5
maggio

Rai, tetto stipendi: per il Governo «è sempre stato chiaro» che non riguardasse gli artisti. Dirlo subito, no?

Rai

Bastava dirlo subito, allora. Per il Governo “è sempre stato chiaro che la norma sul tetto agli stipendi Rai non includesse in alcun modo le prestazioni artistiche. Lo ha fatto sapere il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli, le cui dichiarazioni arrivano dopo settimane di discussioni al riguardo. Se da Palazzo Chigi si fossero espressi sin da subito con tale chiarezza, ci saremmo risparmiati inutili rimpalli di responsabilità tra Viale Mazzini e l’esecutivo. 

Nei giorni scorsi, per la verità, il ministero per lo Sviluppo Economico aveva di fatto abolito il tetto ai compensi delle star sulla base di un parere espresso dall’Avvocatura dello Stato. Ora, però, quelle stesse posizioni sono state ribadite senza ricorrere a giri di parole.

Per il governo – ha spiegato Giacomelli – “è sempre stato chiaro” che la norma che “ha introdotto un limite ai compensi dagli amministratori, dei dipendenti e dei collaboratori della Tv pubblica non includeva in alcun modo le prestazioni artistiche” e perciò l’esecutivo “non condividerebbe una iniziativa assunta da parlamentari o forze politiche che, al contrario, modificasse l’assetto normativo attuale“.

Questo anche perché l’Avvocatura generale dello Stato ha richiamato il fatto che una norma di questo tipo “creerebbe un’evidente asimmetria nel settore televisivo“, dal momento che la Rai sarebbe l’unico operatore soggetto a tale obbligo.

Il Sottosegretario ha risposto alla Camera ad un’interpellanza presentata da Forza Italia, secondo cui il tetto agli stipendi andrebbe invece applicato anche ai titolari di contratti avente ad oggetto prestazioni artistiche. La posizione del governo pare ragionevole, ma arriva in clamoroso ritardo: il Ministero competente, infatti, avrebbe dovuto fornire delucidazioni già nei mesi scorsi. Ma l’assenza di risposte chiarificatrici portò ad una inutile confusione che ha esposto la Rai all’ennesima bufera.

Sul fronte istituzionale, ora la questione sembra chiusa. Il CdA del servizio pubblico, intanto, ha chiesto alla Rai di autoregolamentarsi in materia entro il 2 giugno prossimo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


monica maggioni
CdA Rai: i compensi delle star supereranno il tetto dei 240mila euro. Via libera alle deroghe


Bruno Vespa
Bruno Vespa scrive al CdA Rai per il tetto-compensi: «Tra un Fazio che si occupa di Falcone e un Vespa che fa una puntata su Ballando, chi è l’artista e chi il giornalista?»


Antonella Clerici -
Rai: le star sono escluse dal tetto compensi


Cda-Rai
Rai, il CdA conferma il tetto agli stipendi delle star. 44 i personaggi interessati

2 Commenti dei lettori »

1. Tv ha scritto:

5 maggio 2017 alle 23:23

una cosa no è chiara al gorverno, Mediaset è privata e gratuita , tranne premium che dovrebbe essere in prossima chiusura di fallimento anche le tv locali lo sono
private e gratuite che gli avevano promesso un parte del canone mai ricevuto(le tv locali) mentre la Rai è pubblica anche piena strapiena di pubblicità ed finazianto anche dal canone pagati dai cittadini , e avevano promesso anche di tagliere i costi , perche ci troppi canali i problema sono solo le star è basta e non solo il capo della rai che monica maggioni per colpa loro che non investono in niente. non parliamo di giacomelli prima prometeva una cosa poi il contrario



2. Dario Manili ha scritto:

6 maggio 2017 alle 11:11

Finalmente finisce questo teatrino dell’assurdo!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.