28
marzo

Pagelle della Settimana Tv (20-26/03/2017). Promossi La Porta Rossa e Guanciale, bocciati la vis polemica della Parietti e il caos Parliamone Sabato

alba parietti

Alba Parietti

Promossi

9 a La Porta Rossa. La scelta strategica di riportare le fiction su Rai2 – laddove è nato Il Commissario Montalbano solo per citare un titolo della gloriosa tradizione del secondo canale – sta pagando sia in termini di immagine che di prodotto. C’è ancora un problema sul target giovani – malgrado la messa in onda su Rai2, la quota over rimane maggioritaria – ma nel lungo periodo ci si può lavorare.

8 a Lino Guanciale. E’ stato protagonista di fiction da oltre 6 milioni di spettatori su Rai1 (la più nota, Che Dio Ci Aiuti), ma è con La Porta Rossa che i media sembrano accorgersi in maniera prepotente dell’attore di Avezzano già molto amato dal pubblico. Bella faccia, ottimo curriculum, ne sentiremo parlare sempre più.

7 a Mediaset che si assicura Paolo Bonolis per i prossimi due anni. L’azienda di Cologno trattiene il conduttore convincendolo a rispolverare i suoi più grandi cavalli di battaglia legati alla tv commerciale, a bocca asciutta chi sperava in novità di rilievo che a dispetto dei proclami o dei mesi di trattative non ci saranno.

6 all’esordio del Serale di Amici 16. Il ritorno in prime time del talent più longevo non infiamma nè per ascolti (peggior esordio da quando il programma è al sabato sera, malgrado l’assenza di calcio e un competitor insidioso ma che non riesce a spiccare il volo) nè per la resa televisiva in sè. Sul fronte coach e giudici, il cambiamento a 360 gradi non sortisce effetti dirompenti. Morgan subisce il contesto defilippiano e anche se dovesse riuscisse a riservare sorprese, il rischio sarebbe quello del già visto.

Bocciati

5 alla vis polemica di Alba Parietti a Ballando con le Stelle. Ci fa o ci è? Che una vecchia volpe dello spettacolo, impareggiabile ufficio stampa di se stessa, possa realmente essere così risentita dai commenti dei giudici, il cui stile è noto da anni, è uno scenario non del tutto convincente. Quel che è certo, poi, è che Alba sia un’abile manovratrice del piccolo schermo, basta il suo nome per evocare polemica. Ciò non significa che finga o non sia realmente infastidita, quanto piuttosto vuol dire che, più o meno consapevolmente, scelga di enfatizzare determinati momenti vuoi per togliersi dei sassolini dalla scarpa, vuoi perchè il suo ego la costringe a non tacere. Vuoi perchè il mondo dello spettacolo lo conosce. Eviti comunque di guardare al comportamento che i giudici hanno con i colleghi-rivali in pista (non stai facendo l’opinionista di Ballando) e tenga a mente che proprio il mancato professionismo dei concorrenti legittima doppiamente quei commenti “leggeri” che ritiene offensivi.

4 alla puntata de Il Boss delle Cerimonie dedicata alla scomparsa di Don Antonio. Comprensibile un omaggio al Boss, tuttavia la lunga puntata a lui dedicata ha assunto i contorni dell’agiografia usando peraltro i toni e il linguaggio tipici della trasmissione vera e propria che poco si confanno ad una commemorazione.

3 a Gabriel Garko che sfugge alla consegna del tapiro di Striscia la Notizia per le dichiarazioni di Eva Grimaldi. Poi pace è stata fatta, ma un po’ di ironia prima, no?

2 alla proposta di Paolo Bonolis che vorrebbe il Festival in un luogo diverso dall’Ariston. Sanremo è Sanremo anche per quel microscopico e poco tecnologico teatro; le emozioni che un palco può dare prescindono dalla grandezza e dal comfort.

1 al caos Parliamone Sabato. Intervistata da Le Iene, Paola Perego rivela che il direttore Andrea Fabiano era al corrente del segmento incriminato; circostanza poi smentita da Campo Dall’Orto. Quest’ultimo, però, in precedenza aveva fatto sapere che ogni passaggio della catena di controllo aveva funzionato. Dove sta la verità? In realtà che il direttore quel giorno sapesse o meno poco importa per come la questione è stata posta: Parliamone Sabato andava in onda da settimane con l’identico taglio e una determinata linea editoriale che Fabiano conosceva e aveva pubblicamente apprezzato.



Articoli che potrebbero interessarti


Giuliana De Sio e Maykel Fonts
Le Pagelle della Settimana Tv (17-23/04/2017). Promossi I Simpson e De Sio. Bocciate la verità di Morgan e la non eliminazione di Amici


CelebrityMasterchef_finale_Nesli_Capua
Le Pagelle della Settimana TV (3-9/04/2017). Promossi Celebrity MasterChef e Nesli. Bocciati Amici e Campo Dall’Orto


David di Donatello 2017 Cattelan
Le Pagelle TV della Settimana (27/03-02/04/2017). Promossi Valeria Bruni Tedeschi e Mara Maionchi, bocciati il quotidiano di Amici e Hidden Singer


Paola Perego
Le Pagelle della Settimana TV (13-19/03/2017). Promossi i 30 anni di Beautiful e Daniele Liotti, bocciati Parliamone Sabato e la sua cancellazione

3 Commenti dei lettori »

1. lordchaotic ha scritto:

28 marzo 2017 alle 15:57

Anche la Rai vorrebbe portare il festiva in altro luogo, e ci riuscì nel 1990. Quell’edizione andò in onda dal Pala Sanremo



2. BohBeh ha scritto:

28 marzo 2017 alle 22:52

Sanremo andava in onda fino a metà anni 70 dal teatro del Casinò.



3. Travis ha scritto:

29 marzo 2017 alle 07:30

Conconrdo su tutto. Anzi su Alba Parietti e su Paola Perego dico che enrmbe conosco benissimo come si fanno polemiche e come si fa attirare l’attenzione e ci stanno riuscendo benissimo entrembe e in maniera diversa. Paolo Bonolis ha molta ragione, Sanremo via dall’Ariston, l’deale sarebbe farlo nello stesso studio di Music, peccato non sia a Sanremo :)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.