16
gennaio

Ieri e Oggi: un bell’appuntamento amarcord, ma con un Carlo Conti «superfluo»

Ieri e Oggi

Ieri e Oggi

Ieri e Oggi è un programma storico della Rai, che lo scorrere del tempo ha preservato: il format non è cambiato molto dal 1967 ad oggi, oggi che l’edizione numero dieci – arrivata dopo ben trentotto anni dalla nona – va in onda nella seconda serata del venerdì di Rai 3. Ripescarlo è stato una naturale conseguenza della passione imperante per il vintage e per la memoria che il piccolo schermo ha riscoperto negli ultimi anni, con il recupero di vecchi telefilm e format da riproporre ad un pubblico nostalgico che ama ricordare il tempo che fu. Un’operazione amarcord che funziona, gradevole, dove però paradossalmente non spicca il conduttore, il numero uno in casa Rai, ovvero Carlo Conti.

Ieri e Oggi: un ritorno gradevole ed interessante

Conti è un professionista impeccabile, che sa adattarsi a tutte le situazioni e che sa anche usare registri diversi a seconda del contesto in cui è calato. Ha la capacità non comune di lasciare spazio a chi lo circonda e di rendere l’ospite sempre protagonista e, va sottolineato, la sua presenza ha fornito un altrimenti insperato lancio pubblicitario al programma, che è partito con buoni ascolti. Ma la domanda sorge spontanea lo stesso: la sua presenza in studio cosa ha aggiunto ad un programma che in realtà cammina da solo?

Ieri e Oggi: Carlo Conti conduttore “sprecato”?

Ieri e Oggi è un format fatto dai ricordi, dai filmati d’epoca, è un racconto metatelevisivo in cui sono gli ospiti a fare la differenza, non il conduttore, dunque affidarlo a Conti è sembrato forzato. Spiace considerarlo “uno spreco” ma la sensazione è quella: Conti è un animale da palcoscenico, uno che ama interagire, muoversi ed è apparso costretto nello stare seduto accanto agli ospiti in una placida intervista nella quale l’apporto personale che poteva dare era limitato.

L’idea di rispolverare il programma è stata sua ed è anche apprezzabile che un conduttore da prima serata, reduce da tre anni di Festival di Sanremo ed eventi importanti, si metta a servizio dell’azienda scegliendo di occuparsi di cose diverse e meno blasonate. Ma tra i suoi programmi storici, gli eventi, direzioni artistiche, radio e comparsate in fiction quali Don Matteo, l’onnipresenza è dietro l’angolo. Oltretutto, ci sarebbero stati altri artisti capaci di occuparsi di Ieri e Oggi, narratori più “anonimi” ma meno inflazionati, che avrebbero di certo apprezzato l’opportunità di lavoro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ieri e Oggi
Ieri e Oggi: Carlo Conti apre su Rai 3 la stagione del ‘vintage’. Primi ospiti Rita Pavone ed Enrico Montesano


Carlo-Conti
Rai 3: arrivano Carlo Conti, Manuel Agnelli e Antonio Albanese. Gramellini conduce Cyrano


Sanremo 2017 - serata finale - © US Rai-iwan
SANREMO 2017: UN DEJA-VU MOLTO MENO ENTUSIASMANTE DEL GIA’ VISTO


Sanremo 2016 Conti e Ghenea
FRECCERO: SANREMO, IL TORNEO FINALE DI TUTTI I TALENT. GRAVE LA MANCANZA DI THE VOICE. LA RAI CON IL CANONE ESTETICO DI CONTI HA GIUSTIFICATO IL SUO CANONE

1 Commento dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

16 gennaio 2018 alle 14:05

La trasmutazione di Conti in Pippo Baudo va completandosi anche così, ripercorrendo i suoi passi professionali.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.