30
luglio

Nomine Rai: così fan tutti. L’ipocrisia politica di chi, solo ora, si scandalizza per «l’occupazione selvaggia»

Matteo Renzi, Rai

In Rai così fan tutti. Ma proprio tutti. E l’ipocrisia più grande sta nel negarlo, nel fingere che qualcuno sia (stato) più puro di altri. Il recente rinnovo dei vertici di Viale Mazzini ha scatenato accese polemiche sul fronte politico, con il Pd particolarmente scatenato nella critica all’attuale esecutivo, accusato di agire secondo logiche lottizzatorie. “Con Lega e M5s assistiamo all’occupazione della Rai” ha denunciato il deputato dem Michele Anzaldi, argomentando che in passato – in particolare con il governo Renzi – non fosse così.

Ora: è evidente che gli attuali governanti, spartendosi la torta, abbiano effettuato nomine a loro gradite e ritenute in linea con il progetto politico che intendono portare avanti. Sarebbe da ingenui credere il contrario. I loro predecessori, però, hanno fatto esattamente lo stesso e, proprio per questo, vederli ora indignati per “l’occupazione selvaggia della Rai” che si starebbe compiendo è qualcosa che suscita ilarità mista a fastidio.

Quasi surreali le parole pronunciate al riguardo dall’esponente Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi:

Ora con Lega e M5s assistiamo all’occupazione della Rai, alla minaccia di spartizione selvaggia dei telegiornali pubblici addirittura con riunioni formali dei ministri a Palazzo Chigi, ai casting con gli aspiranti direttori nelle abitazioni private dei vertici del Governo (…) Renzi è stato l’unico premier con il quale, una volta arrivato a Palazzo Chigi, non sono cambiati i direttori dei Tg Rai. L’unico premier a prestarsi ai confronti anche con i giornalisti più critici, in qualsiasi trasmissione. Con Renzi premier, alcune delle trasmissioni più critiche nei confronti del Governo andavano in onda proprio sui canali del servizio pubblico“.

Affermazioni che si contraddicono da sole. Del resto, nell’agosto 2016 – quando Renzi era a Palazzo Chigi – le direzioni dei Tg cambiarono eccome: al Tg1 venne rinnovato Mario Orfeo (divenuto poi DG Rai sotto il governo Gentiloni a traino Pd), al Tg2 venne promossa Ida Colucci e al Tg3 Luca Mazzà prese il posto di Bianca Berlinguer, la quale lasciò (non senza polemiche) l’incarico che ricopriva da sette anni parlando di pressioni sgraziate e attacchi sguaiati” da parte della politica.

Quanto alle trasmissioni critiche nei confronti del governo, si potrebbero ricordare le chiusure quantomai sospette e chiacchierate di Ballarò e di Virus. Per capire il contesto in cui esse avvennero, rammentiamo che Massimo Giannini chiuse i battenti del talk show esclamando: “Anche noi siamo stati rottamati“. E Nicola Porro, rivolgendosi proprio a Renzi, lanciò la frecciatina: “Presidente, spegne lei la luce dello studio?. Infine c’è stato il caso Massimo Giletti, che ha dovuto fare i conti con la chiusura de L’Arena.

Utilizzare paragoni col passato, insomma, non è certo il modo migliore per conferire credibilità alle argomentazioni di chi ha il dovere di fare opposizione. Perché, in materia di lottizzazioni, nessun partito può ritenersi più puro di altri. In tal senso, risultano strumentali anche le parole espresse dallo stesso Renzi sui social:

Così ha sentenziato l’ex premier, dimenticando forse che anche i precedenti vertici Rai erano l’espressione di una volontà politica (in quel caso, però, a lui più gradita). Quanto alle norme sul rinnovo della governance di Viale Mazzini, infine, va ricordato che la legge che ha regolato il recente avvicendamento è proprio quella entrata in vigore sotto il governo Renzi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Luigi Di Maio
Rai, Pd all’attacco sulle nuove nomine. Di Maio: «Noi facciamo i casting, quelli di prima mettevano i loro compari»


casimiro lieto
Nomine Rai: chi è Casimiro Lieto, candidato alla direzione di Rai2


Marcello Foa
Rai, stallo sulle nomine. Foa rimanda il Cda e finisce nel mirino


Federica Sciarelli
Rai, nuove nomine: ecco i favoriti. C’è anche Federica Sciarelli per il Tg1

6 Commenti dei lettori »

1. Marco ha scritto:

31 luglio 2018 alle 00:26

Un consiglio.
Parlate di tv, di intrattenimento, di gossip, ma lasciate stare le dinamiche politiche e le problematiche connesse all’informazione.
Per leggere le solite storielle “così fan tutti” e “allora il pd” basta restare su Facebook.



2. Sanjuro ha scritto:

31 luglio 2018 alle 08:46

Io, dopo un’infornata di articoli così, avrei perso la sensibilità alla lingua.
Tutto bene, Leardi?
Riesci ancora a mangiare il gelato?



3. Joseph ha scritto:

31 luglio 2018 alle 10:28

Anche Leardi ha da campà, salendo sul carro di chi ha vinto.



4. Sabato ha scritto:

31 luglio 2018 alle 11:24

Leardi ha ragione: è ipocrita chi si scandalizza solo ora per l’occupazione delle poltrone. Ma è ipocrita anche Leardi stesso, che denuncia l’ipocrisia solo ora, mentre prima andava tutto bene. Ed è ipocrita chi, dopo aver annunciato di voler mettere ai vertici Rai personalità competenti ed imparziali, tenta ora di piazzare i propri fedelissimi, come fecero tutti i suoi predecessori… alla faccia del Governo del cambiamento!

Ps: Leardi, non accosti Porro a Giletti! Se da un lato Giletti macinava successi e la chiusura dell’Arena è stata davvero inspiegabile (oltre che un clamoroso autogol sul piano degli ascolti), dall’altro Virus registrava ascolti flop. Il programma di Porro è andato in onda per ben 3 anni, per un totale di 116 puntate, registrando ascolti bassi ed in continuo calo: è quindi stato chiuso per bassi ascolti. Giustamente, comprensibilmente e nell’interesse dell’azienda. Quel parac**o di Porro, per salvarsi la faccia, ha tentato di vestire i panni dell’epurato, ma i suoi 3 anni di flop giustificano e legittimano la chiusura del suo programma… Porro se ne faccia una ragione e si prenda la responsabilità dei propri fallimenti!
Voglio anche far notare che Virus è andato in onda da luglio 2013 a giugno 2016, mentre Renzi è stato Premier da febbraio 2014 a dicembre 2016: questo significa che Renzi ha “confermato” la seconda e la terza stagione di Virus, nonostante gli ascolti flop (alla faccia dell’epurazione!). Virus è stato chiuso solo al termine della terza stagione e a causa del suo insuccesso: la storia di Porro (che, fra l’altro, sta continuando a collezionare flop in casa Mediaset) non ha nulla in comune con quella di Giletti, il quale ha tutto il diritto di risentirsi della propria esclusione dalla Rai e di ritenersi un epurato.



5. Andrea ha scritto:

31 luglio 2018 alle 11:29

Il messaggio che lascia passare l’articolo è piuttosto triste.



6. Nina ha scritto:

31 luglio 2018 alle 11:38

Davvero ridicolo che in altri articoli ci sia un accanimento esagerato nei confronti di roxy.della quale possiamo criticare la forma ma è una delle poche a proporre argomenti, mentre nessuno si indigna per i beceri insulti che provengono da un paio di persone.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.