6
novembre

Domenica In: le Parodi si separano ma il risultato non cambia

Domenica In

Domenica In

Via la sigla, più Cristina e meno Benedetta. Nella quarta puntata di questa tribolata stagione, Domenica In applica numerosi correttivi al format, pur di recuperare qualche punto di share. Il risultato è superiore a quello di sette giorni prima (quando si scontrava anche con la Moto GP però) ma non si va oltre al 10.74% con 1.971.000 telespettatori.

“Senti Cri lo so che noi siamo inseparabili però secondo me dobbiamo separarci per un po’…”. E’ la più giovane tra le due conduttrici, Benedetta Parodi, subito in apertura, a marcare ‘il nuovo corso’ del programma, lasciando campo libero alla sorella maggiore di dedicarsi, in solitaria, alle “cose serie”. Al bando i propositi di dare al pomeriggio un’impronta leggera, Cristina Parodi inizia, senza indugio, dall’attualità: sul piatto le recenti rivelazioni di Michelle Hunziker (intervistata -di persona- da Verissimo il giorno prima), per anni in balia di una setta, e il collegamento con la madre Ineke. A seguire, il secondo spazio è dedicato alle vittime degli attacchi terroristici, con il padre di Luca Russo -morto durante l’attentato di Barcellona- presente in studio. A stemperare i toni, ci ha pensato Valeria Marini, in una lunga chiacchierata insieme alla madre Gianna, ma soprattutto con uno dei suoi cavalli di battaglia, ‘I love you, baby’ -come la chiama lei- (la cover di Can’t take my eyes off of you, NdDM), purtroppo eseguita dal vivo.

Benedetta ricompare, già pronta nella postazione dietro ai fornelli, dopo ben due ore di diretta, per preparare le focaccelle con la non irresistibile ospite Margherita Granbassi. Si occupa anche di Alexia, ospite musicale della puntata. Riaprirà la sua cucina, solo negli ultimi dieci minuti, circondata da una serie di giovani figuranti a comparsa più o meno casuale (una sorta di gag davvero imbarazzante). A Claudio Lippi è rimasto ‘il cerino della spalla comica’ di Leonardo Fiaschi, nei panni di Morandi prima e di Carlo Conti poi, e un nuovo momento amarcord in cui si ricorre alle care Teche Rai. Inoltre, Lillo e Greg sostituiscono il loro contributo di Che l’ha visto, ripescando dal proprio repertorio uno sketch di qualche anno fa, nel gioco intitolato Caccia all’intruso. Ad Adriano Panatta, il compito di affossare definitivamente il pomeriggio, in compagnia di vecchie glorie sportive (ieri c’era Yuri Chechi).

Le modifiche sanno di raffazzonato e non permettono alla trasmissione di decollare. Buona la mossa di partire da un argomento mediatico caldo come quello della Hunziker affidato alla sola Cristina. Lo stesso mordente però è mancato nella seconda parte che vorrebbe fare intrattenimento leggero ma risulta vecchia e a prova di sbadiglio. Bisognerebbe ripensare l’apporto del cast secondario (in realtà se ne potrebbe fare a meno o quasi) evitando di sacrificare così Benedetta Parodi, confinata in cucina con due momenti nemmeno troppo originali.



Articoli che potrebbero interessarti


Domenica In - Cristina e Benedetta Parodi
Domenica In: le Parodi convincono, Panatta e Lippi meno. La cronaca nera grande intrusa di un pomeriggio all’insegna della leggerezza


Domenica In
Domenica In al via su Rai 1. Con le Parodi anche Lippi, Panatta, Fiaschi, Lillo e Greg. Tra gli ospiti Fracci e De Sica


Cristina e Benedetta Parodi
Domenica In: Benedetta Parodi corre in aiuto della sorella Cristina (e lascia Discovery)


Cristina e Benedetta Parodi - Domenica In
Domenica In: Benedetta Parodi in cucina per la merenda e la cena

12 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

6 novembre 2017 alle 14:17

Cambia copiando la d’Urso a partire dalla grafica e dallo split screen.



