17
gennaio

KILLING REAGAN: NATIONAL GEOGRAPHIC RIPERCORRE L’ATTENTATO PRESIDENZIALE, CON CYNTHIA NIXON NEI PANNI DI NANCY REAGAN

Killing Reagan

In fatto di spunti narrativi, Donald Trump ha già posto solidissime basi per il futuro. L’episodio di Law & Order: SVU a lui ispirato ancor prima della sua elezione basterebbe infatti a polverizzare ogni record di leggendarietà mediatica. In attesa tuttavia delle prime produzioni televisive e cinematografiche a riguardo, ci si può sempre accontentare di guardare ai suoi predecessori, come ha scelto di fare National Geographic (canale 403 di Sky). Questa volta non si parla però del già compianto Obama o dell’indimenticato Kennedy. Alle 20.55 di questa sera andrà infatti in onda Killing Reagan, film per la tv incentrato sull’attentato al 40° presidente degli Stati Uniti.

Ispirata all’omonimo libro di Bill O’Reilly e Martin Dugard, la pellicola torna così al 1980. Mentre lo sguardo di mezzo mondo è focalizzato sul successo presidenziale di Ronald Reagan, la mente del venticinquenne John Hincley Jr (Kyle S. More) è invece proiettata sulla morbosa ossessione per l’attrice Jodie Foster. Disposto a tutto per incontrarla, il giovane decide pertanto di attrarne l’attenzione con un gesto estremo: uccidere il presidente. Il 30 marzo 1981, si consuma dunque un attentato che, con soli sei colpi di pistola, getta il paese nel caos. Ma il ferimento di Reagan si trasforma in un picco di popolarità, cambiando anche le dinamiche del suo matrimonio con la moglie Nancy.

Più che sull’evento storico in sé, il film si concentra quindi sui suoi effetti, indagando al contempo il rapporto di una delle coppie presidenziali più iconiche di sempre. A interpretarla, due volti altrettanto conosciuti, quali Tim Matheson, che ritorna alla narrazione politica dopo The West Wing, e Cynthia Nixon, conosciuta per il ruolo di Miranda Hobbes in Sex and The City. Lo speciale affida così alla rossa attrice una parte decisamente lontana dai trascorsi newyorkesi, dove spiccava per aridità e cinismo.

Lo speciale, prodotto da Ridley Scott, è inoltre fortemente attuale non solo per il richiamo al fervore politico statunitense, ma anche per il recente ritorno in libertà dell’attentatore John Hincley Jr e per la morte di Nancy Reagan, entrambi tra le cronache del 2016.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Cynthia Nixon e Laura Linney
THE BIG C: DA QUESTA SERA SU FOX LIFE L’ULTIMA BREVE (E STRAZIANTE) STAGIONE

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.