29
marzo

J-Ax a Chef Rubio: “Sparati”. Aveva osato criticare l’amico Fedez

Fedez e J-Ax

Fedez e J-Ax

Un commento polemico, ma anche ironico, di Chef Rubio nei confronti di Fedez ha scatenato un’assurda reazione di J-Ax, che ha tuonato contro il conduttore di “E’ uno sporco lavoro” su DMAX, invitandolo a spararsi per aver criticato l’amico rapper. Ecco cosa è successo.

Chef Rubio punge Fedez

Alcuni giorni fa Fedez ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, nella quale sono venuti fuori aspetti più o meno inediti della sua vita come l’avere una madre gli fa da manager e la compagna fashion blogger Chiara Ferragni che lo consiglia su come vestirsi; aspetti più o meno risibili come l’essere più ricco della compagna e l’aver comprato in tre anni sei Rolex e un Patek Philippe; ed aspetti, invece, drammaticamente reali come il girare a 16 anni con una pistola nella zaino. Non era la sua, ma del padre di un suo compagno di scuola:

“Il padre di un mio amico era appena uscito dalla prigione, dopo essersi fatto 30 anni, e veniva in giro con noi – ha dichiarato Fedez, parlando del periodo vissuto durante l’adolescenza – Ogni tanto, siccome temeva di essere fermato, il padre del mio amico ci dava la sua pistola, per tenergliela. Io nella mia sconsideratezza la mettevo nello zaino. Una roba che oggi mi dico coglione”.

Ed è così, probabilmente, che Chef Rubio avrà voluto definire Fedez, ma lo fa in maniera decisamente ironica:

“Io nello zaino c’avevo la pizza bianca, mi madre non me dice quello che devo fa da circa 20 anni, e me vesto come ca**o me pare Fedez”, ha scritto il cuoco sul suo profilo ufficiale di Twitter.

La reazione fuori luogo di J-Ax

In difesa del rapper ha deciso di intervenire il fidato amico e collega J-Ax, con una solerzia che nemmeno un assistente sociale nei confronti di un soggetto in difficoltà:

“E i ca**i tuoi nello zaino non li tenevi? sparati Chef Rubio”, ha postato J-Ax, aggiungendo “#bastabullismo su Fedez”.

Un messaggio, quello del rapper milanese, che indispone per superficialità e arroganza. Leggere nella stessa frase termini come “sparati” e “basta bullismo” (proprio loro, i rapper!) la dicono lunga sul modo pessimo e spropositato con il quale ci si muove a volte sui social e sul web. L’invito a spararsi, poi, è uno scivolone che non si può più accettare, anche e soprattutto della platea di 2 milioni di (giovani) followers che segue su Twitter Ax.

Il battibecco tra i due, poi, è proseguito, tra provocazioni e messaggi anche cancellati. In uno di questi J-Ax scomodava Alba Parietti per dire a Chef Rubio che “ti chiami chef e manco sei uno chef. E’ come se Alba Parietti si facesse chiamare Al Naturale Parietti”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Dario Salvatori
DARIO SALVATORI VS J-AX: SENZA TALENT, CARRIERA A ROTOLI. J-AX REPLICA: VESTITO COME UN VACCARO DEL TEXAS IN TRIP DA PEYOTE


Morgan
MORGAN REPLICA (IRONICO?) E J-AX SI SCUSA: “SONO STATO INSENSIBILE MA QUELLO CHE HO DETTO E’ VERO”


Emma Marrone e Red Ronnie
Red Ronnie fa infuriare Emma Marrone. Tutta colpa di Elodie


chef Rubio
Chef Rubio torna su DMAX con “E’ uno Sporco Lavoro”

3 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

29 marzo 2017 alle 09:54

Di J-Ax si parla solo per le stupidaggini che dice e che (ahimè) scrive. Mai per la sua musica.



2. LeoNandoSpern ha scritto:

29 marzo 2017 alle 10:36

Più si continua a dar risalto a ciò che scrivono e più continueranno a farlo.. Dobbiamo smetterla di dargli importanza e vedrete come scenderanno dal piedistallo.



3. Srich ha scritto:

29 marzo 2017 alle 13:00

Mamma mia Ax, c’hai cent’anni e ancora sei a fare le catfight su twitter? Mettendoti in mezzo per difendere l’amichetto, oltretutto.
Dai, su.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.