2
febbraio

Iva Zanicchi a Sanremo Young ma non al Festival: «Per essere ospiti bisogna essere di sinistra».

Iva Zanicchi

Iva Zanicchi

Iva Zanicchi non le manda di certo a dire. Ospite della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, ‘l’aquila di Ligonchio’ non ha resistito alla tentazione di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, prendendo di mira il Festival di Sanremo.Per essere ospiti bisogna essere un po’ di sinistra”, ha asserito senza peli sulla lingua. Frecciatine a parte, nel corso dell’intervista radiofonica la Zanicchi ha anche svelato che sarà uno dei membri della giuria di Sanremo Young, il nuovo programma affidato alle cure di Antonella Clerici, il cui debutto su Rai 1 è fissato per venerdì 16 febbraio 2018.

Pungolata dai due conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, l’ex europarlamentare, dopo aver ricordato la sua esclusione per motivi politici al Festival del 2009, ha spiegato le ragioni per cui (a suo dire) non potrebbe mai rientrare nel parterre di ospiti dell’Ariston. Condite di un pizzico di rammarico e polemica le sue dichiarazioni:

“Ma che ospite, ma che ospite. No, non ho la presunzione di essere ospite, (…) e poi per essere ospiti a Sanremo, adesso dico una bestialità ma è la verità, bisogna essere un po’ di sinistra, io non lo sono e non sarò mai ospite“.

Ospite no, ma come concorrente sì. La Zanicchi si è detta piuttosto sicura della sua partecipazione al Festival di Sanremo 2019, anno in cui cade peraltro il cinquantennale della sua Zingara. “Vado con una canzone che ho già, bellissima. Se ci va la Vanoni… “, ha anche detto, lanciando una frecciatina ad uno dei big in gara quest’anno.

La giuria di Sanremo Young

Nel suo intervento radiofonico, la cantante ha pure confermato le voci che la vogliono fra i membri della giuria di Sanremo Young, Accanto a lei, Geppi Cucciari ha anche fatto i nomi di Mara Maionchi, Morgan e Gigi D’Alessio (dei quali al momento non c’è l’ufficialità e ci risulta che non tutti abbiano firmato). Questo il commento scherzoso della Zanicchi:

“Mara Maionchi mi diverte, (…) cercherò di contenermi visto che c’è lei le parolacce le farò dire solo a lei. Gigi D’Alessio, ragazzi, è popolarissimo. (…) Sicuramente litigherò con Morgan“.



Articoli che potrebbero interessarti


Claudio Baglioni
I 10 programmi più attesi del 2018


Clerici sanremo young
Sanremo Young: braccio di ferro tra il Comune e la Rai sul nuovo show di Antonella Clerici


L'Ispettore Coliandro 7 - Veronika Logan
L’Ispettore Coliandro torna stasera. Nel cast una scatenata Iva Zanicchi nei panni di ‘Vagona’


Singoli più venduti primo semestre 2018
Classifica album e singoli più venduti nel primo semestre del 2018: Sfera Ebbasta batte Laura Pausini, tallonata da Irama. Non brillano i sanremesi, flop di Mina

26 Commenti dei lettori »

1. Sabato ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 13:57

Che uscita stupida… cosa non si fa per far parlare di sé?!
Ma io mi chiedo: ammesso esista davvero una selezione degli ospiti in base alle loro convinzioni politiche (ed è ovvio che non è così), davvero la Zanicchi si ritiene all’altezza di questo ruolo (ospite di Sanremo)? Cos’avrebbe da dare allo spettacolo? Già la gente si lamenta per la scelta di ospiti tutto sommato “ordinari” quali Antonacci e la Pausini, immaginatevi cosa succederebbe se Baglioni invitasse la Zanicchi!



2. marco ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 14:33

GRANDE IVA!!!



3. Travis ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 14:50

Iva è una forza della natura. Ha queste sparate che lasciano il tempo che trovano ma non ha niente da invidiare a Mara Maionchi. Non vedo l’ora di vederle insieme.



4. Marco Renda ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 15:08

o magari non essere una cariatide che svilisce la sua immagine andando ospite dalla d’urso, storie italiane e quinta colonna. Svilisce non intendo tanto per la qualità di quei programmi quanto in generale l’ essere una prezzomolina televisiva ovviamente ti toglie aura e importanza come ospite in un evento del genere.



5. Michele87 ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 15:38

@Sabato Il tuo post non fa altro che confermare quello che Iva ha detto: l’essersi dichiarata di destra le ha messo contro tutta la mafia intellettuale di sinistra e da allora è sempre stata schifata e maltrattata ingiustamente dalla cosidetta ”Intellighenzia” (Benigni, Fazio e similari), quando invece a livello di carriera musicale è arrivata a livelli molto più alti delle coeve e blasonate (dall’intellighenzia) Vanoni e Milva.

Qualche esempio: Iva Zanicchi è la cantante donna con più vittorie al Festival di Sanremo, è stata la prima cantante italiana a cantare al Madison Square Garden di New York, la prima cantante italiana a fare una tournée in Unione Sovietica, la prima cantante italiana a vendere oltre 1 milione di dischi in Sudamerica, ma di che parliamo?

