19
giugno

Onda su Onda, un lucano in Uruguay

Onda su Onda

Onda su Onda

La terza opera di Rocco Papaleo, che dopo aver diretto “Una piccola impresa meridionale” e “Basilicata coast to coast” si è spostato in Uruguay per il divertentissimo “Onda su onda”. Il film del 2016, ora disponibile su Infinity, è stato infatti girato nella capitale del paese sudamericano, Montevideo.

Papaleo interpreta Gegè Cristofori, un cantante lucano di scarso successo, richiamato oltre oceano per un evento/anniversario di un Live definito memorabile avvenuto 35 anni prima. Inizia così il suo viaggio verso le Americhe, durante il quale incontrerà un personaggio che condividerà con lui il sano desiderio di successo e rivalsa, Ruggero Chiaromonte. Interpretato da Alessandro Gassmann, Ruggero è uno chef maniaco della precisione, così fedele alla vita sulle onde che a stento scende dalla nave, anche quando dovrebbe consumare le ferie. A Montevideo li accoglierà la terza protagonista della pellicola, la meravigliosa Luz Cipriota, che presta il volto a Gilda. La ragazza è colei che sta organizzando il ritorno sotto i riflettori di Gegè Cristofori, però questo concerto evento si rivelerà essere una sorta di truffa. Scambi di ruoli, caratteri opposti e incompatibili, zuffe e inganni assicurano agli spettatori una buona dose di divertimento, in pieno stile Papaleo.

Uno stile che opera dopo opera riesce a rendersi sempre più riconoscibile e apprezzabile, dove la malinconia contamina la comicità senza toglierle la capacità di divertire, piuttosto conferendo al film atmosfera e anche degli spunti di riflessione. Da non perdere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


cometirovinolevacanze
Come Ti Rovino le Vacanze – Ci pensano i Grinswold


mariamaddalena
Una Maria Maddalena come non l’avete mai vista. Solo su Infinity


filmnatale
La cine-maratona ‘Aspettando il Natale’ solo su Infinity


fugadareumapark
Aldo, Giovanni e Giacomo: fuggite da Reuma Park

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.