30
gennaio

ROADIES: L’ENNESIMA SFORTUNATA SERIE SUL ROCK SBARCA SU PREMIUM STORIES

Roadies

Ormai è assodato. La maledizione del rock non si limita più ad accarezzare i suoi interpreti, spingendosi a stroncare malamente anche i titoli seriali loro dedicati. La differenza, però, è che in quest’ultimo caso il risultato è l’accesso a un immaginario tutt’altro che leggendario. Lo ha dimostrato il fuoco tanto vivace quanto effimero di Vinyl e lo conferma ora la flebile fiamma Roadies, consumatasi già dopo una sola stagione.

Il nuovo comedy-drama prodotto da J. J. Abrams (lo stesso di Westworld, per intenderci), in arrivo alle 21.15 di questa sera su Premium Stories (DTT pay, canale 316), è infatti soltanto l’ultimo di una sfilza di show che hanno fallito nell’omaggiare uno dei generi forse più mitici e venerati. Fatto ancora più stridente, se si pensa a come la serialità abbia finora sapientemente esplorato quasi ogni meandro del panorama musicale, illuminando il lato vivace della musica classica (con Mozart in the Jungle) e quello conflittuale del country (con Nashville), e navigando tra gli intrighi della scena hip hop (con Empire).

Da qui non si discosta poi molto la premessa di Roadies, che intende mostrare l’intera macchina organizzativa alla base del tour di una band dal nome ben poco rock (The Staton-House Band). L’ideatore Cameron Crowe (premio Oscar per la sceneggiatura di Quasi Famosi) non riesce però a imprimere la giusta forza attrattiva all’intreccio, finendo per annoiare lo spettatore già dal primo dei 10 episodi. Tra dialoghi inconcludenti e una trama zoppicante, faticano inoltre a emergere i tanti, forse troppi personaggi, tratteggiati solo superficialmente. Tasto dolente è tuttavia il poco spazio lasciato al rock che, nonostante una colonna sonora selezionata da Kelly Curtis, ex manager dei Pearl Jam, passa in secondo piano, confinando la stessa band protagonista a qualche apparizione.

È di conseguenza comprensibile la decisione di Showtime di cancellare la serie, il cui notevole sforzo produttivo non è riuscito certo nel rendere il racconto elettrizzante che invece ci si aspettava.

Roadies – La trama

La Staton-House Band è in arrivo a New Orleans e la gigantesca macchina organizzativa del tour si mette in moto. Tra gli addetti ai lavori, il tour manager donnaiolo Bill Hanson (Luke Wilson), la direttrice di produzione Shelli Anderson (Carla Gugino) e la giovane attrezzista Kelly Ann (Imogen Poots), divisa tra la passione per il rock e l’attrazione per il cinema. A creare scompiglio arrivano però un nuovo consulente finanziario e una groupie piuttosto insistente, mentre la rigida scaletta di giornata si avvicina sempre più freneticamente all’inizio del concerto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


The Inhumans
Serie Tv: le news dal Comic-Con 2017


Professione Vacanze
10 Serie d’Estate mai dimenticate


Colpevoli
Colpevoli: una nuova serie tedesca debutta nella seconda serata di Rai2


mad-men-finale
Rai4, palinsesti estate 2017: tutte le serie tv e i film in programma. Arrivano Mad Men 7, Mistresses, Zoo 2

1 Commento dei lettori »

1. Flavio ha scritto:

31 gennaio 2017 alle 11:00

Ciao! Scusa, non condivido affatto le critiche. È vero, i primi due/tre episodi sono di rodaggio, ma poi la serie prende il volo e ci si riesce ad appassionare alla grande. Meglio di Vinyl, meglio di Sex & Drugs & Rock And Roll (cancellata, forse, giustamente alla seconda stagione) e, dirò di più, ai livelli di Mozart In The Jungle, rimanendo in ambito musicale. Pensa che per trovare questo articolo stavo proprio cercando notizie su un eventuale salvataggio, ormai impossibile.
Esprime un mondo musicale, forse, che non esiste più; forse è troppo romanzata. Forse. Ma comunque era un’ottima serie. Cavolo, ci siamo cuccati un milione di stagioni di serie di medici, è un peccato che abbiano deciso di cancellare QUESTA serie musicale…
Il vantaggio è che, in qualche modo, i dieci episodi funzionano anche così come sono – li si potrebbe guardare tutti di fila come fosse un film di Cameron Crowe – ma trovo sia un peccato che l’abbiano cancellata lasciandoci con un cliff-hanger…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.