Se nel 1999 invece che con Forza Italia si fosse candidata con i DS o con Rifondazione Comunista oggi sarebbe più idolatrata di Mina, siccome ha avuto la colpa di dichiararsi ”berlusconiana” è trattata come una starlette da reality.



6. totino ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 15:54

La Zanicchi racconta solo palle , quest’anno al festival è ospite Gino Paoli che non ha mai nascosto le sue simpatie di destra , tanto che in passato è stato eletto in parlamento per AN , quindi è una polemica sterile , Paoli è in piena attività , mentre lei è un reperto archeologico .



7. Sabato ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 16:12

Michele87, non capisco in che modo il mio commento confermerebbe le esternazioni della Zanicchi. Comunque ti chiedo:
- se la Zanicchi ha raggiunto tutti i risultati che tu stesso hai elencato, come puoi affermare che sia stata bistrattata?
- in che modo Benigni e Fazio l’avrebbero “schifata e maltrattata”? Stai facendo accuse forti, con nomi e cognomi…
- davvero non essere invitati come ospiti a Sanremo significa essere bistrattati? Non potrebbe semplicemente essere un personaggio (innegabilmente) non (non più?) all’altezza di quel ruolo?

totino, ottimo commento



8. Michele 87 ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 17:30

@Sabato Benigni mortificò la Zanicchi ed il suo brano a Sanremo 2009, dove prese in giro il testo della sua canzone discettando di un rapporto sessuale tra lei e Berlusconi (e tutto questo un attimo prima della sua esibizione), il signor Fazio non l’ha mai invitata al suo programma (però invita per ben due volte Antonella Elia, nota intellettuale), al concerto per il terremoto dell’Abruzzo del 2009 non fu invitata, così come in quello per quello dell’Emilia del 2012 (nonostante lei sia emiliana, quindi un doppio dispiacere).



9. picco88 ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 17:58

a me la Zanicchi non piace però a sua difesa devo dire che Gino Paoli nel 1987 fu eletto in parlamento nelle file liste del PCI



10. Diddi ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 18:01

Io non la sopporto più.
Una persona che ha alle spalle la carriera che ha lei non si lamenta in questo modo e non si svende ad ogni spettacolo.
Tra l’altro la trovo di una volgarità inaudita…(ok ci sono donne più volgari in tv…ma a volte adotta un linguaggio veramente poco consono alla sua età…e credo che vada per gli 80).
Mi chiedo come abbia potuto fare per tanti anni la conduttrice.
Rimane comunque una delle migliori voci della musica italiana, ma io la trovo insopportabile!!!



11. Francesco ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 18:06

Bravissima Iva, ha detto le cose come stanno.



12. Vince! ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 18:42

Povera Iva, per tre anni con Conti non ha potuto ripetere questa sua dichiarazione, già da lei rilasciata ai tempi di Fazio, e non l’hanno invitata lo stesso!



13. Ada ha scritto:

2 febbraio 2018 alle 20:06

Totino INFORMATI Paoli e` 100% comunista da sempre con tanto di rappresentanza, GRANDE IVA



14. totino ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 03:33

Chiedo scusa è vero che paoli è stato in parlamento col PC ma quando è diventato PDS , dopo 2 anni si è dimesso , ho fatto confusione con il cantante / attore Montesano che è stato eletto nella destra , ma anche la sua avventura politica è durata poco , comunque la Zanicchi credo sia ancora parlamentare europea e quindi non avrebbe bisogno di andare a Sanremo e poi i cantanti devono avere anche un contratto discografico e lei credo proprio che non lo ha .



15. soralella ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 12:07

Paoli di destra …. mi sto ancora rotolondo dalle risate …. fermateeemiiiiiii



16. Pongo&Peggy ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 12:13

totino non ne hai azzecata mezza neanche per sbaglio, la Zanicchi non è più in politica da molti anni

Michele87 hai detto tutte cose sacrosante, e d’altra parte che certi ambienti in Italia siano patrimonio esclusivo della sinistra lo sanno anche i bimbi di prima elementare

Grande Iva, continua così che ci piaci come sei!



17. francesco33 ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 13:08

ma pensasse a cantare che è da decine di anni che non ha una canzone adatta! Vorrei ricordare alla povera Iva che Povia( che è un esponente della peggio destra italiana) vinse Sanremo, come pure Ruggeri ( che non è certo di sinistra e che sarà’ presente in questo Sanremo con i Decibel) Iva tra un mese debutterà’ come giudice(non come cantante) in un ennesimo talent; se si sente frustrata se la prendesse con se stessa invece di dire corbellerie.



18. francwsco33 ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 13:11

ma pensasse a cantare che è da decine di anni che non ha una canzone adatta! Vorrei ricordare alla povera Iva che Povia( che è un esponente della peggio destra italiana) vinse Sanremo, come pure Ruggeri ( che non è certo di sinistra e che sarà’ presente in questo Sanremo con i Decibel) Iva tra un mese debutterà’ come giudice(non come cantante) in un ennesimo talent; se si sente frustrata se la prendesse con se stessa invece di dire corbellerie.



