22
giugno

I Tre di Denari tornano a Reazione a Catena – Video

Reazione a Catena, Tre di Denari

A volte ritornano (in tv). Anche solo tra il pubblico. I più attenti telespettatori di ieri sera hanno avuto un déjà vu: in studio, infatti, sono ricomparsi I Tre di Denari (Marco Burato, Francesco Nonnis e Michael Di Liberto), gli storici ex concorrenti brianzoli che lo scorso anno tennero botta per ben 35 puntate nel game show di Rai1 oggi condotto da Gabriele Corsi ed allora guidato da Amadeus. I tre, però, non si sono presentati per prendersi una rivincita ma solo per fare il tifo.

Il trio di ex concorrenti è riapparso a Reazione a Catena perché tra i Do di Petto, gli attuali campioni del quiz, gioca Andrea Burato, fratello di Marco Burato dei Tre di Denari. La presenza in studio di questi ultimi – che con la loro partecipazione portarono a casa più di 400mila euro – ha portato bene ai Do di Petto, che ieri sera sono riusciti a scalzare i campioni in carica, i Lampredotti, indovinando 13 parole contro 11 dei loro avversari nel gioco dell’Intesa vincente.

Nella stessa puntata, I Tre di Denari – per ricordare i vecchi tempi – hanno anche risolto con facilità una Catena musicale. “Se vincete, di soldi non avrete nulla. Se perdete, i soldi me li dovete dare” aveva scherzato il conduttore.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gabriele Corsi reazione a catena
Gabriele Corsi conduce Reazione a Catena 2018


I Tre di Denari con Valeria Marini e Pippo Franco
Reazione a Catena di Sera: i super campioni sono I Tre di Denari


Amadeus
Reazione a Catena in prima serata ad agosto, Amadeus: «Sarà un triangolare. Ecco chi giocherà»


I Tre di Denari - Selfie con Amadeus
Reazione a Catena: i Tre di Denari licenziati dall’azienda in cui lavoravano. Ecco cosa faranno ora

1 Commento dei lettori »

1. controcorrente ha scritto:

22 giugno 2018 alle 17:18

proprio degli impuniti questi di rai1.. converrebbe farceli dimenticare..anziche’ ricordarceli.. MA NON PER LORO… solo per il “giochetto” con il quale li fecero fuori dal gioco…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.