20
giugno

Rai, Di Maio contro i raccomandati: «Nuovi vertici sganciati dalla politica». A breve, la prova dei fatti

Luigi Di Maio

La prova dei fatti arriverà a breve. E, a quel punto, le parole conteranno poco. Con l’ormai prossimo rinnovo dei vertici Rai (l’attuale governance scadrà a fine giugno), il governo Lega-M5S dimostrerà se intende cambiare registro o seguire le logiche della lottizzazione che – più o meno esplicitamente – hanno guidato le nomine del servizio pubblico anche nel recente passato. Su questo aspetto, il vicepremier ostenta certezze e azzarda promesse. 

Stamane, intervenendo a Coffee Break su La7, il leader del M5S ed esponente di governo è intervenuto sull’argomento affermando:

Adesso si nomineranno i nuovi vertici della Rai. Lo dico qui e lo assumo come impegno perché l’ho già detto: le nomine in Rai del Consiglio d’Amministrazione, del Direttore Generale e del Presidente non devono essere ad appannaggio della politica. Devono essere persone sganciate dalla politica che devono avere una mission: devono arrivare lì e cominciare a fare una cosa molto semplice, capire come si spendono i soldi del canone degli italiani“.

Premesso che sarebbe riduttivo – se non addirittura errato – attribuire alla governance un mero ruolo di controllo (che spetta piuttosto alla Vigilanza), resta da capire in che termini tale compito dovrebbe essere assolto dai futuri nominati. Al riguardo, Di Maio ha spiegato:

Facciamo una bella analisi di tutti quelli che non sono entrati per concorso, che sono stati nominati dalla politica, che sono stati stabilizzati, gli appalti e le consulenze esterne, e cominciamo a capire come si stanno buttando i soldi degli italiani o spendendo bene, perché ci sono anche bravissimi professionisti“.

Parole che completano le affermazioni rilasciate ieri a Porta a Porta dallo stesso vicepremier, il quale aveva espresso la volontà di fare un censimento dei “raccomandati della Pubblica Amministrazione e tra questi anche quelli che ci sono in questa azienda, la Rai“.

Secondo indiscrezioni, tra i profili che il governo sta vagliando per i nuovi vertici Rai ci sarebbero anche quelli di Ferruccio De Bortoli (che si è sempre detto non interessato), del DG di Stand by me Fabrizio Salini, di Fabio Vaccarono, dal 2012 Country Director di Google Italy. In lizza per la Presidenza Rai, secondo accordi politici, ci sarebbero invece Maurizio Gasparri e Paolo Romani.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai
CdA Rai, eletti i quattro membri di nomina parlamentare. Ecco chi sono


Milano Portello Rai
Rai: nuovi studi a Milano. Si trasloca da Mecenate al Portello (Fiera)


Luigi Di Maio, diMartedì
DiMartedì, Di Maio: «CdA Rai nominato ricorrendo al sorteggio». Poi la gag con Floris


Rai, Mario Orfeo e Monica Maggioni
Rai, approvato il contratto di servizio: ecco gli impegni presi. Il bilancio semestrale chiude in rosso

2 Commenti dei lettori »

1. silvia ha scritto:

21 giugno 2018 alle 06:39

bravo luigi, questo è quello che vogliamo devono avanzare i meriti e non perdere di vista i compensi,,,perché per quanto bravi non possono avere i stipendi tipo fazio, clerici ecc,ecc, e per cortesia per la presidenza rai noooooo baudo((in pensione d’oro))



2. mauro ha scritto:

21 giugno 2018 alle 10:14

sono d’accordo con silvia, con la speranza però che non cada dalla padella alla brace, ieri è uscito un articolo sul messaggero dove si diceva che la lega vuole rai 2 mentre M5S vuole rai 3, per non parlare che la fidanzata di Salvini, Elisa Isoardi, è stata promossa alla prova del cuoco, sarà un caso speriamo di no



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.