24
febbraio

Alla ricerca di Nemo

Nemo - Nessuno escluso, Enrico Lucci

Ma che è successo a Nemo? Lo scorso ottobre, dopo la puntata d’esordio del programma, avevamo espresso un certo compiacimento: finalmente una novità, scrivemmo, apprezzando il tentativo di aggiornare il racconto televisivo d’attualità. Stavolta, invece, ci tocca frenare ogni entusiasmo. Quella trasmessa ieri sera su Rai2, infatti, è stata una trasmissione ben diversa dall’ambizioso esperimento proposto nell’autunno scorso.

Dopo i deludenti ascolti del primo ciclo di puntate, Nemo è tornato in onda con il lifting e con l’obiettivo di acchiappare pubblico. Legittimo e persino ovvio. Ma il maquillage si è rivelato più invasivo del dovuto: così, il programma ha in parte perso quell’originalità e quell’anticonformismo che l’avevano reso degno d’interesse, cedendo il passo ad una deriva ideologica che di innovativo ha ben poco.

Gli stessi conduttori Enrico LucciValentina Petrini, che si erano fatti apprezzare per il loro stile spontaneo e a tratti imperfetto, ieri sono apparsi molto più legati a precise scelte di copione. L’ex Iena stavolta non ha morso come suo solito (l’annunciata candidatura a segretario Pd si è risolta con una gag poco incisiva), pur mantenendo uno stile vivace. La giornalista tarantina, invece, non ha celato una certa faziosità in merito ai temi della puntata da lei introdotti o approfonditi.

Qui a Nemo non prendiamo posizioni” ha precisato la Petrini a margine di un servizio crudo e ben fatto sulla maternità surrogata, salvo poi proporre argomentazioni ed interrogativi piuttosto orientati a difendere tale pratica. Ma stavolta, come anticipavamo, a ricevere una certa impronta politica è stata l’intera trasmissione, che in scaletta aveva pure un’inchiesta sull’ultra destra europea e un’altra sulle comunità evangeliche a sostegno di Trump. In entrambi i casi non era difficile intuire la tesi di fondo.

Novità di quest’anno, la presenza in studio di due opinionisti interpellati sui temi della serata. Ieri è toccato a Pierluigi Battista e Morgan, che si è pure esibito al piano. Quella di introdurre momenti di confronto è stata un’idea interessante e astuta (due ospiti validi posso svoltarti la serata, se li hai) anche se, in una puntata già ricca di argomenti e di voci, c’è un rischio di ridondanza.

Che Nemo dovesse evolversi rispetto alla sua versione originale era necessario e fuori di dubbio. Ma da un programma con un tale potenziale ci saremmo aspettati una scossa innovativa, non un ripiegamento su abitudini, vizi e canoni tipici della tv già vista.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Enrico Lucci, Valentina Petrini
Nemo torna su Rai2: Lucci si candiderà a Segretario Pd. Ospiti e temi della puntata


Nemo - Petrini e Quirico
NEMO: FINALMENTE UNA NOVITÀ. PETRINI E LUCCI FANNO ‘PIAZZAPULITA ALLE IENE’


Cast Nemo
NEMO – NESSUNO ESCLUSO: ENRICO LUCCI PORTA IL MIX INCHIESTA-INTRATTENIMENTO SU RAI2. CON LUI VALENTINA PETRINI E GIORGIO MONTANINI


Enrico Lucci
Enrico Lucci irrompe travestito da Guardia Rossa: tensione all’assemblea anti-Renzi (Video)

1 Commento dei lettori »

1. Michele ha scritto:

24 febbraio 2017 alle 15:47

Non ha convinto nemmeno me.

Poi francamente non sopporto quando un ospite dice palesi inesattezze senza che nessuno lo contraddica. Un conto è dare, com’è giusto che sia, spazio a tutti. Un altro è far cadere nel vuoto certe affermazioni.

Di questi tempi sono tutti bravi a puntare il dito contro i populismi, ma spesso e volentieri sono gli stessi accusatori ad alimentarli.
Nell’intervento su Euro/Lira è stato fatto passare un messaggio totalmente fuorviante e volutamente parziale. Troppo facile raccontarla così.
Gli argomenti o si affrontano con serietà, oppure è meglio lasciar perdere onde evitare di far danni irrimediabili.

Non mi è piaciuto nemmeno il servizio sulla chiesa evangelica americana. Come giustamente fatto notare da uno degli ospiti, quello è sempre stato un bacino repubblicano.
La vittoria l’hanno portata gli swing state, con una forte componente di elettorato mobile che decide di volta in volta per chi votare.

Insomma, il programma è diventato caotico ed estremamente pressapochista.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.