5
giugno

Poveri ma Ricchissimi

Poveri ma Ricchissimi

Poveri ma Ricchissimi

Il campione italiano d’incassi di questo inverno, “Poveri ma Ricchissimi” di Fausto Brizzi, è arrivato su Infinity, e sarà disponibile per la prima settimana di giugno in Première. Nel sequel di “Poveri ma Ricchi”, la famiglia Tucci è ancora più assetata di evasione fiscale e ambizioni politiche. Dopo aver scoperto di non aver perso davvero tutto il proprio patrimonio, vengono a conoscenza di una svista burocratica risalente all’unità d’Italia. Tale svista permetterebbe loro di trasformare Torresecca in una sorta di paradiso fiscale, rendendola indipendente dallo stato: diventerebbe così un “principato a conduzione famigliare”. Un sogno per i cafonissimi Tucci, soprattutto per Danilo, il pater familias, che automaticamente diviene Presidente del Consiglio e può iniziare ad emanare decreti in base alle esigenze del proprio ego.

Diretti da Brizzi e interpretati da Christian De Sica, Enrico Brignano, Lucia Ocone, Bebo Storti e Lodovica Comello, i Tucci hanno incarnato alla grande lo stereotipo della famiglia di “furbetti” all’italiana. Un pizzico di disonestà e ironia in abbondanza, queste sono le componenti che hanno reso la pellicola vincente, soprattutto nel giorno di Natale, quando ha sconfitto al botteghino italiano i cinepanettoni avversari e addirittura Star Wars. Altra chicca: la colonna sonora è firmata Thegiornalisti (Matteo Cantaluppi e Tommaso Paradiso).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


The good place, Deadbeat, 30 Rock
Infinity motivi per sorridere


Chicago pd
Chicago PD 2, torna il team operativo di Chicago


II Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco 2
II Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco 2


Ave cesare
Ave, Cesare. Torna su Infinity l’ultima creazione dei Coen

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.