12
marzo

Ignoto 1 – Yara, DNA di un’indagine: Sky Atlantic ripercorre l’inchiesta che ha inchiodato Bossetti

Ignoto 1 – Yara, DNA di un’indagine

Una traccia di DNA maschile. E un assassino a cui dare un nome. Era iniziata così una delle indagini più complesse e sorprendenti dei nostri tempi, quella per scoprire chi uccise la piccola Yara Gambirasio. Dopo quattro anni di certosine analisi scientifiche, gli inquirenti arrivarono a conclusioni significative e oggi Sky Atlantic e Sky TG24 ripercorrono quell’impresa con il documentario Ignoto 1 – Yara, DNA di un’indagine

Da stasera, 12 marzo, e per quattro domeniche, i due canali del gruppo Sky trasmetteranno in prime time un documento che approfondirà il lavoro scientifico svolto attorno al caso Yara, un’impresa senza pari in Europa, portata avanti attraverso lo screening di decine di migliaia di test genetici alla ricerca di un assassino senza nome.

La particolarità che ci spinge a segnalare tale appuntamento è che non si tratterà né di una fiction né di un dibattito sugli esiti delle indagini, ma di un reportage che si concentrerà sul lungo lavoro di ricerca e analisi scientifica resosi necessario per risalire all’identità del presunto responsabile del delitto.

La ricostruzione partirà dal solo elemento su cui gli inquirenti potevano investigare: sulla salma di Yara venne trovata una traccia di DNA maschile, appartenente ad uno sconosciuto, chiamato convenzionalmente Ignoto 1. Il profilo genetico tracciato porterà poi all’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti e il prosieguo della vicenda è cronaca recentissima. All’inizio dell’estate del 2016 la giuria emette la sentenza a carico del muratore di Mapello: ergastolo. La Procura si dichiara soddisfatta, gli avvocati della difesa ricorrono in appello.

Tutte le tappe dell’indagine saranno raccontate attraverso le voci di chi ha seguito il caso: gli avvocati e i consulenti della difesa, i giornalisti che se ne sono occupati, ma anche, per la prima volta, il pm Letizia Ruggeri, che dal 2010 ha guidato l’indagine e che fino alla fine del processo non ha mai voluto parlare con la stampa. Per la realizzazione del documentario sono state raccolte oltre 80 ore di interviste con tutti i maggiori protagonisti della vicenda. La storia è narrata anche attraverso immagini esclusive d’archivio, atti del processo, ricostruzioni d’atmosfera (prive però di parti recitate da attori), e grafiche 3D per spiegare in modo semplice il complesso lavoro scientifico fatto sul DNA.

Prodotto dall’inglese Amber TV e dall’italiana Run to Me Film in collaborazione con Sky e BBC, il lavoro è stato curato per BBC dal premio Oscar Nick Fraser per la regia di Hugo Berkeley ed è durato ben due anni. Il progetto è stato presentato nel 2016 alla seconda edizione del “Dig Awards”, il premio internazionale dedicato al giornalismo d’inchiesta, ove giovani autori possono presentare proposte d’approfondimento per cercare finanziamenti. In quella sede Sky decise di sostenere l’idea.

Ignoto 1 – Yara, DNA di un’indagine fa parte del ciclo de “Il racconto del reale“, in onda ogni domenica su Sky Atlantic.



Articoli che potrebbero interessarti


Quarto Grado, video Bossetti arrestato
QUARTO GRADO, IL VIDEO DELL’ARRESTO DI BOSSETTI FA DISCUTERE. NUZZI: E’ ELEMENTO DI PROVA, ANDAVA DIVULGATO


Bossetti
MASSIMO BOSSETTI A MATRIX: DAL CARCERE VEDO IL MIO PROCESSO IN TV E NON POSSO FARE NULLA


Confronto tv Primarie Pd
Primarie Pd, confronto tra i candidati in diretta su SkyTg24 e Tv8. Il conduttore Vitale: «Semprini? Io avrò un altro stile»


Taboo
Taboo: la serie che fa un tuffo nelle Indie Orientali con un affascinante ereditiero redivivo (foto)

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.