4
febbraio

PIAZZAPULITA: TRUMP DOPPIATO CON LA VOCE DA CATTIVO (VIDEO) E SANTORO LO PARAGONA A HITLER

Donald Trump

Non sono cattivo, è che mi dipingono così. Donald Trump come Jessica Rabbit? Da quando è entrato alla Casa Bianca, il nuovo Presidente americano rimbalza assieme ai suoi primi provvedimenti da una tv all’altra. E nel racconto mediatico del suo debutto governativo capita pure che le ricostruzioni dei cronisti si sovrappongano alle news nude e crude con effetti sorprendenti. Sentite, ad esempio, cos’è successo a Piazzapulita giovedì scorso.

Durante il talk show di La7, il conduttore Formigli ha lanciato un servizio sul bando di Trump agli immigrati provenienti da sette nazioni a maggioranza islamica. Ma, nel filmato in questione, il Presidente americano era doppiato e tradotto da una voce con un tono severo e minaccioso, dovuto probabilmente ad un’interpretazione. Nell’audio originale, infatti, il magnate scandiva sì le parole ma non appariva così aggressivo.

Al contrario, le voci dei contestatori di Trump sono state rese con tono pacato, quasi affranto. “Io voglio stare dalla parte giusta della Storia” ha detto una manifestante sconsolata. Un’altra si è quasi commossa. Poi è riapparso il ‘cattivo’ Donald. Il tutto accompagnato da una musichetta tensiva. Effetto finale abbastanza innaturale: potete vedere il servizio in questione al minuto 1:27:18 qui sotto.

A Piazzapulita non è certo la prima volta che si parla di Donald Trump: a novembre, dopo la sua elezione, Rula Jebreal e Alan Friedman presero parte al dibattito scagliandosi all’unisono contro il magnate. “E’ un rigurgito bianco” attaccò la Jebreal.

Ma nel giovedì sera televisivo, anche Michele Santoro (diretto competitor dell’ex allievo Formigli) ha detto la propria sul Presidente americano. E nel farlo ha pure scomodato Adolf Hitler. In riferimento ad alcune situazioni storiche – quali il nazionalismo, lo Spazio vitale e poi la guerra – il giornalista ha detto:

In tanti pensano che quelle cose sono successe allora perché c’era quel pazzo di Hitler e quei pazzi delle SS, mentre Trump è americano, moderato, vuole il cambiamento, la fine della disoccupazione, il benessere degli addetti dell’industria. Ma secondo voi Hitler cosa diceva di volere? Esattamente le stesse cose“.

L’impressione è che dovremo stare all’erta: su The Donald ne sentiremo e vedremo davvero di tutti i colori, anche e soprattutto in termini di faziosità e tifoserie. Siamo solo all’inizio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Piazzapulita, Massimo D'Alema
Piazzapulita, D’Alema si infuria con Damilano: «Lei è uno stupido!» – Video


Milly Carlucci e Marla Maples
Ballando con le Stelle 2017: l’ex signora Trump, Marla Maples, è la “ballerina per una notte”


Vittorio Sgarbi imita Virginia Raggi
PIAZZAPULITA, SGARBI IMITA E SFOTTE VIRGINIA RAGGI: “È LA NUOVA AMBRA ANGIOLINI” (VIDEO)


Donald e Melania Trump
TRUMP PRESIDENTE USA: L’INSEDIAMENTO IN DIRETTA TV

4 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

4 febbraio 2017 alle 16:57

Ottima segnalazione, tra l’altro io stessa me ne ero accorta avendo seguito quella puntata e mi ero ripromessa di segnalarlo in uno dei miei commenti. Ne rimasi sconcertata, non solo per la spaventosa mistificazione della realtà, ma anche perchè costoro si dimostrano ancora una volta dei disinformatori seriali e sembrano rispondere ad un comune progetto mondiale. Se da un lato, negli USA questi disinformatori, definiti da Trump il vero parito di poosizione, vengono ampiamente sovvenzionati economicamente dalla Fondazione Clinton e da magnati liberal come Soros, non si capisce il perché in Italia accada la stessa cosa. Forse semplicemente sono così mediocri che lo fanno incosapevolmente accodandosi come pecoroni ai media americani, o forse perché non riescono proprio a non essere faziosi contro ogni cosa che per loro stia a destra.
Tra l’altro ho notato questa stessa tendenza anche nei TG Mediaset, ed in particolare il TG5 e TGCom24. Maria Luisa Rossi Hawkins sembra essere stata contagiata da una strana sindrome che la rende molto simile alla regina della disinformazione anti-trumpista Giovanna Botteri…



2. Luca ha scritto:

4 febbraio 2017 alle 18:53

Il paragone tra Hitler e Trump è figlio di quel perbenismo catto-comunista che ci ha ammorbato la vita negli ultimi 30 anni
Sono d’accordo con Roxy
Così come il paragone tra islamici ed ebrei
Gli islamici negli ultimi 15 anni si sono rivelati un pericolo per la civiltà occidentale
Ricordo al santoro e al formigli gli attentati dell’11 settembre ,Spagna,Londra,Parigi e Francia con migliaia di morti persino nelle chiese cattoliche ai danni di persone inermi
Evidentemente hanno la memoria corta i venduti alla sinistra dei salotti radical chic



3. BohBeh ha scritto:

4 febbraio 2017 alle 20:09

lo riposto senza video perchè richiede l’approvazione: il modo in cui parla Trump mi ricordava Palpatine quando fondava l’Impero Galattico in Star Wars Episodio III ehehe



4. Nina ha scritto:

6 febbraio 2017 alle 11:20

Solita scuola santoriana. Ricordo gli anni d’oro di Michele contro Berlusconi e gli ascolti monstre per le fiction che gentilmente ci offriva.

PS: Luca sei un grande, concordo al 100%



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.