16
giugno

Cucine da Incubo 3: Cannavacciuolo al Mangiarte di Roma. Ecco com’è oggi il ristorante

Cucine da Incubo 3 - Mangiarte

Cucine da Incubo 3 - Mangiarte

L’instancabile Antonino Cannavacciuolo deve vedersela nella settima puntata di Cucine da Incubo 3, in onda il 16 giugno 2015 su FoxLife, con qualcuno più stacanovista di lui, almeno sulla carta: al Mangiarte di Roma si sta aperti 24 ore su 24, offrendo ai clienti di tutto e di più… ma nulla al meglio.

Cucine da Incubo 3: Mangiarte

Il Mangiarte non è solo un ristorante: è un po’ pasticceria, un po’ pub, caffetteria, cocktail bar, galleria d’arte. E’ tutto e niente, non ha un’identità netta e questo crea una grande confusione, sia nei clienti che nello staff, dando a tutto il sapore del’improvvisazione. E i primi a doversi mettere d’impegno per cambiare le cose sono i titolari, che cercano di portare avanti un progetto forse troppo ambizioso. Riuscirà lo Chef a rimettere ordine?

Mangiarte dopo l’avvento di Cucine da Incubo

Cannavacciuolo ce l’ha messa tutta: ha dato lezioni di cucina e di sala allo staff, ha cercato di insegnargli le regole base per portare avanti un ristorante, ha tentato di aiutare i titolari a capire cosa realmente volessero fare del locale e li ha accontentati nelle loro richieste. Ma, stando alle recensioni presenti su TripAdvisor, non è bastato: il Mangiarte continua a raccogliere critiche di diversa natura; ci sono i clienti a cui l’insieme un po’ caotico piace, ma non sono abbastanza.

“Deludentissimo, un’attesa interminabile per ricevere gli ordini completamente invertiti: prima il contorno, poi il primo piatto e infine l’antipasto. Avrei voluto ordinare un dessert malgrado l’attesa, giusto per la fame, ma ho preferito andarmene data la lentezza estenuante. Non ci tornerei proprio” (Carla A, 13 luglio 2016)

“Siamo stati venerdi sera. Abbiamo dovuto aspettare io per la mia cena 1 ora 45 minuti, altre 2 ore… terribile, e ovviamente tutti abbiamo mangiato in diversi orari. Io ho chiesto la birra weiss e mi hanno portato quella che si trova al discount (tuodi o eurospin). Il povero camariere era imbarazzato, e il propietario facceba risponsabile ai camarieri, una vergogna quel tipo. Il cibo sinceramente brutto, carne dura. Mio ragazzo aveva chiesto le patatine per mangiare insieme alla carne, ma le patatine sono arrivate 45 minuti dopo della carne. Sinceramente el peggio posto che sono stata alla mia vita. Devono solo dedicarse a vendere di bere (e per favore cambiate la weiss). Consiglio non andate! Di fronte c’è una pizzeria molto meglio e di qualità” (Euge_MT, 21 luglio 2015)

“Dopo averlo visto in TV abbiamo deciso di darli una chance… E infatti rimasto una cucina da incubo. Camerieri incompetenti e poco educati , cibo disgustoso… Ho preso i ravioli cacio e pepe e ve lo dico … Manco facendolo apposta, sarei potuta arrivare ad un risultato del genere … Poco cibo e la pasta sembrava pure plastica … Orrore” (Elodie B, 5 luglio 2015)



Articoli che potrebbero interessarti


Max Giusti nelle vesti di Cannavacciuolo
Cucine da Incubo 5 tenta il «boom» con Max Giusti a La Nuova Certosina. Ecco com’è oggi il ristorante


Cucine da Incubo 4 - La Zuccona 8
Cucine da Incubo 4: Cannavacciuolo al ristorante La Zuccona. Ecco com’è oggi


Cucine da Incubo 3 - L'Altro Sostegno
Cucine da Incubo 3: L’Altro Sostegno… di Cannavacciuolo. Ecco com’è oggi il ristorante


Cucine da Incubo 3 - Borgo San Lazzaro
Cucine da Incubo 3: Cannavacciuolo a Bergamo per il Borgo San Lazzaro. Oggi è Dal Carlo

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.