4
novembre

Nuovo digitale terrestre: entro il 2022 lo switch off al Dvb T2-Hevc. 45 milioni di televisori da sostituire o ‘aggiornare’

Tv, nuovo digitale terrestre

Nove televisori su dieci saranno da cambiare entro il 2022 con apparecchi di nuova generazione. E’ l’Europa che ce lo chiede. In ossequio alle disposizioni di Bruxelles, la legge di Bilancio 2018 contiene la norma che prevede lo switch-off al DVB-T2 con Hevc, cioè un passaggio al nuovo sistema per le trasmissioni televisive, entro il 30 giugno 2022. L’evoluzione porterà allo spegnimento del vecchio digitale terrestre e così, per continuare a vedere la tv, gli italiani dovranno dotarsi di televisori in grado di sostenere la nuova tecnologia.

Nell’articolo 89 della legge di Bilancio -intitolato: “Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G”- si prevede la cessione della banda 700 Mhz agli operatori di telefonia mobile. Entro il 31 maggio del 2018, l’Agcom dovrà quindi approvare un nuovo piano di assegnazione delle frequenze che avverrà zona per zona, gradatamente.

Lo switch-off con la liberazione della banda 700Mhz avverrà con una transizione di due anni, dal 2020 al 2022, anche se il governo ha iniziato il percorso già lo scorso anno quando ha previsto che dal primo gennaio del 2017 fosse obbligatoria la commercializzazione esclusivamente di televisori con tecnologia Dvb T2-Hevc al fine di avviare con largo anticipo il naturale ricambio degli apparecchi

si legge in una nota del Ministero per lo Sviluppo Economico (Mise). La tecnologia Dvb T2-Hevc sarà introdotta solo nel 2022, quando nello switch-off saranno coinvolte tutte le emittenti nazionali. Per quella data si prevede che il naturale ricambio dei televisori con le nuove tecnologie sarà sufficiente a garantire la transizione senza particolari problemi per gli utenti. Stando ad alcune stime, gli apparecchi che nei prossimi anni dovranno essere adeguati alla nuova tecnologia saranno circa 45 milioni.

I consumatori dovranno quindi acquistare un nuovo decoder dal costo minimo di 25 euro o sostituire completamente il televisore. A tal proposito, nella manovra è stato previsto anche lo stanziamento di 100 milioni di euro come contributo alle famiglie per acquistare i nuovi apparecchi. Verranno quindi assegnati 25 milioni di euro all’anno, per quattro anni, tra il 2019 e il 2022 per favorire il processo di ricambio.

Il piano prevede anche la riforma completa della numerazione unica, il cosiddetto LCN che è tutt’ora oggetto di contenzioso, che indica la posizione nel telecomando delle varie reti.



Articoli che potrebbero interessarti


Consumi Tv Radio internet
Canali Tv: in Italia sono 361. Negli ultimi anni l’ascesa del digitale e un lieve calo negli spettatori


gemellini yoyo
Ascolti TV Aprile 2017, canali tematici DTT: boom di Rai YoYo, quinta rete al mattino. Balzo in avanti di Rai 4, resiste Real Time


PIER SILVIO BERLUSCONI
Piersilvio Berlusconi: “Posso dire che il canale 20 è nostro”


Cologno Monzese
Digitale Terrestre: Mediaset pronta a rilevare il canale 20, Viacom tratta per il 49

4 Commenti dei lettori »

1. ale88 ha scritto:

3 novembre 2017 alle 18:44

era ora!



2. Fra X ha scritto:

3 novembre 2017 alle 21:14

Mo si fa ogni 10 anni? XD



3. Drew ha scritto:

4 novembre 2017 alle 09:07

Mi auguro che gran parte dei televisori venduti almeno nel 2015-16 avessero già questa tecnologia se no chi ha acquistato una tv non adatta lo scorso dicembre magari deve già prepararsi a cambiarle (o a comprare un decoder ma a quel punto meglio cambiare tutto) già entro pochi anni



4. Andrea ha scritto:

4 novembre 2017 alle 12:06

L’Europa chiede tante altre cose…tipo pensioni d’oro abolite, vitalizi aboliti, età pensionabile più bassa, e fanno orecchie da mercante. Quando si tratta di TV e di far spendere soldi agli italiani…facciamo quello che chiede l’Europa!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.