22
marzo

RaiSport nella bufera: i giornalisti annunciano uno sciopero per domenica 9 aprile

Gabriele Romagnoli (direttore RaiSport)

Gabriele Romagnoli (direttore RaiSport)

E’ bufera a RaiSport. Dopo la bagarre dello scorso febbraio, i giornalisti della testata sportiva della tv di Stato si sono riuniti in assemblea e hanno votato per l’astensione dal lavoro nella giornata di domenica 9 aprile 2017, che coincide con la trentunesima giornata del campionato di calcio della Serie A. A rischio, quindi, tutti i servizi e i programmi sportivi previsti sui canali Rai nel dì di festa.

La Rai senza calcio e partite domenica 9 aprile 2017

I motivi del nuovo sciopero sono gli stessi per i quali era stato chiesto poco tempo fa un incontro immediato con il direttore Gabriele Romagnoli. Nel mirino dei giornalisti di RaiSport l’impoverimento della loro testata, dovuto ad un netto taglio al budget, con conseguente chiusura del canale RaiSport 2, a fronte di una concorrenza che, invece, si fa sempre più agguerrita.

I giornalisti, come detto, si sono riuniti in assemblea per votare lo sciopero del 9 aprile e in 51 hanno votato a favore dell’astensione dal lavoro, contro i 19 che hanno preferito astenersi e gli 11 contrari.

Dunque, nella giornata di domenica 9 aprile c’è il rischio che saltino le trasmissioni sportive in programma, così come anche le immagini e i servizi riservati ai telegiornali. Ora tocca al direttore Romagnoli e all’azienda tentare di scongiurare l’ennesima falla, e magari anche lo sciopero, di un ambiente e una testata in perenne difficoltà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


RaiSport 2
RAISPORT IN SCIOPERO CONTRO L’IMPOVERIMENTO DELLA TESTATA. CANCELLATO RAISPORT 2


Rai Sport
Rai Sport: sospeso lo sciopero del 9 aprile. Trattative aperte con l’azienda


Paola Ferrari
RAI SPORT, GABRIELE ROMAGNOLI: “IMMAGINE DESUETA”. ECCO LE NOVITA’ IN ARRIVO


Enrico Varriale
ENRICO VARRIALE FUORI DA RAISPORT PER EURO 2016. CANCELLATO ANCHE IL PROCESSO DEL LUNEDI

4 Commenti dei lettori »

1. LeoNandoSpern ha scritto:

23 marzo 2017 alle 11:06

Oltre al calcio, la Rai rischia di trasmettere il GP di Cina di Formula 1 senza commento..



2. Luca ha scritto:

23 marzo 2017 alle 12:01

e la Parigi Roubaix di ciclismo…
La cosa curiosa è che l’articolo qui sopra parla solo ed esclusivamente di calcio, quando la Rai NON trasmette nessuna partita.
Questo articolo secondo me simboleggia perfettamente il problema di RaiSport: l’idea di sport è associata solo ed esclusivamente al calcio, la Rai non riesce a valorizzare la propria offerta di altri sport, che è ricchissima.
Basterebbe qualche spot in più su Rai 1, 2, 3 e qualche servizio in più ai telegiornali (che invece sono focalizzati sempre e solo sul calcio) per aumentare di parecchio il numero di telespettatori di RaiSport: il problema infatti è che spesso non si sa neanche cosa viene trasmesso su quel canale…



3. alessandro atti ha scritto:

23 marzo 2017 alle 17:49

“Chiudiamo la stalla che i buoi son scappati2.
la chiusura di raisport 2 la annuciò paris quando presentò in diretta il piano editoriale. nn mi ricordo levate di scudi, cosi come nn le ricordo quando raisport ancora durante la direzione di mazza fu progressivamente trasfformato nella ripetizione pedissequa di rai sport 1



4. alessandro atti ha scritto:

23 marzo 2017 alle 17:57

“Chiudiamo la stalla che i buoi son scappati”.
la chiusura di raisport 2 la annuciò paris quando presentò in diretta il piano editoriale(GENNAIO 2015) . nn mi ricordo levate di scudi, cosi come nn le ricordo quando raisport ancora durante la direzione di mazza fu progressivamente trasformato nella ripetizione pedissequa di rai sport 1



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.