2. Felicity ha scritto:

6 novembre 2017 alle 14:55

Si si ha inventato tutto la D’Urso, le interviste,le sorprese , i talk insomma ha il copyright su tutto!



3. pietrgaf ha scritto:

6 novembre 2017 alle 15:54

Io ieri ho visto fatto zapping tra rai1 e canale5.
L’effetto era che su canale5 era tutta una caciara con Predolin che litigava con la Izzo, e tutto il resto, mentre su rai1 era tutto mooooolto triste.
Ma una Domenica In stile Venier no?
per me se mettessero le repliche, forse farebbero lo stesso ascolto.



4. Luca ha scritto:

6 novembre 2017 alle 15:56

pensavo la stessa cosa che ha detto la carissima Roxy
:)



5. Luca ha scritto:

6 novembre 2017 alle 16:11

@ Felicity
No
La D’Urso non ha inventato nulla
E’ lo stile della D’Urso che adesso la Rai cerca di copiare per risollevare gli ascolti
Uno stile molto popolare ,direi POP
Può piacere o non piacere
Ieri per esempio la D’Urso per 2 ore ha parlato di quei 3 deficienti che si cornificano a vicenda al Grande Fratello
E’ allucinante ,però gli ascolti premiano questo modo di fare televisione
In Gran Bretagna su ITV ,secondo canale indipendente,con ascolti simili alla BBC,trasmettono dei talk dove si insultano e si picchiano
fate un po’ voi
Oramai tutto il mondo è paese



6. Travis ha scritto:

6 novembre 2017 alle 16:47

Ma guardate che non esiste solo Rai 1 o Canale 5. Io ho visto Kilimangiaro come sempre e ho passato una bella domenica pomeriggio in casa.



7. kalinda ha scritto:

6 novembre 2017 alle 17:33

Mi dispiace per le sorelle Parodi, purtroppo il programma non c’è ma loro hanno grandi potenzialità insieme.



8. Pechinese ha scritto:

6 novembre 2017 alle 17:40

Travis esatto. La domenica pomeriggio a casa mia Rai1 e Canale5 non esistono. Anche se Quelli che il calcio quest’anno non mi esalta qualche alternativa a Barbarie D’Urso e Tristina Parodi si trova sempre. Al limite, meglio un vecchio film.



9. gian mario giuseppe ha scritto:

6 novembre 2017 alle 18:04

Una domenica In, soporifera.
Essendo, la domenica, ospite di mia cugina, per rispetto di essa, me la sono sorbita.
E’ la terza volta, e purtroppo non sarà l’ultima.
Essa, non conosce altro che il canale Rai1.
Detto ciò, mi domando cosa ci stanno a fare: Lippi, Panatta,Leonardo Fiaschi e Lillo e Greg.
Dimenticavo quella signora/e collegata sempre al cellulare.
Personalmente inutili al programma.
Per il resto, programma senza un capo e coda.
Per fortuna alle 16.30 la cugina di mia cugina, ha chiesto di cambiare canale e ho potuto girare su Rai3 e finalmente si è aperto un mondo, il mondo del Kilimangiaro che ci ha portato fino alla fine della serata, sognando.
Dunque, Domenica in, cambia o meglio rinunciare.



10. ciak ha scritto:

7 novembre 2017 alle 13:13

una domenica “garbata” a mio avviso fin dalla prima puntata… non doveva “cambiare”… ma viene chiamata “fallimentare”,
lo scorso anno con Baudo, sempre garbata e di qualità… veniva chiamata “per vecchi”…
basta con i numeri



11. Luca ha scritto:

7 novembre 2017 alle 16:24

@ ciak
Si però con le sorelline di Shining ,le Parodi, la Domenica In non è garbata
E’ soporifera



12. Roc ha scritto:

8 novembre 2017 alle 11:40

Se intervisti la madre è solo perché la figlia ti ha sbertucciato. La verità che nessuno scrive è che a fallire è stato Chicco Sfondrini, ex autore di Amici saltato poi sulla barca della Parodi che firma Domenica In. Se i “so tutto io” ascoltassero di più i giovani, certi programmi non andrebbero in onda. Vedi questo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.