12
marzo

Storie Maledette: dagli «ardori lombari» ai «crateri di cellulite». Ecco le frasi cult della Leosini sul caso Scazzi

Storie Maledette - Franca Leosini

Franca Leosini torna a parlare e far parlare. Nella prima puntata del 2018 di Storie Maledette la giornalista ha intervistato Sabrina Misseri e Cosima Serrano, in carcere per la morte di Sarah Scazzi. E nella lunga intervista in onda ieri sera su Rai 3 (di cui è stata trasmessa solo la prima parte) la Leosini ha sfoderato una serie di espressioni che conferma, ancora una volta, come il suo stile così arzigogolato sia un marchio di fabbrica in grado di catalizzare l’attenzione del pubblico. Ecco quindi una rassegna delle frasi “cult” pronunciate da Franca Leosini nel corso della prima puntata di Storie Maledette 2018.

La frase emblema della serata è quella in cui Franca chiede a Sabrina Misseri come ci si sente ad essere rifiutate durante un approccio sessuale:

“L’incauto giovanotto, mentre - frenando i suoi ardori lombari – s’inforcava le mutande, come si giustificava con lei?”.

Poco prima la giornalista aveva stuzzicato Sabrina – secondo lei “sentimentalmente genuflessa” -, per farsi dire che tra lei e Ivano ci fosse qualcosa in più di una semplice amicizia:

“Lei praticava massaggi a Ivano Russo, ma sembra che a muovere le mani con efficacia felicemente terapeutica fosse anche Ivano Russo su di lei“.

E ancora, non riuscendosi a spiegare il successo riscosso da Ivano tra le ragazze di Avetrana, Franca dice che “Brad Pitt in confronto sembra un bipede sgualcito. Il giovane viene definito anche: “A portata di cazzeggio”. Poi, rivolgendosi a Sabrina, parlando della sua presunta ingenuità, le confessa:

“Lei è proprio una babbalona. Ma perché chiacchierava tanto?” .

Sul suo rapporto con il “Delon” di Avetrana, Franca chiede alla galeotta:

«Flaiano ha scritto “i grandi amori si annunziano in un modo solo: appena lo vedi dici ‘chi è questo stronzo?’”. Con Ivano a lei è accaduto questo, Sabrina?».

Altra perla della serata è quella relativa alla professione di estetista svolta dalla Misseri all’epoca dei fatti. Franca Leosini vuole sapere:

“Al di là di spianare crateri di cellulite sulle cosce delle signore di Avetrana, lei che faceva?”.

E sempre su tale argomento si lascia andare a una considerazione:

“Oggi anche per spremere una foruncolo ci vuole un master”.

La giornalista definisce l’intera vicenda una “epopea baraccona”, e parla delle voci di paese come di “becera chiacchierologia”. Arriva addirittura a rabbrividire per il congiuntivo sbagliato usato da Sarah Scazzi sulle pagine del suo diario:

A proposito del diario della vittima, quando Sabrina Misseri sembra mentire sulle intenzioni che l’avrebbero spinta a leggerlo, Franca Leosini chiede elegantemente: “Mi permette di dubitarne?”. La giornalista ironizza su un colorito diverbio via sms tra Sabrina e Ivano e lo descrive come “uno scambio di opinioni di alto livello”, poi chiosa con un Del senno di poi sono piene le fosse davanti al pentimento della Misseri per aver rilasciato troppe dichiarazioni al tempo dei fatti. Non mancano nemmeno le similitudini religiose:

“Dopo 40 giorni, 40 come una buia Quaresima, c’è un primo, clamoroso colpo di scena che scompagina l’immobile geografia di quel mistero”

Le Gif di Franca Leosini

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Roberta Bruzzone
Storie Maledette, Roberta Bruzzone vs Franca Leosini: «Non è aggiornata, errori durante la trasmissione». La giornalista replica


Franca Leosini
Franca Leosini a DM: «Ho studiato 10 mila pagine di processo per intervistare Sabrina e Cosima Misseri. Detesto la parola ‘femminicidio’»


Franca Leosini
Storie Maledette: Franca Leosini intervisterà Sabrina Misseri e Cosima Serrano


Franca Leosini
Storie Maledette: puntata speciale sul delitto Pasolini

5 Commenti dei lettori »

1. Travis ha scritto:

12 marzo 2018 alle 13:38

Ok. Io non ho mai visto una puntata di Storie Maledette ma il mio dubbio è ancora più reso tale da questo articolo. Mi chiedo: perché la Leosini è considerata un idolo al di sopra di tutti, soprattutto al di sopra di quelli che fanno il suo stesso lavoro (che ne so Quarto grado, Domenica Live, Vita indiretta, ecc…)? Cioè queste frasi, queste domande, chiamiamole colorite, non sono una spettacolarizzazione di un fatto tremendo come l’omicidio di una ragazzina? Già il fatto di definire cult degli appellativi fatti ad una presunta omicida o di descrivere come un romanzo un fatto reale e privato, a me fa rabbrividire. Io non mi spiego come possa essere considerata un’ dolo la Leosini e tutti gli altri degli sciacalli.



2. Luca ha scritto:

12 marzo 2018 alle 15:23

Semplice
perchè la Leosini ha una marcia in più e ieri sera lo si è capito ulteriormente



3. RoXy ha scritto:

12 marzo 2018 alle 16:05

@Travis: condivido al 100%. Stessa cosa Beppe Vessicchio, ma come ha fatto a diventare un idolo per i cerebrolesi webeti? Non riesco davvero a spiegarmelo, non capisco cosa ci trovino in lui. A me fa letteralmente ribbrezzo con quel pizzo, blah! che schifoooo solo a pensarci…

La Leosini è davvero maleducata, irrispettosa, oltre ad essere un tantino strampalata. Scrive degli orridi pamphlet e costrisce i suoi interlocutori ad ascoltarla, non ammettendo repliche o correzioni alla sua linea. Lo legge, non si scomoda minimamente a memorizzarlo. Sguazza nel torbido come un’anguilla, e definisce le persone dei “bipedi sgualciti”. Se lo avessero fatto altre sue colleghe, apriti cielo. Ma lei no. Lei per i twittaroli cerebrolesi resta un mito.



4. Pongo&Peggy ha scritto:

12 marzo 2018 alle 16:08

Bentornata RoXy, mancavi …. :)



5. controcorrente ha scritto:

12 marzo 2018 alle 20:04

alla fine la protagonista dell’intervista.. finisce per essere lei..
comunque la narrazione troppo ricercata.. diventa un esercizio stilistico piu’ che una volonta’ di scandagliare un accaduto



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.