18
marzo

E’ Arrivata la Felicità 2: anticipazioni settima puntata di domenica 25 marzo 2018

E' arrivata la felicità 2

E' arrivata la felicità 2

Nella prima stagione di E’ Arrivata la Felicità c’è stato un matrimonio mancato, quello tra la protagonista Angelica (Claudia Pandolfi) e il suo ex: lei lo mollò sull’altare per scappare da Orlando (Claudio Santamaria), l’uomo della sua vita. Nella seconda, invece, il matrimonio ci sarà, e sarà anche doppio: nella settima puntata, in onda su Rai1 nel pomeriggio di domenica 25 marzo 2018, i due diranno il fatidico sì insieme a Pietro (Alessandro Roja) e Nunzia (Simona Tabasco). Ma ci sarà ancora tempo per il dolore, come annunciano le anticipazioni complete, che seguono.

E’ Arrivata la Felicità 2: anticipazioni settima puntata di domenica 25 marzo 2018

2×13 Quando mi sono messo a nudo per te: Manca pochissimo al matrimonio e nell’aria c’è grande trepidazione. Ma è il giorno prima della cerimonia e tutti i preparativi si concentrano sull’addio al nubilato organizzato da Nunzia a casa di Angelica: le donne sono tutte invitate e non sanno cosa aspettarsi. La festa comincia ed entrano tre spogliarellisti. Ballano dando la schiena alle presenti, in maniera più o meno sexy, finché si girano: tutte sono sconvolte ed entusiaste quando scoprono che sono in realtà Pietro, Orlando ed Emanuele – quest’ultimo costretto a prendere parte alla pantomima solo perché si trovava sotto casa per chiarirsi con Laura, dopo che quella mattina avevano litigato. La serata procede piacevolmente e tutti si divertono e anche Valeria e Rita sembrano aver ritrovato un po’ di serenità. Solo Francesca ha la testa tra le nuvole: vorrebbe raggiungere Luca e stare con lui, cosa che a fine serata farà. L’unica che manca all’appello è Giovanna, che ha deciso di trascorrere la serata con Antongiulio, lusingata dell’invito, ma allo stesso tempo imbarazzata e impacciata. Finita la festa, Umberto, che fino ad allora era rimasto in camera con Pigi perché gli uomini non erano ammessi, vede Emanuele e Laura sul divano, abbracciati e felici, e questo lo getta nello sconforto. Angelica va a letto contenta ma stanca: si sente strana, ma dà la colpa all’alcol e all’emozione per il grande giorno.

2×14 Quando abbiamo detto quattro sì: Finalmente arriva il giorno del matrimonio. La cerimonia è un successo, con un solo imprevisto: dato che Valeria è in ritardo, Angelica è costretta a nominare sua testimone Francesca. Le famiglie si spostano al locale di Guido per festeggiare, ma non tutti si divertono come avrebbero sperato. Valeria, infatti, cerca di evitare Francesca, che alla fine le chiede il motivo del suo comportamento: Valeria le racconta tutto, dalla serata tra Rita e Luca alla possibilità che la bambina sia sua. La ragazza, sconvolta, lascia la festa. Anche Giovanna non è del tutto serena: non sa come comportarsi con Antongiulio, che le ha proposto di raggiungerlo a casa sua e sarà un suggerimento di Mago Mario a darle la spinta giusta per lanciarsi. Ma è Umberto quello che se la passa peggio di tutti: è triste e sconsolato, ora che Emanuele e Laura sembrano più felici che mai. Ma le cose migliorano quando una delle figlie di Mago Mario gli propone di divertirsi un po’ insieme… nel magazzino del locale. E infine l’amara sorpresa per Pietro e Nunzia: i parenti napoletani hanno ben pensato di impiegare i soldi raccolti nell’acquisto di un cane di porcellana di pessimo gusto. La giornata si conclude, tra canti e danze, con una nota amara: Angelica, spossata, sviene e viene portata in ambulanza in ospedale.



Articoli che potrebbero interessarti


E' Arrivata la Felicità 2
E’ Arrivata la Felicità 2: anticipazioni ultima puntata di domenica 29 aprile 2018


E' Arrivata la Felicità 2
E’ Arrivata la Felicità 2: anticipazioni undicesima puntata di domenica 22 aprile 2018


Simona Tabasco
E’ Arrivata la Felicità 2: nelle prossime puntate un nuovo dramma – Anticipazioni


E' Arrivata la Felicità 2 - Tullio Solenghi
E’ Arrivata la Felicità 2: anticipazioni nona puntata di domenica 8 aprile 2018

4 Commenti dei lettori »

1. Lella ha scritto:

19 marzo 2018 alle 07:09

Ma quante puntate ancora durerà questo strazio? La programmazione pomeridiana alle 16.30 ha l’unico vantaggio di non far addormentare le persone ( di solito la pennica è post prendiamo). Di solito la domenica pomeriggio si ha di meglio da fare. Ieri pioveva a dirotto e con la TV accesa ho seguito, mentre sfaccendavo, il sesto episodio. Niente di nuovo, lungaggini, ripetitività e continui scopiazzamenti di situazioni già viste. Che noia! Peccato. La prima serie era stata gradevole, anche se sulla falsa riga di Tutti pazzi per amore. Sarebbe stato meglio chiuderla lì. Peccato perché, a parte gli adolescenti che recitano da cani, gli altri attori sono bravi. A proposito di adolescenti: perché nelle fiction vengono fatti vestire come dementi? Ho una certa esperienza in merito e vi posso garantire che i ragazzi non si vestono in quel modo improbabile e pacchiano che si vede nelle fiction.



2. luigi ha scritto:

19 marzo 2018 alle 10:44

Peccato… fra la tanta immondizia televisiva e cuochi e ballerini e quiz demenziali… non era male.
Cast gradevole, Pandolfi a parte che è veramente una nenia, concordo con l’altra commentatrice… ma chi ha scelto il look degli attori?
Simona Tabasco… mi sei piaciuta



3. Pongo&Peggy ha scritto:

19 marzo 2018 alle 12:36

Torno a ripetere, a me piace, anche se proseguire serie di successo ha sempre i suoi limiti. Poi ognuno ha i suoi gusti, ma certe critiche mi paiono un pò strumentali. Gli attori adolescenti sono bravissimi, come si fa a dire che recitano da cani? Per quanto riguarda la “mia” esperienza con gli adolescenti mi pare che il look adottato nella fiction sia assai realistico, e poi basta guardarsi intorno per strada. L’unico look forse un pò troppo stravagante è quello della Pandolfi, ma ci sta.

Concordo con Luigi, Simona Tabasco è strepitosa, anche se il suo personaggio mi piaceva più naif come era nella prima serie.



4. Lella ha scritto:

19 marzo 2018 alle 15:51

Il look della Pandolfi sembra quello di una appena uscita da un reparto psichiatrico, non oncologico. Ribadisco che gli adolescenti sono vestiti da deficienti. Conosco bene la realtà dei giovani e posso garantire che non si vestono così, a meno che non abbiano qualche disagio psicologico. Mi sono chiesta, poi, quando studiano i ragazzi nelle fiction e quali strani licei frequentino.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.