28
maggio

Il figlio di Cicciolina attacca la D’Urso a Domenica Live. Lei risponde a tono

Barbara D'Urso vs Ludwig Koons

Barbara D'Urso vs Ludwig Koons

Scintille a Domenica Live. Nella puntata di questo pomeriggio, l’ultima della stagione, Barbara D’Urso se l’è dovuta vedere con l’attacco di Ludwig Koons, il figlio di Ilona Staller. Nel commentare una sentenza di condanna di primo grado ai danni di sua madre, il giovane ha tirato in ballo un’accusa che in passato era stata fatta alla padrona di casa del contenitore. Pronta e piccata la replica della presentatrice.

Procediamo con ordine. L’ex pornostar era stata invitata nel salotto pomeridiano per parlare della condanna di primo grado ad un anno di carcere ricevuta, in quanto accusata di aver truffato un’assicurazione. Commentando il fattaccio, Ilona Staller si è sfogata, affermando:

Si sa che ci sono dei giudici che sbagliano sentenze, ecco perché esiste la Corte d’Appello di Roma”.

L’esternazione non ha lasciato indifferente la padrona di casa della trasmissione che, prontamente, ha voluto prenderne le distanze:

Vorrei dissociarmi dal fatto che i giudici sbagliano le sentenze. Questo è un tuo punto di vista”.

Non lo avesse mai fatto. Il figlio della Staller, presente in studio insieme all’avvocato Luca di Carlo, è intervenuto prendendo le difese della donna. Non digerendo l’affermazione della conduttrice, il giovane è passato all’attacco. Nell’intento di mostrare come in alcuni casi, a detta sua, le sentenze giudiziarie possano essere molto distanti dalla realtà, Ludwig ha pensato bene di chiamare in causa la stessa D’Urso, citando l’articolo di una famosa testata giornalistica. Queste le sue parole:

Il Fatto Quotidiano qua dice ‘Barbara D’Urso denunciata dall’ordine dei giornalisti per esercizio abusivo’. Non è la stessa cosa?”.

La mossa ha infastidito la presentatrice. E non poco. Nei minuti immediatamente successivi i due sono stati protagonisti di un acceso battibecco, durante il quale la padrona di casa ha provato più volte a replicare. “Io non sto accusando tua madre, [...]  trovo assolutamente scorretto quello che tu stai facendo”, ha tuonato Maria Carmela. “É lei quella che alza la voce, si vede che l’ha toccata l’argomento”, ha risposto l’altro in un valzer di scambi di battute al vetriolo.

Dopo aver placato il pubblico, pregandolo di non prendere le sue parti, la D’Urso è riuscita finalmente ad esprimersi. Chiara e concisa la sua replica:

“Posso avere a casa mia la possibilità di rispondere? […] ti stavo dicendo che ti sei anche informato male perché quell’accusa che è stata fatta, è iniziato un processo, sono stata ascoltata in procura e sono stata completamente assolta perché il fatto non sussiste. Io credo nella giustizia e nella magistratura, quella cosa non aveva senso e così il giudice ha deciso che fosse”.

Per poi incalzare: “A me non va di mettermi a litigare con un giovane educato in maniera diversa rispetto a come ho educato io i miei figli”.

Una risposta netta e inequivocabile, che però non ha spento il nervosismo di Ludwig. “Lo sa cosa c’è?“, ha affermato di lì a poco non pago, “che io rispetto le persone di quaranta, cinquant’anni che rispettano mia madre, dato che mia madre comunque è più grande penso che anche lei dovrebbe rispettarla”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Barbara d'urso
Domenica Live (già) in pausa natalizia. Le sorelle Parodi sapranno approfittare?


Cecilia rodriguez
Cecilia e Jeremias Rodriguez: «Ecco perchè non andiamo da Barbara D’Urso»


Domenica Live - Barbara D'Urso
Cecilia dà buca a Domenica Live, Barbara D’Urso: «Facciamo il 22% anche senza i fratelli Rodriguez»


Domenica Live - Barbara D'Urso e Simona Izzo
Jeremias Rodriguez diserta Domenica Live. Barbara D’Urso: «Va bene lo stesso»

1 Commento dei lettori »

1. T87 ha scritto:

29 maggio 2017 alle 00:37

“Vorrei dissociarmi dal fatto che i giudici sbagliano le sentenze.”

Ma sono scemo io oppure in passato ha invitato nei suoi programmi vittime di errori giudiziari?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.