22
novembre

La Strada di Casa: Alessio Boni emoziona, la storia è forte e coinvolge

La Strada di Casa - Alessio Boni

La Strada di Casa - Alessio Boni

Sulla carta La Strada di Casa poteva sembrare un grande déjà vu. Le ambientazioni bucoliche e gli intrecci familiari ed aziendali richiamavano alla mente la fiction Rai Una Buona Stagione, andata in onda tre anni fa; Alessio Boni nel ruolo di un padre autoritario, con una moglie che ha cercato altrove attenzioni e dei figli che vogliono emanciparsi da lui, il pubblico lo aveva visto solo pochi mesi fa in Di Padre in Figlia. E invece la nuova fiction di Rai 1, in onda tutti i martedì, si sta rivelando un racconto molto originale, ben costruito ed avvincente, ma soprattutto capace di tirare fuori nuove corde del suo interprete principale.

La Strada di Casa: una delle migliori prove di Alessio Boni

Boni è un ottimo attore, in grado di scegliere ruoli forti ai quali sa donarsi completamente, ma che a volte risultano poco empatici, duri, difficili da “adottare” per lo spettatore. Non è il caso di Fausto Morra, protagonista de La Strada di Casa, un uomo che ritorna alla vita dopo cinque anni di coma e, seppur spaventato da quello che potrebbe scoprire, va alla ricerca della memoria e della verità, rischiando di perdere tutto ciò che ama.

Il suo percorso, la sua indagine, vedono incrociarsi tanti personaggi, i suoi cari ma non solo, ognuno con paure da affrontare e decisioni difficili da prendere. Pur essendo lui il protagonista assoluto, la fiction mantiene comunque i contorni di un racconto corale, perchè Fausto non è da solo in questa ricerca ma si appoggia agli altri e a volte ci si scontra, permettendo anche a loro di venire fuori. Interessanti in particolare le interpretazioni di Sergio Rubini, Thomas Trabacchi e Christiane Filangieri, qui in un ruolo diverso dal solito, più ricco di ombre e sfaccettature di quelle alle quali ha abituato il pubblico.

La Strada di Casa: un mix di giallo e sentimenti ben calibrato

La Strada di Casa è nel complesso un ottimo lavoro, vivo ed articolato, pieno di spunti e snodi, con un cast che funziona e una scrittura acuta e penetrante. Il connubio tra passato e presente è fluido, chiaro, la suspense è ben calibrata e soprattutto l’insieme risulta emozionante, coinvolge chi guarda riuscendo a toccare diverse corde. Un bel mix di giallo e sentimenti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


I Bastardi di Pizzofalcone 2
I Bastardi di Pizzofalcone 2: una fiction che rompe gli schemi e cambia i tempi. Osando.


I Ridanciani
Pechino Express 2018: il trionfo dei Ridanciani e l’addio definitivo ai Mattutini


Una Pallottola nel Cuore 3
Una Pallottola nel Cuore 3: Proietti porta su Rai 1 una routine piacevole, ma che potrebbe dare di più


Pechino Express 2018 - Maria Teresa Ruta
Pechino Express 2018: il favoloso mondo di Maria Teresa Ruta

3 Commenti dei lettori »

1. Essecivv ha scritto:

22 novembre 2017 alle 22:28

Alessio Boni è un attore straordinario che interpreta qualsiasi ruolo con maestria e profondità. È carismatico, affascinante, ti tiene incollato allo schermo. Che dire di più, complimenti alla bravura e al talento.



2. bob ha scritto:

13 dicembre 2017 alle 18:08

fiction indubbiamente straordinaria per la professionalità degli attori, ma l’audio, in particolare il sottofondo durante il parlato chi l’ha curato. Quando poi l’attore parla sottovoce, e succede spesso, questo sottofondo incalza ed allora via il volume a 100. Non si capiscono le parole, se non a senzo.



3. bob ha scritto:

13 dicembre 2017 alle 18:09

fiction indubbiamente straordinaria per la professionalità degli attori, ma l’audio, in particolare il sottofondo durante il parlato chi l’ha curato. Quando poi l’attore parla sottovoce, e succede spesso, questo sottofondo incalza ed allora via il volume a 100. Non si capiscono le parole, se non a senso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.