26
marzo

Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo alla «Trattoria Sicilia» e a «La Croce del Gallo». Ecco come sono oggi

Antonino Cannavacciuolo

Antonino Cannavacciuolo

Il viaggio di Antonino Cannavacciuolo ricomincia questa sera alle 21.15 su Nove, così come la sua missione: trasformare alcune Cucine da Incubo del Belpaese in attività funzionanti e con un futuro roseo. Le precedenti quattro stagioni del programma hanno insegnato che non sempre la buonavolontà e la competenza dello chef sono bastate, perchè alcuni ristoranti visitati non sono riusciti a far tesoro dei suoi insegnamenti, rivelandosi disastrosi anche dopo il suo passaggio. Ecco com’è andata con le prime due puntate della quinta stagione, in onda oggi – domenica 26 marzo 2017 – e ambientate a Catania e a Suzzara, in provincia di Mantova.

Cucine da Incubo 5, prima puntata: Trattoria Sicilia

Nella prima puntata lo chef Cannavacciuolo andrà a Catania, alla Trattoria Sicilia, dove Daniele e Ramona servono ai clienti un menù basato prevalentemente su piatti di pesce. Il ristorante, che nel complesso collezionava su TripAdvisor recensioni accettabili, lasciava però perplessità in alcuni clienti riguardo il lavoro svolto in cucina.

“Da ieri sera dopo aver cenato in questa “TRATTORIA” ho deciso che non mangero’ piu’ fuori casa!!!! Tutto pessimo,locale poco pulito,poco affolato(la sera di s.valentino eravamo in 6)e una frittura di pesce che dopo la terza volta che ci veniva proposta(noi volevamo calamari,loro insistevano per una frittura mista)era a dir poco vomitevole(non siamo riuscti a mangiarla)erano anelli di calamari surgelati sicuramente di una marca sconosciuta ai supermercati!! 4 bruschette(in linea con quello detto prima)2 primi, 1 frittura, mezzo di vino e mezza d’acqua 39 euro!! complimenti e a non rivederci mai piu!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!”

“Siamo stati a pranzo co dei colleghi abbiamo preso solo pasta alla pescatora una delusione la pasta non era cotta sul momento ma era molto asciutta e si vedeva che stata cucinata molto tempo prima. Una delusione”

Dopo l’avvento di Cannavacciuolo, però, la Trattoria Sicilia sembra aver guadagnato altri punti, distinguendosi dagli altri locali e soddisfacendo sotto tutti i punti di vista i clienti. Non mancano recensioni negative, ma sono rare.

“Ottimo il pesce, piatti abbondati, servizio di grande cortesia prezzo buono. Qualità – prezzo ottimo”

“Trattasi di locale accogliente, con un servizio molto buono e ottima cucina a base di pesce, ottimo per cene con la famiglia”

“Ristorante accogliente, proprietario gentilissimo e simpatico, da subito ci siamo trovati pienamente a nostro agio. La cucina è veramente ottima, tradizionale ed equilibrata nei sapori. Abbiamo mangiato pesce, da 10 e lode pepata di cozze e frittelline di neonato. Complimenti per tutto!”

Cucine da Incubo 5, seconda puntata: La Croce del Gallo

La seconda puntata, in onda alle 22.20 circa, vedrà Cannavacciuolo e il suo team alle prese con La Croce del Gallo, una pizzeria-alloggio sita a Suzzara che Zuleidy e Raul hanno iniziato a gestire nel 2015 e che desideravano rendere più giovanile e confortevole possibile per ampliare la clientela. Anche qui le recensioni precedenti all’intervento sono drammatiche, con accuse pesanti da parte dei clienti insoddisfatti.

“Un menù illusorio tutti i piatti a base di pesce erano assenti. Lo chef ci consiglia gli spaghetti alle vongole galleggiavano nell’olio e la pizza un disonore chiamarla così è poi parliamo di crisi !!! La chiusura di questa squallida attività è la cosa migliore e si è fatto anche pagare ma che gentaglia!”

“Pranzo veramente pessimo con primi immangiabili… il cameriere si è presentato con una maglietta unta e stra unta! Buffet con verdure che avevano anni!!! Veramente da evitare!!”

“Cena tra amici pizza molto buona…. peccato per tutto il resto…. Camerieri incapaci e pulizia approssimativa… Lite tra staff… Sembra una scena da cucine da incubo! I complimenti vanno solo al pizzaiolo: pizza leggera, digeribile e gustosa!”

Quest’ultimo commento, rilasciato a luglio 2016, si è rivelato profetico: il locale è stato davvero protagonista di Cucine da Incubo ma purtroppo, successivamente all’intervento di Cannavacciuolo, il tono delle recensioni non è cambiato granché. Primo fallimento di stagione?

“Piatto e bicchiere sporco, bambino che insegue, raggiunge e afferra il cane che gira fra i tavoli e poi… infila le mani ne buffet e prende cibo.. non aggiungo altro”

“Il servizio non era eccellente,anzi scarso..i piatti forse non vengono lavati,ma passati con straccio vecchio,si notavano strisce di unto,e impronte di dita sporche…il pizzaiolo tra una pizza e correre in cucina fa aspettare troppo tempo a chi ordina pizze da asporto,in oltre si perde a sparlare del personale,cosa poco professionale…a noi può dispiacere che non trova intesa con il personale,ma sono cose che vanno risolte in privato,e non alle spalle di chi lavora li,e tra l’altro con clienti soprattutto di passaggio come lo eravamo noi….MAI PIù.”

“Stata a cena von amici! Non torneremo più! Pizza grande ma non buona! Gestore simpatico ma locale sporco ! Quando tornati a casa messo tutto da lavare sembrava una friggitoria!eravamo in 14 e abbiamo mangiato 4 alla volta! Assurdo. Ps. da canavacciuolo hanno imparato poco. Io non tornerò più!”



Articoli che potrebbero interessarti


Cucine da Incubo 5 - Pupirichiello prima
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo al Pupirichiello di Milano con Enzo Miccio. Ecco com’è oggi il ristorante


Ristorante Ca' Moro Livorno
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo attracca al Ca’ Moro di Livorno. Ecco com’è oggi il ristorante


CARLA GOZZI_ CANNAVACCIUOLO_VillaRugantino
Cucine da Incubo 5: Cannavacciuolo salva Villa Rugantino con l’aiuto di Carla Gozzi. Ecco com’è oggi il ristorante


Max Giusti nelle vesti di Cannavacciuolo
Cucine da Incubo 5 tenta il «boom» con Max Giusti a La Nuova Certosina. Ecco com’è oggi il ristorante

2 Commenti dei lettori »

1. Michele ha scritto:

26 marzo 2017 alle 20:04

Sarebbe interessante un programma “Cucine da incubo: come è andata a finire?”.



2. Mattia Buonocore ha scritto:

26 marzo 2017 alle 20:11

@Michele nella versione originale c’è la puntata ‘com’è andata a finire’



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.