30
aprile

Cucine da Incubo 5 tenta il «boom» con Max Giusti a La Nuova Certosina. Ecco com’è oggi il ristorante

Cucine da Incubo 5 - La Nuova Certosina

Cucine da Incubo 5 - La Nuova Certosina

Antonino Cannavacciuolo è pronto per la settima volta in questa quinta edizione a sistemare le sue Cucine da Incubo. Lo chef, a partire dalle 21.15 di questa sera sul Nove, sarà in compagnia del suo imitatore Max Giusti che, per aiutare lo staff del ristorante milanese La Nuova Certosina a ritrovare lo spirito di squadra, li farà giocare a Boom, il game show che conduce tutti i giorni in access prime time sempre sul Nove.

Cucine da Incubo 5, settima puntata: La Nuova Certosina

La Nuova Certosina nasce nel 2004. Ad aprire il ristorante sono i genitori di Lussi, l’attuale proprietaria. La ragazza lavora in sala fin da giovanissima, ma dal 2012, in seguito ad alcuni problemi dei genitori, è costretta a prendere in mano le redini del ristorante. Il nuovo ruolo di cuoca e proprietaria mette però sotto pressione la ragazza, che, ancora oggi, a distanza di anni, non è riuscita a trovare la sua dimensione.

La proposta del locale è ormai anacronistica, ma Lussi sembra incapace di distaccarsi da ciò che i suoi genitori hanno creato nel corso degli anni e la mancanza di fiducia in se stessa mina ogni tentativo di rinnovamento che la ragazza e il suo staff – composto da Cristina, responsabile della sala, Victoria, cameriera, e Stefano, aiuto-cuoco – tentano di apportare. Ogni qualvolta Lussi pensa a un cambiamento nel menù, o nel servizio, viene frenata dalla paura di fallire e di perdere anche quei pochi clienti sui quali il ristorante può ancora contare. La cuoca si sente continuamente sotto esame, come se i suoi genitori fossero ancora nel locale, pronti a giudicare ogni sua azione, ogni suo errore.

All’immobilismo della gestione si aggiungono poi i problemi di organizzazione e di gestione. In sala i tavoli non sono numerati e questo causa confusione e inevitabili battibecchi fra le cameriere e la cucina. Inoltre l’ansia con cui Lussi dirige il suo staff non fa che peggiorare la situazione. La ragazza reagisce male ai problemi che nascono durante il servizio, arrivando a litigare con chiunque le capiti intorno. Un altro problema de La Nuova Certosina è la lentezza della cucina e spesso molti clienti non vengono serviti insieme ai loro commensali, fatto che alimenta talvolta lamentele.

La Nuova Certosina dopo l’avvento di Cucine da Incubo

Un’analisi delle recensioni presenti su TripAdvisor svela però che i clienti in fondo questo ristorante lo hanno sempre apprezzato, ritenendo il cibo di qualità e l’accoglienza ottima, quasi familiare. Dunque i problemi da risolvere erano più che altro interni, bisognava impegnarsi per migliorare il lavoro dello staff, ritrovare lo spirito di squadra e far crescere l’autostima della proprietaria. E Antonino Cannavacciuolo e Max Giusti devono esserci riusciti, stando alle foto sorridenti dello staff presenti su Facebook e alle seguenti recentissime recensioni.

“Ottima location completamente rinnovata nel suo stile, servizio ottimo cortese,gentile, disponibile. Cena squisita con prodotti freschi e una tagliata di tonno da leccarsi in baffi.. prezzo modico. Da provare!!!!!”

“Quanto tempo dall’ultima volta. Eppure essendoci stato per una fugace visita in occasione di un pranzo di lavoro, mi sono accorto che non poco fosse cambiato ed assolutamente in meglio: interni molto più caldi e accoglienti, qualità del cibo per quanto incredibile addirittura migliorata, prezzi assolutamente competitivi con varie opzioni di scelta tra pranzo completo o meno”

“Ambiente rinnovato recentemente , semplice e famigliare. Ottima la grigliata di pesce (abbondante) così come gli altri piatti del menù”



Articoli che potrebbero interessarti


Cucine da Incubo 5 - Pupirichiello prima
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo al Pupirichiello di Milano con Enzo Miccio. Ecco com’è oggi il ristorante


Ristorante Ca' Moro Livorno
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo attracca al Ca’ Moro di Livorno. Ecco com’è oggi il ristorante


CARLA GOZZI_ CANNAVACCIUOLO_VillaRugantino
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo salva Villa Rugantino con l’aiuto di Carla Gozzi. Ecco com’è oggi il ristorante


Cucine da Incubo 5 - Il Pappagallo (da Facebook)
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo a Il Pappagallo di Crema. Com’è oggi il ristorante

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.