12
gennaio

Ma c’era bisogno de Le Spose di Costantino?

Costantino Della Gherardesca ed Elisabetta Canalis

C’era bisogno de Le Spose di Costantino, un programma in prima serata su Rai 2 che simula un matrimonio tra Costantino Della Gherardesca ed Elisabetta Canalis, e che li spedisce in Giamaica per sostituire alcune coppie locali nella vita di tutti i giorni? C’era bisogno di quattro puntate (per ora è stata trasmessa soltanto la prima) che avranno per protagoniste anche Paola Ferrari, Valeria Marini e Eleonora Giorgi?

C’era bisogno di una sorta di docu-fiction scritta sino all’ultimo capello e che di reale ha soltanto la spocchia (vera o presunta) dei due protagonisti?

C’era bisogno dell’ennesimo tentativo di autocompiacimento di Costantino Della Gherardesca, protagonista di un programma costruito attorno alla sua figura ma che nei fatti non porta a nulla, senza una gara, un obiettivo finale da raggiungere, senza nemmeno il minimo spunto di riflessione?

C’era bisogno di tentare un equilibrio tra situazioni trash e momenti verità dalla lacrima facile, accostati frettolosamente uno dopo l’altro in modo da creare un noioso e inefficace saliscendi emotivo?

C’era bisogno di una rassegna infinita di parolacce, di una serie di frasi scurrili mai bippate e ostentate con orgoglio (un esempio: “sto pulendo i peli del suo c*lo, mi viene da vomitare!”), di commenti fintamente razzisti che sfociano in un politicamente scorretto artefatto, e per questo ancor più fastidioso?

La risposta a tutti questi interrogativi è semplice: ovviamente no.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Camilla e Mauro - Matrimonio a Prima Vista
Matrimonio a Prima Vista 3: coppie più smaliziate che mai, tra passioni e qualche pretesa di troppo


Cracco Confidential
Cracco Confidential: un Carlo umano, troppo umano in un docufilm celebrativo assolutamente inutile


Questo Nostro Amore 80 - Neri Marcorè
Questo Nostro Amore 80 nel limbo. Fiction senza identità precisa tra vecchio e nuovo


Orietta Berti Celebrity Masterchef
Celebrity MasterChef 2: dalle palle del toro della Tatangelo al cibo per gatti di Tombolini, 9 momenti da ricordare (e non) della semifinale. I finalisti

7 Commenti dei lettori »

1. ellis ha scritto:

12 gennaio 2018 alle 15:01

Non c’era bisogno ne di lui ne della “americana” e rode molto il …. che sia un programma finanziato anche dal canone. Ennesimo esborso x il nulla :(



2. Antonio Sanna ha scritto:

12 gennaio 2018 alle 15:48

Secondo me era carino e ho trovato i due simpatici, soprattutto la Canalis, e anzi, meno male che Rai Due ogni tanto prova a far qualche programma nuovo e anche Rai Tre, piuttosto che fare come Canale 5 che ha sempre gli stessi show, telenovele spagnole o fiction flop…o Italia Uno che ripropone i vecchi programmi in versione 2.0



3. antonioangelo ha scritto:

12 gennaio 2018 alle 15:58

Di per sè l’idea di base non sarebbe male e nemmeno originalissima (penso al “cambio moglie” di qualche anno fa), mettendo il VIP di turno ad affrontare le difficoltà della vita di tutti i giorni in un posto esotico visto però dal punto di vista di chi ci vive davvero e non ci trascorre solamente la luna di miele di due settimane all inclusive. Nel veder realizzata questa idea però qualcosa manca, sembra un po’ troppo uno one-man-show costantino-riferito e non si capisce dove voglia andare davvero a parare. Mia madre, coraggiosissima, lo ha visto tutto, io invece dopo poco più di un’ora ho lasciato perdere. Resta però la curiosità di vedere settimana prossima Paola Ferrari in una veste insolita come questa!



4. maria rosaria ha scritto:

12 gennaio 2018 alle 20:08

Picevolissimo programma e piacevolissimi Costantino e Elisabetta



5. Srich ha scritto:

12 gennaio 2018 alle 23:33

Ogni volta che leggo sta storia del canone prego che Teodoli impazzisca e faccia una statua in platino di Gabriele Cirilli da mettere vicino al cavallo della Rai, così per ridere.

Come per Meglio tardi che mai parlare della mancanza di una gara mi fa pensare che non si sia focalizzato troppo il genere, ma a differenza di MTCM è vero che l’esperimento qui non è riuscitissimo.
Li avessero semplicemente immersi nella cultura del posto senza il pretesto del sostituirsi a una coppia locale probabilmente sarebbe stato più scorrevole. A parte quella frase della Canalis non mi pare il linguaggio sia stato così scurrile e sta storia dei programmi di Costantino incentrati su Costantino ormai mi pare un nuovo luogo comune (o meglio, è giusto, ma dovrebbe essere ovvio e sensato che sia così quando si ha una cifra stilistica e non si è una Veronica Maya qualsiasi), mentre concordo sul “saliscendi emotivo”, che è il vero difetto del programma probabilmente.

Momenti divertenti (anche se l’umorismo di Costantino non era al meglio) e momenti trascurabili, magari non ce ne sarà bisogno, ma se in tv dovesse andare solo quello di cui c’è bisogno rimarrebbero solo Geo, Alberto Angela e il segnale orario prima del tg5 la mattina, quindi boh.



6. anon ha scritto:

13 gennaio 2018 alle 21:38

Il programma fa schifo, si dovrebbero vergognare



7. Maria ha scritto:

26 gennaio 2018 alle 08:03

A me piace ,mi diverte ,Costantino bravo ,un po’ meno le sue spose ..aspetto la Marini che mi è simpatica



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.