2
giugno

Cucine da Incubo 3: Cannavacciuolo beve alla Fontanina. Ecco com’è oggi il ristorante

Cucine da Incubo 3 - La Fontanina (da TripAdvisor)

Cucine da Incubo 3 - La Fontanina (da TripAdvisor)

Per la terza puntata della terza stgione di Cucine da Incubo, in onda su Fox Life il 2 giugno 2015, Antonino Cannavacciuolo va a Centocelle, prendendo a cuore il destino di due fratelli, gestori del locale romano La Fontanina, in cui è possibile trovare anche menù per celiaci.

Cucine da Incubo 3: La Fontanina

I due proprietari sono esuberanti e generosi, così attenti a far colpo sulla clientela da mettere a rischio le casse della propria attività. Eccessivi, insomma, ma dotati di tanta buona volontà. Per rimettere entrambi sulla retta via lo chef cercherà di parlare il loro linguaggio, portandoli addirittura allo Stadio Olimpico per una lezione di ’strategia’ e di gioco di squadra.

La Fontanina dopo l’intervento di Cannavacciuolo

Le critiche prima dell’arrivo dello staff di Cucine da Incubo piovevano copiose su TripAdvisor. La confusione di intenti e portate non dava una vera identità al locale, che sembrava appena sufficiente e comunque incapace di soddisfare al 100% tutti i propri clienti.

“Forse può andar bene per ragazzi, che oltre all’esigenza di stare insieme per una pizza devono anche dare un occhio al costo, e allora un prezzo fisso a € 10 bevande a parte ci stà. La qualità lascia a desiderare. La pizza man mano che si raffredda scopre i limiti della lievitazione, in un aumentare di durezza, acidità del pomodoro eccessiva. Riguardo ai fritti direi di livello medio basso e dulcis in fundus il dessert oltre che atteso un po troppo e stato servito in tavola ancora semi congelato. Sala molto rumorosa. Per chi fosse interessato al prodotto ciliaco il livello è il medesimo. Considerazione: Oggi come da sempre se dai un livello basso è perché lo vuoi, e siccome non stai in un luogo sperduto per cui sei l’unica pizzeria e scatta il motto ” o questo o niente”, in una città come Roma un ristoratore dovrebbe avere come stimolo a far meglio” (di AlemiRoma, 13 settembre 2014)

“Locale nella media, abbiamo provato con la pizzeria poichè sponsorizzava quella senza glutine e una ragazza del gruppo ne era intollerante. Pizza e fritti “normali” buoni, il senza glutine da cestinare. Pizza prima cruda, poi riportata bruciata, poi rifatta e finalmente commestibile, fritti di un aspetto orrido. Peccato. Non ci torneremo” (di Leonardo BB, 23 dicembre 2014)

“Passeggiando per Centocelle passo davanti questo locale e mi colpiscono i menù a poco prezzo, menù pizza a 10 euro, menù carne a 20…chiamo sabato mattina per prenotare per la sera e al telefono mi viene rettificato che il menù pizza veniva 13 anziché a 10…senza alcun problema prenoto lo stesso apprezzando anche il fatto di essere stata avvertita! Arriviamo li e appena diciamo che vogliamo il menù pizza ci dicono che quella sera perché c’era troppa gente…. “costringendoci” a ordinare dell’altro e quando gli abbiamo detto che ce ne saremo andati ci hanno risposto che se volevamo le pizze ce le avrebbero fatte lo stesso…alche ci siamo alzati e siamo andati via! Va bene tutto ma le prese in giro e le imposizioni no!!! Hanno perso 4 potenziali clienti!!mai più…..” (IlariaM, 11 gennaio 2015)

Cannavacciuolo avrà salvato la situazione? Non proprio. Recensioni positive relative, dopo il suo passaggio ce ne sono, come c’erano del resto anche prima, ma in generale colpiscono quelle di chi, capitato a La Fontanina per caso o per scelta, ha deciso di non tornarci più.

“antipasto –> medio
dessert –> molto buono
pizza–> immangiabile…il condimento navigava nell olio, era completamente intrisa risultava pesante e’ un peccato perche’ l impasto era buono”
(liquide l, 21 agosto 2015)

“Servizio un po’ grossolano: poca illuminazione nei tavoli fuori, troppa attesa, hanno portato le pizza a distanza di qualche minuto l’una dall’altra (ed eravamo tre) così che uno aveva finito e gli altri dovevano iniziare. Fritti appena accettabili, buone le olive ascolane… pizza di tipo romano poco lievitata, sotto la media. In sostanza non lo consiglierei… c’è di meglio nel quartiere!” (tortinello r, 20 giugno 2015)

“Sono stato qui con un amico un sabato sera avevamo prenotato un tavolo per 2 e appena siamo arrivati ci hanno fatto aspettare 20minuti prima di mettere un altro tavolo.. visto che il locale era pieno. Ci arriva il cameriere dopo ben un quarto d’ora venti minuti a chiedere cosa volevamo ordinare.. Abbiamo ordinato il classico menu pizza a 15euro fissi che comprendeva Bruschetta supplì pizza e dolce.. le prime 2 cose sono arrivate diciamo in tempo tta l’altro discrete ma si erano scordati di portarci la pizza(buona)… vi dico solo eravamo entrati nel locale alle 21 e la pizza abbiamo iniziato a mangiare alle 22:45… E insieme a noi anche un altra famiglia ha dovuto aspettare adirttura più di noi… la colpa di tutto ciò non la darei comunque ai camerieri.. ma secondo me il proprietario deve aumentare lo staff perché se non sbaglio mi pare di aver visto solo 1 cuoco a preparere tutto.. Concludendo dico solo non so se ci ritornerò presto in questo locale” (Deep S. 3 luglio 2015)



Articoli che potrebbero interessarti


Cucine da Incubo 5 - The Princess
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo salverà «The Princess» con Bastianich. Ecco com’è oggi


Antonino Cannavacciuolo
CUCINE DA INCUBO 4: NELLA TERZA PUNTATA SI VA “AI PLATANI”


Cucine da Incubo 3 - L'Antica Toscana
Cucine da Incubo 3: L’Antica Toscana accoglie Cannavacciuolo. Il ristorante oggi è chiuso


Cucine da Incubo 3 - Sabatino com'era - da Facebook
Cucine da Incubo 3: Cannavacciuolo da Sabatino. Ecco com’è oggi il ristorante

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.