19. riccardo83 ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 13:41

La Zanicchi deve stare solo zitta e la butta sulla politica. Alla Vita in diretta del 2014 criticava il festival di Fazio del 2014 già
prima che iniziassee chiamò Renga mezzo uomo. Come mai Carlo Conti suo amico non l’ha invitata nei suoi tre festival . Ruggeri è di destra ed è nel cast di quest’anno . Renga è di destra ed è stato invitato come ospite.



20. Sabato ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 13:54

Totino avrà preso un abbaglio sulle preferenze politiche di Gino Paoli, ma, se non Paoli, sarebbero comunque molti altri gli artisti di destra che hanno partecipato più volte al Festival. Non trovo né utile né interessante la “caccia alle streghe”, ma si dice che Max Pezzali, Enrico Ruggeri, Albano, Gigi D’Alessio, Marco Masini, Luca Carboni, Dolcenera e tanti altri siano di destra, per non parlare di Povia, Rita Pavone e Pupo. Tutti personaggi “di casa” a Sanremo, nonché super-presenti nella tv italiana. La Zanicchi stessa ha alle spalle diverse partecipazioni al Festival ed è tuttora impegnata in programmi tv e televendite, quindi, se non viene chiamata come ospite da Baglioni, anziché ipotizzare l’esistenza di discriminazioni di carattere politico, dovrebbe lucidamente riconoscere di non essere (o forse non essere più) un personaggio sufficientemente appetibile e valido come ospite di un evento importante quale Sanremo. Se ne faccia una ragione.
Allo stesso modo, Michele87, il fatto che la Zanicchi non abbia partecipato a Che Tempo Che Fa, al concerto per il terremoto in Abruzzo e a quello per l’Emilia non dimostra proprio nulla.



21. Nina ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 13:59

Grande Michele87, ma l’impresa è ardua.



22. Nina ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 14:00

Paoli è stato deputato, da indipendente del PCI.



23. Pongo&Peggy ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 16:34

Sabato tu hai citato artisti di cui “si dice” che hanno simpatie di destra, probabilmente è anche vero, ma certo non ne hanno fatto una bandiera.
Il coinvolgimento di Iva Zanicchi è ben diverso, si è candidata, è stata eletta, e in ogni occasione ha dichiarato e dichiara la sua stima e la sua amicizia nei confronti di Berlusconi, anche quando i loro rapporti, così ha raccontato lei, si sono interrotti.
Innanzitutto ammiro questa coerenza dimostrata sempre da parte della Zanicchi, anche in tempi non sospetti, ovvero anche nei periodi più neri di Berlusconi, quando tanti altri personaggi onnipresenti in tv (evito di fare i nomi) avevano preso largamente le distanze, e ora che son tornati i tempi d’oro, a differenza di Iva, te li ritrovi candidati di qua e di là proprio per Berlusconi.
Poi si capisce che è una donna verace, che non misura quello che dice per convenienza, e ultimo ma non ultimo, alla soglia degli 80 anni mantiene un fisico e una voce che i suo coevi se li sognano.
Per me a Sanremo non dovrebbe andare ospite nessun cantante italiano e punto, ma se ci vanno la Pausini e Max Pezzali ci può andare anche la Zanicchi di sicuro.



24. primus ha scritto:

3 febbraio 2018 alle 19:57

oltre a “deliziarci” con Zingara da 49 anni cosa ha fatto negli ultimi 35? e poi sempre a ricordarci le sue 3 vittorie al festival, ma lei non ricorda che nel 67 era con Villa, nel 69 con Bobby Solo e nel 74 suo suocero era un potente discografico?



25. Inori ha scritto:

5 febbraio 2018 alle 13:18

Tutti si soffermano sull’affermazione (ridicola) politica, ma quella rivolta alla Vanoni? Almeno lei non canta in playback in ogni dove.



26. Inori ha scritto:

5 febbraio 2018 alle 13:37

Inoltre, credo che ci sia una bella differenza dagli altri ospiti, dato che lei si presenta come opinionista nei vari talk show con un ruolo tutt’altro che importante (ad esempio a Mattino 5).
Un mese fa si presentò da Barbara D’Urso (che non è affatto di destra) in una giornata qualunque dove si trattava ancora la sensibilità di Ivana Spagna e dei suoi sogni. In Sostanza, come può pretendere di andare a SANREMO come “super ospite” se poi va a destra e a manca per pochi spicci? (ricordo anche un suo ingresso a uomini e donne totalmente in playback)
Credo faccia più magra figura a riguardare il personaggio pubblico che è, ricordandosi di essere famosa come cantante più che personaggio politico e che le uniche frecciatine che potrebbe tirare agli altri sarebbero in ambito canoro (come quelle della Vanoni contro la Oxa e Pravo).



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.