!) fatto da Rai 1 per Vieni da Me. I vertici ci credono molto, al punto da martellare il pubblico per giorni con promo e bumper per l’arrivo di questo nuovo programma, che Caterina Balivo ha avuto anche il privilegio di promuovere prima a La Prova del Cuoco e poi in collegamento con il Tg1. Ci ha messo fin da subito la faccia e ha fatto bene, ma solo quella non basta. Perché la grande pecca di Vieni da Me è che -almeno nella resa- contenutisticamente è quasi zero (e senza lode, perché non sei mica Alessandro Greco!).

Si improvvisa, ammesso che lo si sappia fare, se ci sono una struttura e una base solide, sulle quali si può anche giocare e costruire man mano una trasmissione. Alla prima puntata di Vieni da Me, invece, ci si inoltra in meccanismi contorti e scollegati l’uno dall’altro. Se le interviste ai personaggi noti non raccontano ormai nulla di nuovo (oltre alla Gerini, sono arrivati -da Il Paradiso delle Signore 3- Roberto Farnesi e Alessandro Tersigni), quelle alla gente comune lasciano sempre più perplessi. Oggi è toccato ad una futura mamma, che si è rivolta al programma per farsi dire dalla Balivo il sesso del bambino. Bah!

E che dire del pubblico in studio, ‘armato’ di palette per sentenziare sulla situazione sentimentale di Claudia Gerini? “Secondo voi è veramente single oppure no?”. L’attrice e il telespettatore ‘fremevano’ dal conoscere il verdetto! Ancor più banale, quasi fosse un tappabuchi, il gioco telefonico con il pubblico a casa, che dovrebbe chiamare, prenotarsi e scervellarsi per indovinare a quale vip appartiene la casa di cui vengono mostrati alcuni indizi. Il tutto per 100 euro in gettoni d’oro. Tu, tu, tu, tu, tu, tu…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Caterina Balivo - Vieni da Me
BOOM! Caterina Balivo presenta lo studio di Vieni da Me in anteprima su davidemaggio.it


Vieni da Me Balivo
Vieni da Me: Caterina Balivo rispolvera i giochi telefonici


Caterina Balivo
Vieni da Me: il promo con Caterina ‘centralino’ Balivo


Alessandro Greco
Rai 1, stagione 2018/2019: chi entra e chi esce

16 Commenti dei lettori »

1. katya ha scritto:

10 settembre 2018 alle 16:22

Se è vero che questo studio è costato molti sforzi, potevano farne uno in più e trasmettere il programma in HD. Nel 2018 non può ancora essere un surplus, ma la consuetudine. Dalla Rai in quanto servizio pubblico ci si aspetta questo e altro.



2. RoXy ha scritto:

10 settembre 2018 alle 16:53

Ho visto solo alcuni passaggi, nauseata da quella pseudo-mamma e dalla sua pessima recitazione.

Mi chiedo, cosa ci sia di così interessante nello show della degenerata DeGenere? Queste squallide americanate traboccanti di auto-compiacimento in Italia fortunatamente non funzionano.



3. XxdanyxX ha scritto:

10 settembre 2018 alle 17:11

RoXy, degustibus, ma The Ellen Degeneres Show è uno show con i controfiocchi e lei una conduttrice magistrale, con una super storia alle spalle e amatissima in tutta America.
però ti do ragione, ho paura non funzionino formule del genere… staremo a vedere, ma se sbagli la partenza purtroppo sei fregato e secondo me la balivo tornerà a Detto Fatto sfrattando la povera e brava Guaccero dalla sua nuova casa…



4. Lola ha scritto:

10 settembre 2018 alle 17:27

Ho visto solo qualche minuto per curiosità per poi cambiare canale con quell’imbarazzante storia del sesso del nuovo nascituro di chissà chi

Però come si fa a dire che lo studio è “identico” quello di Ellen? Sembra la versione tarocca di quello, suvvia



5. andi ha scritto:

10 settembre 2018 alle 17:27

Lo studio dalle foto di instagram sembrava più acceso e colorato, dalla tv invece è un po’ sbiadito. Per quanto riguarda il programma secondo me dovrebbero da subito stravolgerlo e renderlo un ‘Festa Italiana’, tanto non credo siano vincolati da diritti d’autore per il format.



