3
gennaio

I’m Dying up here: la stand up comedy è di scena su Sky Atlantic

I’m Dying up here – Chi è di scena

I’m Dying up here – Chi è di scena

Sky Atlantic inaugura il 2018 con I’m Dying up here – Chi è di scena. Prodotta da Showtime e con protagonista la scena della stand-up comedy della Los Angeles dei primi anni ’70, debutterà stasera dalle 21.15. Fra i produttori esecutivi Jim Carrey che, con il suo producing partner Michael Aguilar e con Dave Flebotte (I SopranoMasters of Sex) e Christina Wayne, ha deciso di realizzare la serie adattando l’omonimo romanzo del 2006 di William Knoedelseder.

Al centro del libro c’era il Comedy Store, il leggendario locale di Los Angeles tempio della stand-up comedy da cui mossero i primi passi verso la fama mondiale nomi del calibro di Johnny Carson, Richard Pryor, David Letterman e Jay Leno.

“Venivamo dagli anni ’60, dalla guerra in Vietnam e da Nixon. Erano anni molto intensi e questo fu determinante per la nascita di un nuovo modo di fare il comico, di un nuovo desiderio di esprimere se stessi e dire cose al limite, di parlare di verità scomode. Quegli anni cambiarono tutto, nel mondo della commedia”, ha dichiarato Jim Carrey a proposito di quel periodo e del perché era importante raccontare il Comedy Store di quegli anni.

Nella serie il Comedy Store è invece il Goldie’s, sulla Sunset Strip. Protagonisti sono gli uomini e le donne che calcavano le tavole del suo polveroso palcoscenico nella speranza di convincere Goldie, appunto, ora arcigna ora materna proprietaria del locale, interpretata dal Premio Oscar per The Fighter Melissa Leo, a dar loro la chance di esibirsi nel suo club. Un viaggio tra i sogni di gloria e le difficoltà nella strada verso il successo, di un gruppo di comici che ogni sera, lasciando fuori per qualche ora la propria vita, si giocava il tutto per tutto di fronte a talent scout e produttori tv alla spasmodica ricerca della next big thing da lanciare, per guadagnare un biglietto di sola andata per la celebrità e magari per l’ambito salotto televisivo del Tonight Show di Johnny Carson.

Accanto a Melissa Leo, a interpretare le star del Goldie’s, un gruppo di talentuosi giovani attori formato da Ari Graynor (The Disaster Artist, Bad Teacher, The sitter), Michael Angarano (The Knick), Clark Duke (Greek – La confraternita, BadMoms – Mamme molto Cattive), Andrew Santino (This is us), Erik Griffin (Mike e Dave: Un matrimonio da sballo), RJ Cyler (Power Rangers, Scream), Al Madrigal (About a boy, Jimmy Kimmel Live!) e Jake Lacy (Carol, Miss Sloane – Giochi di potere). Guest star sono Dylan Baker, Jon Daly, i nominati all’Oscar® Robert Forster e Cathy Moriarty, Ginger Gonzaga, Stephen Guarino, Brianne Howey, con Sebastian Stan e il nominato all’Emmy Award Alfred Molina.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


ASCOLTI TV DI LUNEDI 11 MAGGIO 2015: VINCE SI PUO’ FARE (16.47%), SQUADRA MOBILE AL 15.28%

Ascolti tv prime time - lunedì 11 maggio 2015 Su Rai1 Si Può Fare ha conquistato 3.830.000 spettatori pari al 16.47%. Su Canale 5 Squadra...


Fargo: la terza stagione su Sky Atlantic

Ha debuttato negli Stati Uniti lo scorso 19 aprile, in Italia invece arriverà stasera. La terza stagione di Fargo, serie tv ispirata...


ALBA PARIETTI CONTRO TUTTI: “I CONDUTTORI VOGLIONO LA BELLA GNOCCA PER FARE COMMENTI VOLGARI. LA CANALIS? NON SA FARE NULLA, CAMBIASSE MESTIERE”

Ad Alba Parietti non va giù che non la chiami più nessuno in televisione in vesti diverse da quelle di ospite o opinionista. La colpa, a...


SANREMO 2014, TESTI: ARISA – LENTAMENTE (IL PRIMO CHE PASSA)

E’ arrivato il momento di riscattarsi, per Arisa. Dopo l’addio a XFactor, per la cantante nata nel Sanremo 2009 targato Bonolis è tornato...

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.