30
marzo

#IostoconPaolaPerego: Ventura e Bonolis tra i pro, Parisi e Bellavia nei contro, tanti gli astenuti

paola perego

Paola Perego

La storia è sempre la stessa ma si aggiungono nuovi protagonisti, chi “pro” e chi “contro”. Paola Perego ha ottenuto subito, fin dalle ore successive all’ultima puntata di Parliamone Sabato, la solidarietà di giornalisti e colleghe. Oltre all’appoggio del marito -e agente- Lucio Presta, alcune compagne di scuderia hanno deciso di schierarsi prontamente dalla parte della conduttrice.

Tra le prime ad esprimersi sui social c’è Rita Dalla Chiesa, in difesa di colei che la sostituì alla guida di Forum anni fa: “Paola Perego è sempre stata dalla parte delle donne, le ha sempre difese”. E non ha tardato ad arrivare anche il sostegno via Twitter di Monica Leofreddi:

Poi, le dichiarazioni spontanee si sono spinte ben oltre i confini del tribunale televisivo di Torto o Ragione? (in cui si sono recentemente ritrovate le due presentatrici), e anche Fiorello, Lorella Cuccarini, Selvaggia Lucarelli e Rossella Brescia si sono detti contrari alla decisione dei vertici di Viale Mazzini. Dalla squadra di Presta, anche Paolo Bonolis l’ha difesa puntando il dito contro “gli indignati del web”. Ad esporsi unendosi all’hastag solidale #IostoconPaolaPerego, è stata a sorpresa anche Simona Ventura:

Per i contro, si alzano alcune voci inattese, tra cui una su tutte ben si presta alla polemica: se da una parte c’è Lorella, dall’altra c’è la sua NemicAmatissima Heather Parisi, che scrive sul suo blog:

“L’aspetto più ripugnante di quanto ho letto in questi giorni sulla stampa italiana, è vedere la totale distonia tra l’intero gotha del giornalismo italiano e di parte dello star system tv, schierati compatti contro la chiusura di Parliamone Sabato, e la maggior parte dell’opinione pubblica favorevole invece allo shut down [...] Nel resto del mondo la critica nei confronti della trasmissione è stata UNANIME, senza azzardare improponibili difese d’ufficio, ridicoli complottismi, puerili distinguo o demagogici ’scagli la prima pietra chi è senza peccato’. Purtroppo, all’estero la pensano diversamente e ne hanno tratto anche impietosi giudizi sul modo di pensare dell’italiano.”

Infine, rispunta un ex volto tv, Marco Bellavia, il quale si toglie qualche “sassolino dalla scarpa”, incolpando la Perego di un prematuro stop alla propria carriera sul piccolo schermo:

E per qualche vecchia ruggine che ritorna, c’è anche chi non ha battuto ciglio e si è astenuto da qualsiasi commento sulla vicenda come le signore di Rai1 Antonella Clerici ed Eleonora Daniele, o ancora Cristina Parodi ed Elisa Isoardi. In questo caso, interviene il beneficio del dubbio, ovvero che abbiano magari scelto strade secondarie e private per confortare la collega?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Lucio Presta, Paola Perego
Parliamone Sabato, Lucio Presta vs Gregorio Paolini: «Nessun chiarimento con me fino a quando non sarai leale con Paola Perego»


Faccia a Faccia, Giovanni Minoli
Parliamone Sabato, Minoli graffia Campo Dall’Orto sulle responsabilità: dopo l’intervista di Vespa al figlio di Riina non successe nulla


Antonio Campo Dall'Orto
Parliamone Sabato, Campo Dall’Orto smentisce Paola Perego: “Il direttore di Rai 1 non sapeva”


Donne dell'Est - intervista a Paola Perego
Paola Perego a Le Iene: “In Rai si sono dissociati da una cosa che avevano approvato” – video integrale

3 Commenti dei lettori »

1. simonevarese ha scritto:

30 marzo 2017 alle 13:04

Vorrei segnalare che il Marco Bellavia regista di RDS è un altro, non è l’ex conduttore di Bim Bum Bam



2. kalinda ha scritto:

30 marzo 2017 alle 18:24

la Clerici dopo la multa non parla più contro la Rai.



3. Gianni ha scritto:

30 marzo 2017 alle 23:13

La soldarietà femminile va a farsi benedire quando bisogna tenersi stretta la poltrona!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.