5
giugno

Poveri ma Ricchissimi

Poveri ma Ricchissimi

Poveri ma Ricchissimi

Il campione italiano d’incassi di questo inverno, “Poveri ma Ricchissimi” di Fausto Brizzi, è arrivato su Infinity, e sarà disponibile per la prima settimana di giugno in Première. Nel sequel di “Poveri ma Ricchi”, la famiglia Tucci è ancora più assetata di evasione fiscale e ambizioni politiche. Dopo aver scoperto di non aver perso davvero tutto il proprio patrimonio, vengono a conoscenza di una svista burocratica risalente all’unità d’Italia. Tale svista permetterebbe loro di trasformare Torresecca in una sorta di paradiso fiscale, rendendola indipendente dallo stato: diventerebbe così un “principato a conduzione famigliare”. Un sogno per i cafonissimi Tucci, soprattutto per Danilo, il pater familias, che automaticamente diviene Presidente del Consiglio e può iniziare ad emanare decreti in base alle esigenze del proprio ego.

Diretti da Brizzi e interpretati da Christian De Sica, Enrico Brignano, Lucia Ocone, Bebo Storti e Lodovica Comello, i Tucci hanno incarnato alla grande lo stereotipo della famiglia di “furbetti” all’italiana. Un pizzico di disonestà e ironia in abbondanza, queste sono le componenti che hanno reso la pellicola vincente, soprattutto nel giorno di Natale, quando ha sconfitto al botteghino italiano i cinepanettoni avversari e addirittura Star Wars. Altra chicca: la colonna sonora è firmata Thegiornalisti (Matteo Cantaluppi e Tommaso Paradiso).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


fugadareumapark
Aldo, Giovanni e Giacomo: fuggite da Reuma Park


INFINITY_Scatto stanza_
Indovina il film


unamoreallaltezza
Un Amore all’Altezza di Infinity


mummia
Infinity presenta un nuovo universo oscuro: La Mummia

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.