6. Miko ha scritto:

10 settembre 2018 alle 18:15

Non capisco questo accanimento che da qualche tempo questo blog ha messo su contro la Balivo (che a me non sta particolarmente simpatica, tengo a precisarlo).

Il programma non sarà niente di nuovo, ok, ma nel pomeriggio di Rai 1, ad uso e consumo prevalentemente delle donne over 70, che innovazioni o sperimentazioni vi aspettate?

Io l’innovazione me l’aspetterei da Rai 2 che, in teoria, sarebbe la rete Rai a target giovanile (e che invece per l’ennesima stagione ci propina quella sagra dell’ammuffito conosciuta come ”I fatti vostri”, quello sì un programma rimasto fermo a trent’anni fa).



7. Geiser ha scritto:

10 settembre 2018 alle 19:59

Ma la domanda più importante è farà più o meno dell’esordio di Zero e lode dello scorso anno?



8. Enzo ha scritto:

10 settembre 2018 alle 20:43

Programma orribile: scontato, noioso, già visto. Peccato perché sulla carta prometteva bene … redatece zero e lode!!!!!!



9. Insomm77 ha scritto:

10 settembre 2018 alle 21:23

Ho visto qualcosa Della Guaccero se La cava bene, sul Programma Della Balivo è Ancora troppo presto per giudicare



10. Mister Zapping ha scritto:

10 settembre 2018 alle 23:39

Questa prima puntata pareva il ritorno di “Festa Italiana” 10 anni dopo, anzi una festa strapeaesana televisivamente vecchia e imbarazzante! Per ora cara Caterina NCS… Non Ci Siamo!



11. Giannileo ha scritto:

11 settembre 2018 alle 00:55

@roxy
Vergognati di dare della degenerata a Ellen solo perché lesbica! Fai schifo.



12. Francesco93 ha scritto:

11 settembre 2018 alle 10:54

Programma imbarazzante, Alessandro Greco a fare le televendite e questa raccomandata promossa su Rai 1: si chiama meritocrazia…



13. Sergio ha scritto:

11 settembre 2018 alle 11:13

Io ho trovato veramente noioso il programma della Balivo e veramente tanto retrò.
Quello che chiedevano i Vertici Rai, dopo la chiusura di Zero e Lode, ovvero riportare un po’ di anziani a Casa “Mamma Rai” ma facendo così scappare quel pubblico giovane altrove.

La Balivo era meglio se continuava il suo “purgatorio” su Rai2, piuttosto che stare in “Paradiso” e far un programma penoso che non è nelle sue corde.
Era meglio se rispolveravano Festa Italiana, il suo programma che faceva anni ed anni fa, prima di Vita in Diretta.



14. Ada ha scritto:

11 settembre 2018 alle 17:06

come sempre brava Roxy la degeranata Ellen, programmi trash che varie propagande….@Gannileo va come ti permetti di insultare la Grande Roxy..ha solo detto che e` lesbica se lo e`e non lo nasconde ….ma come siamo permalosi oggi..



15. g ha scritto:

12 settembre 2018 alle 11:12

quando ho saputo che la Balivo era stata sostituita dalla Guaccero a Detto Fatto, ho applaudito. Ho pensato, finalmente ci siamo liberati di questa, invece me la ritrovo in un altro programma orrendo. Non c’è niente da fare, non ci si riesce a liberare di certi personaggi.



16. Marina ha scritto:

12 settembre 2018 alle 15:30

Programma noioso e ripetitivo . La parte dei gossip veramente penosa. Per non parlare del gioco telefonico…. soldi pubblici veramente mal spesi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.