22
agosto

Rai: la programmazione nel secondo anniversario del terremoto in Italia centrale

Le immagini dei soccorsi

E’ il 24 agosto 2016: un sisma di magnitudo 6 colpisce la zona dell’Appennino Centrale, in quattro regioni: Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo. Quasi 300 vittime, 17 mila sfollati, moltissimi edifici o distrutti o danneggiati. E le scosse si protraggono fino all’anno successivo, deformando il suolo: in alcuni centri abitati la terra si alza o si abbassa per decine di centimetri. Al ricordo delle vittime e di chi è stato duramente colpito dalle conseguenze del terremoto, la Rai dedica la programmazione di venerdì 24 agosto, con numerosi appuntamenti durante la giornata.

Su Rai1, in particolare, alle 10.55 viene proposta in diretta da Amatrice – uno dei centri più colpiti – la Santa Messa in suffragio delle vittime. La trasmissione è a cura del Tg1. Spazi di approfondimento anche in Uno mattina estate, dalle 7.10, e a La vita in diretta estate, dalle 15.30. Alle 23.30, inoltre, Rai1 ripropone “Muti per l’Umbria”, il concerto che il maestro Riccardo Muti ha dedicato il 4 agosto – con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica – alla terra umbra devastata dal sisma del 2016 e che Rai5 ha trasmesso in diretta da piazza San Benedetto a Norcia. Muti, sul podio dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini propone una selezione di brani tratti dal Macbeth di Giuseppe Verdi, compositore da sempre associato al forte senso di appartenenza all’identità italiana. Protagonisti sul palco Alessio Verna, Vittoria Yeo, Riccardo Rados, Riccardo Zanellato, Giuseppe Di Stefano, Adriano Gramigni e Antonella Carpenito, insieme al Coro Costanzo Porta. La regia tv è di Rossella De Bonis.

Su Rai3, il ricordo è affidato ad Agorà estate, dalle 8.00; a Blob, con una puntata dedicata alla ricorrenza alle 20.00; e a Vox Populi, alle 20.25. Un ampio approfondimento, inoltre, a Linea Notte estate del Tg3 alle 23.15. Ancora per quanto riguarda l’informazione su Rai3, da segnalare lo Speciale della Testata Giornalistica Regionale in onda a diffusione nazionale alle 15.00 con collegamenti dalle zone colpite dal sisma. Sempre la Tgr, inoltre, seguirà l’anniversario con servizi e dirette collaborando anche alla realizzazione di uno Speciale in diretta su Rai News24 da Amatrice, Accumoli, Arquata e Visso. Tutte le testate televisive e radiofoniche Rai, poi, daranno ampio spazio alla ricorrenza in tutte le edizioni. Il ricordo del 24 agosto 2016 è affidato anche a Rai Cultura che – dopo la diretta del concerto del maestro Muti il 4 agosto su Rai5 e il documentario “Come de carta” il 21 agosto su Rai Storia – rilegge quanto accaduto nel Centro Italia in “Il giorno e la Storia”, in onda a mezzanotte e in replica alle 5.30, 8.30, 11.30, 14.00 e 20.10 su Rai Storia.

Su Rai Scuola due Speciali: venerdì 24 agosto, alle 10.00, “A scuola per ricostruire” e sabato 25, alle 18.30, “Arquata e Amatrice un anno dopo”. Il primo racconta come la ripartenza delle scuole di Amatrice, Arquata del Tronto, Acquasanta Terme, sia stato un passo importante, mentre il secondo si sofferma sulla rinascita di un territorio, anche attraverso le istituzioni scolastiche, come il nuovo Liceo scientifico ad indirizzo sportivo internazionale di Amatrice o la scuola di Arquata del Tronto interamente antisismica, cablata, con aule di informatica, cucina e tanti giochi per bambini.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Castelluccio di Norcia
Terremoto Centro Italia: la Rai ricorda il sisma con un palinsesto speciale


Rai
GIORNATA DI LUTTO NAZIONALE: SU RAI1, CANALE5, LA7 E TV2000 I FUNERALI DELLE VITTIME DEL TERREMOTO. NIENTE SPOT SULLE RETI RAI


Nations League
Nations League: Mediaset aumenta il numero di partite (da 6 a 10), in diretta su Canale 5 e Italia 1


Matteo Salvini
Matteo Salvini: «In Rai troppi canali. Si dovrà scegliere, o canone o pubblicità»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.